Qualità del lavoro, squilibri tra struttura qualitativa della domanda e dell'offerta di lavoro e strategie di apprendimento

Contributi
Giuseppina Autiero, Vando Borghi, Bruna Bruno, Gian Carlo Cainarca, Maria De Paola, Maria Lucia Parrella, Vincenzo Scoppa, Francesca Sgobbi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2007   (Codice editore 1280.83.84)

Qualità del lavoro, squilibri tra struttura qualitativa della domanda e dell'offerta di lavoro e strategie di apprendimento
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 45,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846484970

Presentazione del volume

Il fascicolo contiene vari saggi sulla qualità del lavoro e sugli squilibri tra struttura qualitativa della domanda di lavoro, in incessante cambiamento sotto l'influenza del processo tecnologico e organizzativo, e la struttura qualitativa dell'offerta di lavoro. Gli squilibri sono analizzati sia in termini di skill mismatches sia in termini di educational mismatches, per fissare infine l'attenzione sulle differenze nella richiesta (da parte del sistema produttivo) e la disponibilità (presso i lavoratori) delle competenze, intese come capacità/abilità a svolgere determinate funzioni produttive.
Si tratta di saggi presentati alle riunioni annuali dell'AIEL, l'Associazione Italiana Economisti del Lavoro, nel settembre 2004 a Modena, e nel settembre 2005 a Roma.
Essi presentano un esame approfondito e critico dei contenuti al riguardo suggeriti dalla letteratura di Economia del lavoro esistente, prevalentemente in lingua inglese, con alcuni tentativi di confronto delle ipotesi teoriche emergenti con la realtà italiana, quale può esse-re descritta e analizzata alla luce dei dati microeconomici di varia fonte (comprese alcune indagini sul campo).
Il fascicolo si chiude con un supplemento di Tendenze dell'occupazione, redatto sulla base di un rapporto degli esperti della Commissione delle Comunità Europee.
Dalla lettura attenta dei saggi, risulta chiaramente l'importanza che le strategie di apprendimento possono avere per efficacemente affrontare e superare tali squilibri, e perseguire quindi un equilibrato sviluppo produttivo e umano in tutti i sistemi economico/sociali, compresa l'Italia.
Tale lettura appare dunque opportuna per tutti coloro che, studiosi e operatori (a livello internazionale, nazionale, locale), hanno rilevanti compiti e responsabilità nel campo delle suddette strategie.

Indice



Luigi Frey, Premessa
Luigi Frey, Gabriella Pappadà, Qualità del lavoro e strategie formative
(Introduzione; Il concetto di qualità del lavoro; Gli indicatori per definire la precarietà; La società della conoscenza e i mercati del lavoro; Fallimenti dei mercati del lavoro e problemi di apprendimento; Condizioni di lavoro soddisfacenti e apprendimento; Modello econometrico e verifiche empiriche; Risultati delle verifiche empiriche; Le strategie per l'apprendimento e il ruolo delle istituzioni pubbliche e dei mercati del lavoro; Appendice; Riferimenti bibliografici)
Vando Borghi, La sostanza della qualità: una indagine sulla qualità del lavoro in Emilia Romagna
(Introduzione; La qualità del lavoro: alcune coordinate di fondo; L'indagine sulla qualità del lavoro: metodologia e risultanze; Oltre una qualità male intesa: proseguire l'esplorazione; Riferimenti bibliografici)
Gian Carlo Cainarca, Francesca Sgobbi, Educational mismatch e skill mismatch: un'indagine empirica sui lavoratori italiani
(Introduzione; Il dibattito teorico; I quesiti di ricerca; I dati; La metodologia di indagine; I risultati empirici; Conclusioni e linee di ricerca future; Riferimenti bibliografici)
Luigi Frey, Gabriella Pappadà, Strategie di apprendimento ed equilibrio dinamico tra struttura professionale della domanda e dell'offerta di lavoro
("Squilibri professionali", competenze, "squilibri formativi" e "squilibri di apprendimento"; Una riflessione sui risultati della ricerca comparativa EDEX; Le esigenze della domanda di lavoro e le caratteristiche dell'offerta di lavoro; La misurazione del "mismatch": i modelli di "job matching" e "job duration data"; L'applicazione di un modello "hazard rate" alla realtà italiana; Mobilità dell'offerta di lavoro dallo status di disoccupato o di occupato occasionale allo status occupato; Considerazioni finali in merito alle strategie di apprendimento; Riferimenti bibliografici)
Maria De Paola, Vincenzo Scoppa, Distorsioni nel mercato del lavoro e investimenti in istruzione
(Introduzione; Differenze nelle performance scolastiche e caratteristiche dei mercati del lavoro regionali; Mercato del lavoro, impegno degli studenti e definizione degli standard: un semplice modello; Considerazioni conclusive; Riferimenti bibliografici)
Giuseppina Autiero, Bruna Bruno, Maria Lucia Parrella, Contenuto di istruzione della domanda di lavoro in Italia
(Introduzione; La composizione della domanda di lavoro in Italia: alcune caratteristiche generali; I risultati dell'analisi: la prima dimensione; La seconda dimensione: le trasformazioni in atto nell'economia italiana e le differenze territoriali; Upgrading nell'istruzione; Le difficoltà di reperimento; Conclusioni; Appendice; Riferimenti bibliografici)
Supplemento
Luigi Frey, Qualità del lavoro e sicurezza dell'occupazione in Europa.