Professione facilitatore

Le competenze chiave del consulente alle riunioni di lavoro e ai forum partecipati

Autori e curatori
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 240,   3a ristampa 2012,    1a edizione  2005   (Codice editore 25.1.9)

Professione facilitatore. Le competenze chiave del consulente alle riunioni di lavoro e ai forum partecipati
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Questo è il primo libro che si propone di definire il profilo professionale del facilitatore, la figura di consulente nei gruppi e nelle organizzazioni che è nata appositamente per agevolare conflitti, problemi e apprendimenti. È rivolto ai responsabili di risorse umane, consulenti, formatori, ma anche a tutte le figure professionali dell’educazione e del sociale (insegnanti, animatori, counselor, educatori).

Presentazione del volume

Questo libro si propone di definire il profilo professionale del facilitatore, la figura di consulente nei gruppi e nelle organizzazioni che è nata appositamente per agevolare conflitti, problemi e apprendimenti. Il facilitatore - interno o esterno alle aziende - nelle riunioni assume la posizione di presenza-neutra nei contenuti e di regista interazionale negli scambi.
Quali sono le sue competenze?
- È un organizzatore/coordinatore delle risorse tecnico-manageriali (catalizzatore)
- È un traduttore di linguaggi, sostenitore della persona e del gruppo (mediatore)
- Ha specifiche capacità di accoglienza delle emozioni, è un accompagnatore di nuovi comportamenti e atteggiamenti (agente di aiuto)
- Infine, crea il giusto clima per la conoscenza, nell'action learning, nei gruppi speciali e di progetto (motivatore).
Quali sono le teorie su cui poggia? Il loro centro è nel pensiero duale: nella presenza contemporanea di negativo e positivo e nella convivenza delle polarità. Si concretizza in un approccio sistemico, da cui scaturiscono i modelli del facilitatore, della comunicazione ecologica e della comunicazione partecipata. Tali metodi danno vita ad un'ampia schiera di strumenti per la valorizzazione della negatività (incertezza, resistenze, opposizioni) e la costruzione di abilità e benessere.
Nel volume si presentano infine i diversi profili applicativi del facilitatore: dal professional (l'agente esterno, specialista) al trainer-facilitatore (personale interno per la gestione efficace di riunioni, colloqui, gruppi di lavoro).
Il libro è rivolto alle organizzazioni (responsabili di risorse umane, consulenti, formatori), a tutte le figure professionali dell'educazione e del sociale (insegnanti, animatori, counselor, educatori) e ai giovani studenti nel campo delle scienze sociali e del management.

Pino De Sario, psicologo sociale e formatore, membro associato e docente presso la Società Italiana di Biosistemica, insegna Metodi di facilitazione nei gruppi presso il Master all'Università di Siena "Relazioni interpersonali, comunicazione e counseling". Da anni lavora nelle organizzazioni, e interviene come formatore di facilitatori e consulente per il benessere nei gruppi di lavoro e di aiuto. Consigliere di AIF Toscana dal 2000, è autore di diversi volumi tra cui Buone parole (1998); editi da FrancoAngeli, Vivere l'ecologia (1999), Non solo parole (2002).

Indice


Introduzione
Ringraziamenti
Parte I. Una nuova figura professionale. Caratteristiche e compiti: un primo orientamento metodologico
Le azioni del facilitatore
(Le caratteristiche ideali del facilitatore; Il livello di esperienza-competenza del facilitatore; La formazione del facilitatore al suo ruolo; I compiti prima, durante e dopo la facilitazione; Un consulente di processo, tra turni e tematismi)
Costrutti-base per una facilitazione efficace
(La comunicazione ecologica. I principi; La comunicazione ecologica. Le mappe; I costituenti della partecipazione; Le basi della comunicazione partecipata; La dinamica di gruppo, coordinate e schemi; Jerome Liss, La valorizzazione della negatività: quando il facilitatore viene criticato)
Parte II. Le basi teoriche e concettuali. La definizione delle competenze professionali
Il modello del facilitatore professional
(Primi tentativi di classificazione delle abilità di base; Il modello dei "quattro vertici"; Conoscenze e "teorie sottostanti"; Competenze e "aree di contenuto"; Profili professionali del facilitatore; Dilemmi e quesiti aperti)




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Pubblicità