Sanità e governance territoriale: il caso dell'assistenza integrata all'ictus

Contributi
Bianca Maria Polizzi
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2012   (Codice editore 1350.40)

Sanità e governance territoriale: il caso dell'assistenza integrata all'ictus
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 37,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856848199
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 26,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856875218
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Analizzando i modi attraverso cui 6 regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Marche, Toscana, Campania e Calabria) affrontano l’applicazione delle linee-guida sull’ictus, il testo offre uno spaccato sul cambiamento organizzativo dei sistemi sanitari.

Presentazione del volume

Il volume, analizzando i modi attraverso cui 6 regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Marche, Toscana, Campania e Calabria) affrontano l'applicazione delle linee-guida sull'ictus, offre uno spaccato sul cambiamento organizzativo dei sistemi sanitari. L'icuts è una patologia diffusa, altamente mortale e invalidante, le cui conseguenze possono essere mitigate o annullate dalle moderne tecniche di trattamento in reparti attrezzati e dal costo contenuto (le Stroke Unit), al centro di un'articolata "filiera" chiamata Rete Stroke. Malgrado le evidenze scientifiche sulla loro efficacia e l'accordo Stato-Regioni definito nel 2005, il livello di attuazione delle Stroke Unit e delle Reti Stroke è nelle regioni italiane estremamente disomogeneo. Attraverso interviste in profondità e focus group con gli attori regionali del processo di implementazione (medici, dirigenti e politici), questo studio indaga le principali motivazioni che spiegano le differenze tra le aree osservate. In particolare vengono analizzate: le agende dei decisori pubblici, il ruolo dei budget regionali, la complessità strutturale, le differenze organizzative, le forme di competizione tra strutture e livelli sanitari, tra ambiti disciplinari e professionisti della salute, i rapporti di potere e le pratiche informali.

Domenica Farinella, dottore di ricerca in Sociologia dei processi d'innovazione, è docente a contratto di Sociologia Economica presso l'Università di Messina. Ha svolto attività di ricerca con numerose istituzioni pubbliche e private in materia di welfare state, organizzazione dei servizi pubblici e sviluppo locale. È autrice di diversi volumi e saggi pubblicati su riviste nazionali e internazionali.

Pietro Saitta è ricercatore di Sociologia generale presso l'Università di Messina. Ha lungamente collaborato con istituzioni di ricerca nazionali e internazionali. Si occupa prevalentemente di metodologie qualitative di ricerca, oltre che di trasformazioni urbane e sociologia del rischio. È autore di numerosi libri e saggi pubblicati su riviste internazionali.

Guido Signorino è professore ordinario di Economia applicata presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Messina. Esperto di analisi territoriale e di economia criminale, è stato consulente dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per lo studio delle aree "a rischio" della Sicilia. Ha pubblicato numerosi libri e saggi per i tipi di Laterza, Carocci, Il Mulino, oltre che per varie riviste nazionali e internazionali.

Indice



Bianca Maria Polizzi, Prefazione
Domenica Farinella, Pietro Saitta, Guido Signorino, I nuovi modelli di assistenza sanitaria: il caso della rete stroke
(Regionalizzazione della sanità e assistenza integrata allo stroke, una ricerca empirica; Lo sfondo della ricerca; Il disegno della ricerca e le sue fasi; L'analisi dei dati e le dimensioni semantiche)
Pietro Saitta, Il caso calabrese, tra debolezza sistemica e arretratezza
(Un quadro di sintesi; Una debolezza strutturale; L'attuazione della rete stroke e delle stroke unit; Come superare il ritardo)
Pietro Saitta, Piemonte: prevalenza del pubblico, partecipazione ed autonomia dei servizi
(Un quadro di sintesi; Cultura sanitaria e implementazione della rete stroke; Conclusioni e prospettive)
Pietro Saitta, Marche, tra spontaneismo dei servizi ed autonomia
(Un quadro di sintesi; Un sistema in trasformazione)
Domenico Farinella, Il modello toscano tra equità e conflittualità
(Un quadro di sintesi; Centralità del pubblico ed organizzazione sanitaria; L'implementazione della rete stroke; Qualche indicazione)
Domenica Farinella, Lombardia: organizzazione a rete, concorrenza e managerialismo
(Un quadro di sintesi; Un sistema sanitario tra cooperazione e concorrenza; I punti di forza: mercato, regola certe e stabilità nel tempo; Il ruolo tecnico della regione nell'organizzazione a rete; La rete stroke all'interno del sistema sanitario lombardo; Conclusioni)
Domenica Farinella, Campania: un sistema sanitario tra formalismo ed emergenza
(Un quadro di sintesi; Burocrazia, politicizzazione e programmazione sanitaria; La logica dell'emergenza e il dualismo territoriale; Il vincolo del budget e del piano di rientro; L'implementazione della rete stroke; Conclusioni)
Domenica Farinella, Conclusioni
(Un confronto tra Regioni; Criticità e indicazioni di policy)
Bibliografia.