Fenomenologia di una crisi antropologica.

Un mese di sociale 2011

Autori e curatori
Contributi
Giuseppe De Rita, Giuseppe Roma
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 80,      1a edizione  2011   (Codice editore 139.27)

Fenomenologia di una crisi antropologica. Un mese di sociale 2011
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856844214
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856870053
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

La riflessione del Censis “Un mese di sociale/2011” si focalizza sulla profonda crisi sociale che stiamo attraversando, che manifesta sempre più una natura antropologica, con un disagio individuale e un ripiegamento collettivo che non si lasciano interpretare attraverso i consueti schemi dell’analisi sociale ed economica.

Presentazione del volume

Fenomenologia di una crisi antropologica è il titolo dell'appuntamento di riflessione del Censis "Un mese di sociale/2011". La profonda crisi sociale che stiamo attraversando appare sempre più di natura antropologica, con un disagio individuale e un ripiegamento collettivo che non si lasciano interpretare attraverso i consueti schemi dell'analisi sociale ed economica.
La crescente sregolazione delle pulsioni, il rinserramento individuale e l'indifferenza collettiva, il rattrappimento nel presente, sono i segnali della crisi di una mitologia che ha animato in passato i processi di sviluppo socio-economico. Una possibile rassegna dei miti che non funzionano più contempla: l'estinzione del desiderio e piuttosto il primato della logica di offerta capitalistica di prodotti e servizi, il disfacimento della cultura del dono e del sacrificio in vista del bene comune, l'evaporazione della figura del padre, l'indebolimento dell'autorità della legge e delle istituzioni, con il declino della lunga e fruttuosa parabola del soggettivismo.

Indice



Giuseppe Roma, Introduzione
La crescente sregolazione delle pulsioni
(Le pulsioni da allentamento delle regole; L'impossibilità di regolare le pulsioni: vecchie e nuove forme di dipendenza; L'irresistibile pulsione all'apparenza del corpo; La coazione al consumo senza desiderio; La pulsione a una relazionalità virtuale)
Tra rinserramento individuale e indifferenza collettiva
(Strategie di adattamento: l'imitazione; Disco verde alle proprie pulsioni; L'insensibilità; I fortini personali: il cerchio degli affetti familiari; I fortini personali: la casa come tana; Il rinserramento virtuale; Oltre il panico)
Il rattrappimento nel presente
(Scollegati dal passato e dal futuro; I caratteri del presentismo)
I miti che non funzionano più
(I meccanismi del disagio antropologico; Il padre ludico e i "no" che aiutano a crescere; L'insegnante deluso e la riscoperta della relazionalità; Il sacerdote al tempo del soggettivismo etico; Una più blanda traiettoria del consumo; Aspettative per un benessere non più crescente)
Giuseppe De Rita, Conclusioni.