L'economia della piccola impresa.

Rapporto 2011

Contributi
Alessandro Baldazzi, Francesca Bartoli, Andrea Bellucci, Silvio Cardinali, Fabio Farabullini, Antonio Formentini, Serena Frazzoni, Germana Giombini, Gian Luca Gregori, Rosalba Rombaldoni, Thomas Tassani, Valerio Temperini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      1a edizione  2011   (Codice editore 365.894)

L'economia della piccola impresa. Rapporto 2011
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35,50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856845235
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 27,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856872354
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume presenta il terzo rapporto annuale sull’economia della piccola e media impresa. I diversi saggi proposti si muovono nell’ottica dell’analisi delle vie d’uscita da una crisi che ha perso le connotazioni cicliche e va sempre più acquistando quelle di un nuovo mutamento paradigmatico.

Presentazione del volume


Il rapporto annuale sull'economia della piccola e media impresa giunge al terzo appuntamento proponendo otto saggi dedicati ad un ampio ventaglio di tematiche. Tutti questi contributi si muovono nell'ottica dell'analisi delle vie d'uscita da una crisi che ha perso le connotazioni cicliche e va sempre più acquistando quelle di un nuovo mutamento paradigmatico.
La condizione attuale di minore produttività non può continuare ad essere compensata dal minore costo unitario del lavoro, pena il protrarsi di una condizione di debolezza che può allontanare ulteriormente il Paese dall'obiettivo di un più solido vantaggio competitivo legato al miglioramento della produttività. La scelta dell'internazionalizzazione diventa strategica, il cui legame con l'innovazione trova conferma nell'impiego più massiccio degli input relativi alla conoscenza e nell'accesso a maggiori flussi di informazioni ed idee da fonti esterne. Il rapporto con il sistema finanziario è determinante nel garantire alle PMI possibilità di uscita dalla crisi: un ampio margine di miglioramento della strumentazione finanziaria è costituito dal ricorso al capitale di rischio così scarsamente diffuso tra le piccole imprese, nonostante le potenzialità che esso rappresenta per ottimizzare la scala produttiva e superare le difficoltà legate a ridotta dotazione patrimoniale o esigua struttura dimensionale.
La collaborazione tra PMI, per mezzo di una nuova disciplina fiscale delle reti e la loro evoluzione organizzativa e manageriale, in direzione di un nuovo approccio alla gestione commerciale e alla sistematizzazione delle informazioni di mercato, rappresentano ulteriori obiettivi per uscire dalla crisi.

Giorgio Calcagnini è ordinario di economia politica e direttore del Dipartimento di Economia, Società, Politica (DESP) dell'Università di Urbino "Carlo Bo". Si occupa di macroeconomia applicata, di modelli di investimento e delle analisi dei sistemi bancari e finanziari.
Ilario Favaretto è ordinario di economia applicata e direttore del Laboratorio per l'Analisi dello Sviluppo Territoriale della Facoltà di Economia di Urbino "Carlo Bo". Si occupa di economia regionale e di politiche europee per lo sviluppo.

Indice



Introduzione
La piccola e media impresa in Italia
(Introduzione; L'andamento dell'economia mondiale ed italiana nel 2010-2011; Alcuni ostacoli alla ripresa; Le imprese italiane sul territorio nazionale; La demografia delle imprese italiane; La redditività, il fabbisogno finanziario e l'indebitamento delle imprese italiane; La domanda e l'offerta di credito; Conclusioni; Bibliografia)
Le piccole e medie imprese italiane nel dopo crisi: verso un nuovo modello?
(Introduzione; L'evoluzione della struttura produttiva italiana prima della crisi: dagli anni Settanta agli anni Novanta; I segnali di difficoltà precedono la crisi; Il decennio della crisi. Il calo dell'integrazione verticale e le dinamiche delle dimensioni medie; Una sintesi delle dinamiche strutturali; Come reagiscono alla crisi le imprese che ristrutturano e fanno R&D; Chi sopravvive e chi sta meglio?; Il processo di consolidamento della struttura industriale italiana; Uno schema interpretativo per l'evoluzione delle Pmi in Italia; Formazione, ricerca, innovazione: circuito virtuoso o collo di bottiglia?; Conclusioni; Bibliografia)
Posizionamento competitivo dei settori manifatturieri italiani nel contesto europeo
(Introduzione: obiettivo e metodologia; Principali variabili economiche e strutturali dei settori manifatturieri italiani; Struttura produttiva e posizionamento competitivo; Principali determinanti del posizionamento competitivo; Conclusioni; Bibliografia)
I processi di internazionalizzazione delle PMI: criticità e prospettive
(Introduzione; La frammentazione del processo produttivo e la globalizzazione; Le forme possibili di internazionalizzazione; L'integrazione internazionale delle filiere produttive; Innovazione e internazionalizzazione: il quadro teorico di riferimento; Internazionalizzazione e dimensionalità d'impresa; Considerazioni conclusive; Bibliografia)
Territori, piccole imprese e sistema finanziario nell'uscita dalla crisi
(Introduzione; Il Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese; La crisi economica; I finanziamenti bancari; Il rapporto banca-impresa; Il ruolo dei Confidi; Il capitale di rischio per le piccole imprese; Conclusioni; Bibliografia)
Prestiti alle piccole imprese: il ruolo delle garanzie durante la crisi economica
(Introduzione; Dati e statistiche descrittive; Specificazione del modello e strategia di stima; Conclusioni; Bibliografia; Appendice ? Descrizione delle variabili utilizzate)
Il regime fiscale del "nuovo" contratto di rete
(Dai distretti produttivi al contratto di rete: storia di un difficile sviluppo normativo; Disciplina e natura giuridica del contratto di rete; Il problema della soggettività giuridica e fiscale della rete; Segue: La mancanza di una autonoma soggettività della rete; La fiscalità "ordinaria" del contratto di rete; La fiscalità "agevolata" del contratto di rete; Bibliografia)
Sales management e Pmi: problematiche e prospettive per le imprese calzaturiere
(Introduzione; Il mercato di riferimento: la forza di vendita indiretta nel settore calzaturiero; Inquadramento teorico e metodologia di analisi; Discussione sui risultati; Nuovi strumenti di gestione degli agenti; Osservazioni conclusive ed implicazioni manageriali; Bibliografia).