Scienza e società nel Settecento veneto.

Il caso veronese 1680-1796

Autori e curatori
Contributi
Gian Paolo Romagnani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 528,      1a edizione  2008   (Codice editore 496.1.66)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Scienza e società nel Settecento veneto. Il caso veronese 1680-1796
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 39,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846499554

In breve

Immergendo il lettore nella realtà della Verona del Settecento, questa monografia mette in primo piano gli intrecci tra attività scientifiche e tessuto vivo della società italiana. Attraverso un dettagliato studio di ambienti e contesti, il testo mostra come i dibattiti sulle scienze della vita si incarnino nelle diatribe tra medici galenici e neoterici, pronti a pubblicare libri e opsucoli, organizzare esperimenti per convincere i concittadini della bontà delle rispettive filosofie e terapie.

Utili Link

Società e Storia Recensione (di Elena Brambilla)… Vedi...

Presentazione del volume

Immergendo il lettore nella realtà urbana della Verona del Settecento, questa monografia mette in primo piano gli intrecci tra attività scientifiche e tessuto vivo della società italiana. Attraverso un dettagliato studio di ambienti e contesti, l'autore mostra come i dibattiti sulle scienze della vita si incarnino nelle diatribe tra medici galenici e "neoterici", pronti a pubblicare libri ed opuscoli, organizzare esperimenti, tenere lezioni pubbliche per convincere i concittadini della bontà delle rispettive filosofie e terapie.
Nei retrobottega delle farmacie si ammirano le curiosità del sottosuolo raccolte dagli speziali, o si discute di storia naturale. I misteriosi "pesci impietriti" sono per alcuni la venerata reliquia del Diluvio biblico; ad altri, spalancano gli abissi di un mondo immensamente più antico in cui si dissolvono coscienze e certezze. Mentre la nobiltà scopre nei suoi salotti le nuove meraviglie elettriche e chimiche, le discussioni sulla generazione dell'uomo animano i caffè, contrapponendo conservazione e modernità, scienza sperimentale e teologia cristiana.
In un tempo in cui le controversie scientifiche non rimangono circoscritte all'ambito degli "esperti", anche l'élite del sangue e del denaro interviene nei dibattiti, per preservare un ordine minacciato dalle derive materialiste della scienza moderna e dalla Rivoluzione che essa sta contribuendo a generare.

Ivano Dal Prete svolge attività di ricerca presso l'Università del Piemonte Orientale e l'Istituto per la Storia del Pensiero Filosofico e Scientifico moderno (CNR, Milano). Si occupa di storia sociale e materiale della scienza e dell'edizione di testi e carteggi scientifici di età moderna, con particolare attenzione all'ambiente veneto. Ha pubblicato vari saggi su riviste specializzate, volumi miscellanei e atti di convegni. Scienza e società nel Settecento veneto è il suo primo libro.

Indice



Indice delle illustrazioni
Gian Paolo Romagnani, Prefazione
Introduzione
Il braccio dell'Autorità. 1680-1715
(Il Collegio medico e i suoi nemici; "Aut docet, aut discit". Anime e voci di una società scientifica)
L'età di Maffei. 1715-1755
(Scienza e nobiltà; Le età del Mondo. L'affermazione del Diluvio e della cronologia biblica; Astronomia e filosofia sperimentale a metà Settecento)
Gli "abusi" della ragione. 1755-1796
(Azioni e reazioni; Luoghi e teatri della scienza)
Fonti manoscritte
Bibliografia
(Fonti edite; Studi)
Indice dei nomi.