Nutrire la città.

Produzione e commercio alimentare a Milano tra Cinque e Seicento

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2009   (Codice editore 1611.6)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Nutrire la città. Produzione e commercio alimentare a Milano tra Cinque e Seicento
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,50
Disponibilità: Limitata




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856813999
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856808933
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume coglie l’interazione fra le corporazioni alimentari e gli uffici annonari per illustrare l’influenza di queste organizzazioni sulle politiche annonarie nel XVI e XVII secolo. Il testo indaga non soltanto le scelte amministrative, che lasciano trasparire la complessità della materia alimentare e annonaria, ma anche i piccoli e variegati intrecci di commercianti, grandi operatori, donne e garzoni che affollavano i mercati cittadini, protagonisti di quella che si può definire la “rete commerciale” di una grande città d’antico regime.

Utili Link

Bresciaoggi Nutrire la città: le tavole milanesi tra '500 e'600… Vedi...

Presentazione del volume

Il volume coglie l'interazione fra le corporazioni alimentari e gli uffici annonari per illustrare l'influenza di queste organizzazioni sulle politiche annonarie nel corso del XVI e XVII secolo. Infatti, gli interessi rappresentati dalle istituzioni corporative giocarono un ruolo tanto decisivo quanto finora poco approfondito.
Se è vero che durante l'età moderna le istituzioni corporative si andarono modificando ed evolvendo anche verso il rafforzamento progressivo delle funzioni più latamente economiche, come l'assistenza e la formazione, è in ogni caso assodato che i profondi mutamenti intervenuti al loro interno furono la risposta a quanti - artigiani, produttori e mercanti - volevano poter esercitare liberamente la propria attività economica.
Sono qui indagate non soltanto le scelte amministrative, che tanto lasciano trasparire la complessità della materia alimentare e annonaria, ma anche i piccoli e variegati intrecci di commercianti, grandi operatori, donne e garzoni che affollavano le piazze e i mercati cittadini, protagonisti di quella che si può definire la "rete commerciale" di una grande città d'antico regime, quale era la Milano cinque-secentesca.

Lavinia Parziale è dottore di ricerca in Storia economica e attualmente collabora con la cattedra di Storia economica dell'Università degli Studi di Brescia in qualità di borsista. I suoi studi sono indirizzati verso la storia sociale ed economica principalmente dei secoli XVI e XVII. È autrice di diversi articoli sulla realtà milanese in età moderna.

Indice



Lavinia Parziale, Nutrire la città
Tavola delle abbreviazioni
Nota su monete e unità di misura
Introduzione
Gli uffici annonari tra Stato e città
(Il Magistrato delle Entrate Straordinarie; Il Tribunale di Provvisione; Il giudice delle vettovaglie)
Mercato alimentare e contesto urbano
(L'organizzazione corporativa; L'evoluzione delle corporazioni attraverso i cambiamenti statutari; Un percorso di ascesa sociale: le famiglie dei beccari; Il lavoro femminile in una realtà maschile; Sistemi corporativi e organizzazione annonaria; Cambiamenti e dinamiche nel corso del Seicento: l'avvento del "grande" mercante; Un panorama in evoluzione)
La dinamica dei prezzi fra regolazione e mercato
(Il controllo dei prezzi; IL cinquecento: un andamento altalenante; Il trend diversificato del Seicento; Il mercato cittadino: regolazione o libero scambio?; Le licenze. Tra concessioni e revoche; Le gride come strumenti di regolamentazione annonaria)
I consumi
(Per il vivere delle monache; Il monastero di S. Bernardo e il valore degli appendizi; La tavola delle famiglie nobili; La famiglia Trivulzio, la famiglia Crivelli Giulini e gli Ajroldi di Robbiate; La fame dei poveri: i consumi attraverso i mastri dell'Ospedale Maggiore)
Appendice
Indice dei nomi.