Interdipendenze industriali e programmazione regionale

Autori e curatori
Contributi
A. Amato, R. Berardi, Roberto Camagni, G. Cannata, R. Cappellin, Gian Primo Cella, M. D'Antonio, A. Del Monte, R. Fanfani, L. Filippini, C. Filippucci, A. Gardini, R. Guarini, D. Martellato, C. Miglierina, E. Moi, F. Pilliton, A. Santeusano, L. Senn, L. Turci
Livello
Dati
pp. 408,   figg. 63,     1a edizione  1978   (Codice editore 362.21)

Interdipendenze industriali e programmazione regionale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 55,00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820410780

Presentazione del volume

P. Costa (nato nel 1943) è professore stabilizzato i economia politica nella Facoltà di economia e commercio dell'Un. di Venezia (Ca' Foscari). laureato in economia a Venezia, ha studiato economia géographique presso la Faculté da droit et sciences économiques di Parigi. Direttore del Co.S.E.S. (istituto di ricerca sull'economia e la pianificazione urbana della provincia di Venezia) dal 1969 al 1972; ha insegnato dal 1972 al 1976 -pianificazione ed organizzazione territoriale- ed economia regionale nella Facoltà di scienze politiche dell'Un. di Padova. Nel 1975 è stato visiting professor presso il Department of Geography dell'Università di Reading (Inghilterra). E' autore di numerosi saggi di politica economica, economia regionale e pianificazione urbana apparsi su riviste italiane e straniere.

Indice

• P. Costa: Introduzione
• La costruzione di tavole regionali delle interdipendenze industriali La costruzione di tavole regionali con metodi indiretti: F. Pilloton. La costruzione di tavole intersettoriali coerenti per le regioni meridionali. La stima del valore aggiunto e della produzione
• A. Del Monte e R. Fanfani, la stima dei consumi privati nella costruzione delle tavole intersettoriali per le regioni meridionali
• R. Berardi, La stima degli investimenti regionali per settore di utilizzazione
• P. Costa e E. Moi, La stima delle esportazioni regionali nella costruzione della tavola intersettoriale dell'economia veneta
• C. Miglierina e L. Seno: la tavola dell'economia trentina
• C. Filippucci e A. Gardini, Il modello input-output regionale e alcune considerazioni sul metodo biproporzionale per la sua costruzione
• R. Fanfani, La disaggregazione regionale dell'agricoltura nelle tavola delle interdipendenze industriali
• Tavole interregionali e metodi indiretti di costruzione: R. Camagni, Un modello per la valutazione del commercio interregionale tra le regioni italiane
• E. Moi, Un'applicazione del metodo della massimizzazione dell'entropia per la stima dei flussi interregionali di tabacco
• La costruzione di tavole regionali con metodi diretti: A. Santeusanio, Sulla costruzione "diretta" della tavola economica intersettoriale delle Marche
• M. C. Turci, la matrice dei consumi a livello regionale: una applicazione alle Marche
• R. Guarini, La valutazione del commercio esterno della Sicilia e della Sardegna nella costruzione delle tavole input-output regionali
• D. Martellato, Metodi per la stima stocastica dei modelli input-output
• Modelli input-output e programmazione regionale
• L'impiego dei modelli input-output regionali: M. D'Antonio, la tavola interindustriale regionale, strumento di analisi e politica economica ,
• A. Amato: La tavola intersettoriale dell'economia ligure: prime valutazioni da una analisi degli effetti moltiplicativi
• G. Celia, l'interdipendenze produttive ed effetti di polarizzazione: un tentativo di applicazione all'economia italiana
• P. Costa, I settori motori dell'economia veneta. Tentativi di identificazione
• lnput-output e altri modelli di analisi regionale: G. Cannata Modelli economico-ecologici per la programmazione regionale
• R. Cappellin, Modelli intersettoriali e modelli econometrici regionali
• L. Filippini, L'analisi del complesso industriale e la programmazione regionale.