Giustizia minorile e integrazione sociale

Autori e curatori
Contributi
Luigi Ciotti
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 162,   2a ristampa 2014,    1a edizione  2010   (Codice editore 98.12)

Giustizia minorile e integrazione sociale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856831160

In breve

Il volume affronta aspetti specifici che interessano il diritto minorile e la pedagogia speciale, e cerca di spiegare come è possibile garantire diritti educativi personali partendo dai bisogni educativi speciali di cui sono portatori gli utenti del tribunale per i minorenni.

Presentazione del volume

La giustizia minorile si realizza mediante l'attivazione di processi di integrazione e inclusione sociale di bambini e ragazzi che hanno vissuto nell'incuria, nel disadattamento, nella sofferenza e nell'abbandono. Il suo ruolo si esplicita anche nel sostegno dato a famiglie multiproblematiche per assolvere ai loro compiti educativi, di sostegno e supporto alla prole.
Il volume parte dall'esame di singole storie di bambini e ragazzi dalle quali traspare dolore, sofferenza, disagio e che, allo stesso tempo, denunciano l'incapacità degli adulti di educare, guidare e sostenere i minori durante la crescita e che può portare in alcuni casi anche alla destituzione dalla potestà genitoriale. Le diverse situazioni più volte richiamate nel testo mostrano il delicato ruolo del tribunale per i minorenni: assicurare i fondamentali diritti educativi personali di bambini, adolescenti e adulti partendo dai loro bisogni educativi speciali. L'adolescente autore di reato, che come dimostrano gli studi spesso mette in atto condotte irregolari per comunicare al mondo esterno il proprio disagio esistenziale, ha bisogno infatti di interventi educativi più che di azioni repressive e punitive. Il giudice minorile, con i suoi provvedimenti, tende ad orientare più che a reprimere, a valorizzare e a promuovere la persona in fase di maturazione cercando di guidarla verso l'integrazione sociale.
Il libro approfondisce quindi alcuni temi ritenuti dall'autore particolarmente importanti per la comprensione del ruolo della giustizia minorile nel processo di integrazione sociale della persona: la competenza penale, civile e amministrativa del tribunale per i minorenni, i bisogni educativi del bambino e dell'adolescente in stato di deprivazione, le caratteristiche della devianza giovanile, il ruolo educativo della comunità per minorenni e dell'istituto penale minorile nel recupero del minore autore di reato.

Filippo Dettori è giudice onorario presso il tribunale per i minorenni di Sassari e insegna Didattica e Pedagogia speciale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Sassari. È segretario dell'Associazione Italiana Magistrati per i Minorenni e la Famiglia e componente del comitato scientifico della rivista Minorigiustizia.

Indice



don Luigi Ciotti, Prefazione
Introduzione
Una giustizia speciale per i minori
(Il tribunale per i minorenni; Il minore soggetto di diritti; La competenza civile; La competenza penale; L'imputabilità; La competenza amministrativa; Educare più che punire; L'ascolto del minore; Un giudice per il minore; Il giudice onorario;Il giudice onorario pedagogica)
Il sostegno alla famiglia e alla genitorialità
(Il diritto del minore a vivere nella sua famiglia; Il principio della bigenitorialità; La responsabilità educativa della famiglia; La famiglia maltrattante; L'affidamento ad altra famiglia; L'adozione; La famiglia "giusta" per il minore affidato o adottato; Il supporto dei servizi nell'affidamento e nelle adozioni; I gruppi di mutuo aiuto fra famiglie affidatarie e adottive; L'educatore: una guida per le famiglie e un referente per le istituzioni)
Ragazzi senza regole che chiedono regole
(Il giovane minorenne autore di reato; Consapevolezza e maturità del minore che commette un reato; Adolescenti "sregolati"; Il valore pedagogico e di integrazione sociale della sospensione del processo e messa alla prova)
Il ruolo della comunità per minorenni nel processo di integrazione sociale
(Il diverso ruolo delle comunità nella storia; La personalizzazione dell'intervento educativo; La vita in comunità; I rapporti con la famiglia d'origine; Lavorare in equipe; Dopo la comunità)
Il carcere minorile: ha senso escludere per cercare di includere?
(Detenzione minorile: interventi per custodire o educare? Il punto di vista degli educatori;Educare più punire)
L'essere umano soggetto resiliente
(Il potere dell'essere umano di resistere alle avversità; Gli studi sulla resilienza; Le persone resilienti; Superare le difficoltà aiuta a rafforzare la propria personalità; Il sostegno di persona emotivamente importanti; La vera rinascita dopo la sofferenza)
Riferimenti bibliografici.