Manuale di sociologia della salute

III. Spendibilità

Autori e curatori
Contributi
Paola Maria Fiocco, Guido Giarelli, Annamaria Perino, Weiner Foschi, Paola Piccinini, Vittoria Sturlese, Silvia Lolli, Beatrice Lomaglio, Susanna Vezzadini, Stefania Florindi, Francesca Rossetti, Antonio Maturo, Cinzia Pizzardo, Antonio Chiarenza, Gerardo Catena, Gianluigi Piatti, Adriano Passerini, Luigi Mazza, Mette Rudvin, Cinzia Conti
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 368,      1a edizione  2005   (Codice editore 1341.1.5)

Manuale di sociologia della salute. III. Spendibilità
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846468437

Presentazione del volume

Questo manuale – dedicato all’area della spendibilità – affronta questioni legate alla dimensione operativa della sociologia della salute.

La spendibilità va intesa quale sapere che si trasforma in fatti concreti, progettazione e programmazione volta al miglioramento della qualità della vita, prevenzione del disagio, diffusione dell’innovazione, riduzione del conflitto.

I rapporti tra salute e immigrazione, la sicurezza (legata a temi quali la vittimologia, il rischio in sanità, il contenzioso socio-sanitario), la gestione della qualità in sanità (Carta dei servizi, reclami, comunicazione), l’analisi di alcune patologie (handicap, diabete) rappresentano diversi ambiti che trovano approfondimento in questo manuale.

Con la dimensione della spendibilità, ovvero di quell’area cruciale che, unitamente alla teoria e alla ricerca, fonda l’identità della sociologia, si conclude la nostra proposta di divulgazione scientifica.

Certo, ossimoricamente, si tratta di una conclusione provvisoria: la speranza è che attraverso questa triade – composta dai volumi I e II, dedicati rispettivamente alla Teoria e alla Ricerca , nonché da questo III, – studenti, esperti, professionisti abbiano a disposizione degli strumenti che possano essere utilizzati in modo flessibile nelle molteplici ed eterogenee aree all’interno delle quali si dipana la sociologia della salute.

Costantino Cipolla , presidente del Corso di laurea specialistica in Sociologia della salute e degli stili di vita presso l’Università degli Studi di Bologna, è direttore del Master universitario di II livello in Valutazione della qualità dei servizi socio-sanitari. Dirige la rivista “Salute e Società” (FrancoAngeli). Fra le sue ultime pubblicazioni per i nostri tipi ricordiamo: Epistemologia della tolleranza (1997, 5 Voll.); Un ricordo di Solferino oggi. Genesi e significato della Croce Rossa (a cura di, 2003); Il contenzioso sanitario in Italia (a cura di, 2004); Manuale di sociologia della salute. I. Teoria (a cura di, 2004); Manuale di sociologia della salute. II. Ricerca (a cura di, 2004); La sessualità come obbligo all’alterità (a cura di, 2005).

Indice


Costantino Cipolla, Introduzione
Paola Maria Fiocco, Formazione sociologica e salute
Guido Giarelli, Verso un sistema integrato di miglioramento della qualità nei servizi sanitari
Annamaria Perino, Il Piano di Salute come strumento di programmazione partecipata
Weiner Foschi, L’handicap in una prospettiva sicio-psico-ecologica
Paola Piccinini, Qualità della vita in adolescenti affetti da diabete insulino-dipendente: una ricerca empirica
Vittoria Sturlese, I gruppi di auto-mutuo aiuto
Silvia Lolli, Vittimologia e salute: quando le vittime sono le donne
Beatrice Lomaglio, Susanna Vezzadini, Mediazione interpersonale e salute
Stefania Florindi, Il contenzioso socio-sanitario
Francesca Rossetti, Sicurezza e gestione del rischio in sanità. Una prospettiva sociologica
Antonio Maturo, Cinzia Pizzardo, Reclami per la salute
Antonio Chiarenza, Gli ospedali migrant-friendly: un’iniziativa europea di promozione della salute degli immigrati e delle minoranze etniche
Gerardo Catena, Gianluigi Piatti, Una buona comunicazione per la salute
Adriano Passerini, La Carta dei servizi in sanità
Luigi Mazza, Una lettura sociologica della legge 328/00
Antonio Maturo, La farmacia dei servizi: un’introduzione
Mette Rudvin, Interprete medico, interprete sociale, o mediatore culturale linguistico? Le esigenze di comunicazione interculturale in ambito socio-sanitario
Cinzia Conti, Modelli migratori e bisogni socio-sanitari: una ricerca




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi