Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
La differenza c'è

Ida Castiglioni

La differenza c'è

Gestire la diversità nell'organizzazione dei servizi

Il diversity management, o gestione della diversità come strategia organizzativa, intende affrontare la complessità della coesistenza di culture diverse negli ambiti del lavoro e della scuola. Nato agli inizi degli anni Novanta negli Stati Uniti e poi diffuso nel Nord Europa, oggi approda anche in Italia. Questo volume intende presentare le potenzialità di tale approccio nel nostro Paese attraverso dati empirici e pratiche da testare.

Edizione a stampa

18,00

Pagine: 128

ISBN: 9788856804850

Edizione: 2a ristampa 2021, 1a edizione 2009

Codice editore: 1168.1.52

Disponibilità: Discreta

Da tempo le società multiculturali occidentali stanno affrontando la sfida della coesistenza di culture diverse. Non più solo nuovi arrivi, ma seconde e terze generazioni di persone che acquisiscono cittadinanza e allo stesso tempo rimangono portatrici di stili di comunicazione e di riferimenti valoriali diversi dal cosiddetto mainstream.
Il contesto italiano si presenta come un laboratorio estremamente interessante nel panorama europeo per il numero di nazionalità ed etnie presenti sul territorio e per la scarsa influenza del fenomeno di attrazione migratoria post-coloniale tipico di nazioni come la Francia, il Regno Unito e l'Olanda.
Le organizzazioni del lavoro, insieme alla scuola, sono le prime a doversi confrontare con tale tipo di complessità. Gli ambiti dei servizi sociali e sanitari stanno vivendo questo cambiamento da diversi anni per quanto riguarda l'utenza, che è sempre più "straniera"; alcune realtà inoltre registrano già una presenza, più o meno significativa, di personale di cultura nazionale diversa all'interno dell'organizzazione, e in una prospettiva crescente.
Eppure, la diversità tra le persone non consiste solo di un passaporto: ci sono diversità tra uomini e donne, tra persone con una diversa abilità fisica, tra individui con un differente orientamento sessuale, tra generazioni, regioni e diverse appartenenze funzionali e organizzative. Se questo caleidoscopio di differenze rimane sottaciuto generalmente diventa un problema: se valorizzato, una risorsa.
Il diversity management o gestione della diversità come strategia organizzativa, nasce agli inizi degli anni Novanta negli Stati Uniti proprio con l'intento di affrontare tale complessità negli ambiti del lavoro e della scuola; negli ultimi dieci anni si è diffuso nel Nord Europa e sta approdando in Italia.
Questo volume intende presentare le potenzialità di tale approccio nel nostro Paese attraverso dati empirici e pratiche da testare. Coniugando la prospettiva interculturale dinamica ed elementi di change agentry delle organizzazioni, l'autrice sottolinea la necessità di intervenire su più livelli al fine di aprire il sistema a partire dalla valorizzazione delle sue risorse lavorative.

Ida Castiglioni è ricercatrice e docente presso la Facoltà di Sociologia dell'Università Milano-Bicocca. È anche consulente internazionale sui temi della comunicazione interculturale e del diversity management nelle organizzazioni.



Alberto Giasanti, Prefazione
Cultura e diversità
(Sentire la diversità intorno a noi; Cultura e identità europea; Cultura e identità come processi; La diversità chiede riconoscimento; Sulla Political Correctness; Costruzione e mantenimento degli stereotipi)
Contesto e pragmaticità del diversity
(Un confronto tra azioni positive, valorizzazione della diversità e gestione della diversità; Le dimensioni organizzative; La professionalità "trasparente"; Cosa sta succedendo nel mercato del lavoro?; La diversità all'interno: gay e lesbiche sul posto di lavoro)
Comunicare con la diversità
(Il modello delle dimensioni multiple dell'identità; L'autoconsapevolezza culturale; La comunicazione interculturale; La comunicazione interculturale in ambito sanitario)
La sensibilità interculturale e la sua misurazione
(Diversity e competenza interculturale; Il Modello Dinamico di Sensibilità Interculturale; L'Intercultural Development Inventory (IDI); La ricerca; La ricerca empirica: i dati descrittivi; La ricerca-intervento; Conclusioni)
Il cambiamento
(Per non diventare rane bollite; L'ordine dei cambiamenti; I gradini del cambiamento; Gli impedimenti all'apprendimento nelle organizzazioni o la resistenza al cambiamento; Il cambiamento di paradigma; Agire il cambiamento; Il diversity come innovazione necessaria)
Milton J. Bennett, Postfazione
Guida all'approfondimento bibliografico.

Contributi: Milton J. Bennett, Alberto Giasanti

Collana: Le professioni nel sociale

Argomenti: Politiche e servizi sociali - Sociologia dei processi culturali - Sociologia economica, del lavoro e delle organizzazioni

Livello: Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari

Potrebbero interessarti anche