Fiori sotto zero

Manuale per la formazione degli operatori addetti all'assistenza dei malati di Alzheimer

Autori e curatori
Contributi
Elisabetta Ferrari, Silvia Gianella, Elena Giudici, Loretta Nava, Nadia Silistrini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 142,   1a ristampa 2009,    1a edizione  2004   (Codice editore 1046.63)

Fiori sotto zero. Manuale per la formazione degli operatori addetti all'assistenza dei malati di Alzheimer
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846454010
Clicca qui per provare l'e-book

Presentazione del volume

Nel corso degli ultimi decenni abbiamo assistito ad una crescita del numero degli anziani non autosufficienti, parziali o totali, conseguente all'allungamento dell'età media della vita. Tra le patologie che causano tale condizione le diverse forme di demenza assumono una sempre maggiore rilevanza. Considerata, all'interno di queste patologie, l'alta percentuale di casi riconducibili al morbo di Alzheimer, abbiamo focalizzato la nostra attenzione su questa forma di demenza.

Preso atto di tale evoluzione, si rende necessario un nuovo approccio nei confronti dell'utenza che tenga conto della complessità di queste patologie e dei diversi aspetti (cognitivo, emotivo, sociale e fisico) della vita dell'anziano che vengono compromessi. Agli operatori sono richieste competenze multidisciplinari come se dovessero infilarsi ogni volta e velocemente "un paio di occhiali nuovo e diverso" per leggere le forme in cui si manifesta la demenza di Alzheimer. Contemporaneamente ad una visione globale, è essenziale considerare la storia ed i vissuti di ciascuna persona che determinano l'emergere delle diverse connotazioni della malattia. Diventa, quindi, fondamentale imparare ad osservare l'anziano e conoscere il suo passato, la sua vita, al fine di fornire un'assistenza personalizzata.

I fiori ghiacciati non possono esprimere il loro potenziale. Non emanano profumo, i colori sono sbiaditi, sfocati, la forma è distorta dal gelo. Vediamo con i nostri occhi che sono fiori, ma quasi "non lo sono" o lo sono in potenza, in attesa che, in condizioni climatiche adeguate, possano ritornare a sprigionare almeno parte della loro essenza. Come i fiori che il gelo ha fermato, così i malati di Alzheimer sono in grado di ritornare ad esprimere nuovamente le loro potenzialità affettive e cognitive se messi in condizioni ambientali adeguate, intendendo con "ambiente" non solo gli spazi fisici, ma anche le cose e, soprattutto, le persone che lo popolano e lo modellano.

Questo libro non vuole essere una pubblicazione strettamente medico-scientifica sulla demenza di Alzheimer. Nasce come strumento didattico, come possibile libro di testo da usare all'interno dei corsi di formazione ed aggiornamento degli operatori.

Indice


Daniela Barbot , Introduzione
Nota degli autori
Daniela Barbot , Sapere, interrogarsi ed essere creativi: lavorare con utenti effetti da Alzheimer
Elena Giudici , Che cos'è la malattia di Alzheimer
(Premessa; Invecchiare: che cosa significa; Invecchiamento e comorbidità; la fase dell'allettamento; Le sindrome demenziali; La demenza di Alzheimer; La diagnosi differenziale tra demenza e delirium ; Elisabetta Ferrari , Bibliografia)
Nadia Silistrini , Assistenti e assistiti: dentro la malattia e oltre
(Introduzione: il cuore è nel cervello; La malattia di Alzheimer; Una biografia da ricostruire, una vita da continuare; Guardare per vedere, udire per ascoltare; Condividere per imparare, imparare a condividere)
Loretta Nava , I disturbi comportamentali e psichici
(Dalla contenzione all'osservazione; Approccio ai più frequenti disturbi comportamentali e psichici nel malato di Alzheimer; I disturbi comportamentali; I disturbi psichici; In sintesi)
Silvia Giannella, Elena Giudici , La comunicazione e l'ascolto
(Introduzione; La comunicazione nella malattia di Alzheimer; L'ascolto; Bibliografia)
Loretta Nava , Metodologie di lavoro e strategie d'intervento
(Premessa; La memoria; Gli interventi riabilitativi)
Elisabetta Ferrari , Bibliografia ragionata
Elena Giudici , Esercitazioni
(Gruppo A. studi di caso; Gruppo B: giochi di comunicazione e relazione; Gruppo C: strumenti di valutazione)
Pierluca Borali , Glossario.