Aree dismesse e città

Esperienze di metodo, effetti di qualità

Contributi
Alessandro Balducci, Rosaria Battarra, Gianni Biagi, Gianni Carbonaro, Alessandro Casati, Palma Costi, Roberto D'Agostino, Ambra Dina, Renato Galliano, Angelo Gerosa, Riccardo Giustino, Giancarlo Goretti, Raimondo Innocenti, Francesco Karrer, Corrado Mancetti, Franco Mancuso, Maurizio Marcelloni, Umberto Mosso, Luigi Nappo, Rocco Papa, Gabriele Rabaiotti, Giuseppe Roma, Frank Roost, Stefano Sampaolo, Isabella Scaramuzzi, Dionisio Vianello, Augusto Vitale, Dennis Wellington
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 304,      1a edizione  2003   (Codice editore 365.276)

Aree dismesse e città. Esperienze di metodo, effetti di qualità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846451668

Presentazione del volume

Il recupero delle aree urbane dismesse comporta azioni complesse e la risoluzione di una vasta gamma di problemi. Problemi di ordine patrimoniale, di ordine procedurale, problemi ambientali, funzionali, urbanistici, architettonici e problemi di opportunità sociale ed economica. Le esperienze degli ultimi anni hanno mostrato con evidenza come il tema della qualità sia uno dei passaggi fondamentali per il successo delle operazioni di recupero. Non solo della qualità relativa alla validità e al successo delle procedure messe in campo, ma della qualità architettonica e urbanistica degli interventi realizzati e delle loro ripercussioni sociali ed economiche.

La rigidità dei piani generali, i troppi vincoli posti al progetto, si traducono spesso in una eccessiva predominanza degli aspetti normativi, che sovrastano e riducono lo spazio riservato alla qualità formale dell'architettura. Dal punto di vista dell'analisi economica e sociale, il tema del recupero delle aree dismesse si colloca al crocevia di diverse problematiche: il disagio sociale e il degrado ambientale legati alla dismissione; le opportunità di rilancio del sistema urbano e dei livelli occupazionali; le occasioni di business per gli operatori economici date dalla collocazione di nuove funzioni e servizi.

In questo quadro e al di là delle questioni urbanistiche e procedurali, le componenti sociali ed economiche - che possono essere in contrasto fra loro - giocano un ruolo fondamentale, anche se fino a oggi il dibattito italiano è stato in gran parte assorbito dal tema dei vincoli all'operatività, rappresentati in particolare dall'inadeguatezza del quadro legislativo e amministrativo. In una fase come quella attuale in cui tali ostacoli sembrano almeno in parte essere superati, grazie alle innovazioni introdotte negli anni novanta, questo volume si propone di avviare una rifflessione su tali temi a partire da un primo gruppo di trasformazioni in corso che è possibile cominciare ad analizzare.

Frutto del lavoro emerso da due convegni nazionali, il volume raccoglie analisi, riflessioni e casi studio inerenti la qualità urbanistica e architettonica del recupero e le ripercussioni socio- economiche degli interventi.

Indice


Marina Dragotto, Carmela Gargiulo , Chi salva l'area è a metà dell'opera
Parte I. Quale successo per le aree dimesse? Riflessioni a confronto
Roberto D'Agostino , Qualità urbanistico-architettonica e ricadute socio-economiche nella riflessione di AUDIS
Dionisio Vianello , La qualità degli interventi di trasformazione su aree dismesse
Francesco Karrer , Procedura concorsuale e qualità
Giancarlo Goretti , Qualità urbana e architettonica nel recupero delle aree dimesse
Augusto Vitale , La memoria come risorsa
Giuseppe Roma , Valutazione, trasparenza e responsabilità sociale nei progetti per le aree dimesse
Alessandro Balducci , Le aree dimesse tra politiche locali e cicli immobiliari
Stefano Sampaolo , Effetti sociali dei "programmi complessi"
Renato Galliano , Aree dimesse e sviluppo locale: il ruolo delle Agenzie in Italia e in Europa
Nicola Montagna , Il recupero sociale dal basso
Corrado Mancetti , Il recupero della partecipazione
Gianni Carbonaro , La BEI nelle città: rinnovo urbano e coesione sociale
Parte II. Proposte di metodo per conoscere e trasformare le aree dimesse
Carmela Gargiulo, Rosaria Battarra , Come leggere il successo delle aree dimesse? Da una proposta di metodo alla lettura del caso Napoli
Marina Dragotto , Aree dimesse: approcci, politiche e risultati attesi
Isabella Scaramuzzi , L'onere della prova
Parte III. Esperienze di recupero delle aree dimesse tra sviluppo economico, riqualificazione urbana e bisogni sociali
Bergamo
Luigi Nappo ,. Aree dismesse e qualità della vita: il ruolo della Pubblica amministrazione
Firenze
Gianni Biagi , Città nella città
Raimondo Innocenti , Il recupero e la trasformazione delle aree dimesse
Milano
Gabriele Rabaiotti , Ripensare lo spazio pubblico: il villaggio Barona
Modena
Palma Costi , Politiche per una partecipazione effettiva nella lotta al degrado urbano e alla (ri)costituzione del tessuto sociale
Napoli
Rocco Papa , Tipologie, spazzi e opportunità urbane della dismissione
Riccardo Giustino , Il ruolo delle aree dimesse nella riflessione dell'Associazione dei Costruttori Edili di Napoli
Roma
Maurizio Marcelloni , Recenti esperienze di sostituzione
Umberto Mosso , Il riuso del complesso degli ex Mercati generali
Rovereto
Franco Mancuso , Il recupero della ex Pirelli e la realizzazione del centro Tecnofin Servizi
Sesto San Giovanni
Angelo Gerosa , Alessandro Casati , Casa e lavoro nella città trasformata
Venezia
Ambra Dina , I programmi di recupero urbano
Berlino
Frank Roost , Revitalisation of Industrial Areas in Germany: The case of Peter Behrens' AEG-Factories
Dennis Wellington , Bibliografia ragionata
Marina Dragotto , Istituzioni, associazioni ed enti partecipanti.