"> Oltre la pelle. Il confine tra corpi e tecnologie negli spazi delle nuove "mobilità" - FrancoAngeli

Oltre la pelle.

Il confine tra corpi e tecnologie negli spazi delle nuove "mobilità"

Autori e curatori
Contributi
Roberto Cipriani
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 240,      1a edizione  2012   (Codice editore 262.24)

Oltre la pelle. Il confine tra corpi e tecnologie negli spazi delle nuove
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820409838
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856865622
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

La nozione di corpo in azione nel contesto è la proposta metodologica che il presente volume avanza alla sociologia per superare la nuova alleanza tra sensi umani e media mobili che, secondo Farman (2011), il sensory inscribed body inscenerebbe quali esperienze emozionali ed estetiche “geosocializzate” entro il corrente “regime della distrazione”.

Presentazione del volume

"Siamo i nostri corpi", "abbiamo i nostri corpi", "facciamo i nostri corpi". Tale assioma "a tre teste" ha fatto del corpo il "parassita" della cultura moderna.
Il desiderio di cambiare la pelle che si abita, per dirla con Almodóvar, si è "territorializzato" nei media dello schermo, nei siti digitali e nei social networks, rimescolando le carte come un tentativo di divertirsi sulle macerie del tempo che scorre. Tutto è gioco, tutto è arte. Madonna è come Michelangelo. Le strisce dei fumetti come ottocento pagine di Tolstoi. È in discussione l'avanzata trasformazione dell'uomo in uno spettatore. La moltiplicazione degli schermi crea la "festa del visivo". La determinazione del confine tra il sensorium sociale e la tecnologia in uso è il problema metodologico fondamentale, tuttora irrisolto, che emerge dall'attuale spatial turn: la "svolta spaziale" che viene maturando attraverso il riorientamento del paradigma digitale classico. La nozione di corpo in azione nel contesto è la proposta metodologica che il presente volume avanza alla sociologia per superare la "nuova alleanza" tra sensi umani e new media inscenata da corpi che si muovono più veloci del pensiero attraverso le mappe dei contemporanei spazi mobili.

Bianca Maria Pirani è ricercatrice confermata e insegna Sociologia delle reti culturali presso il Dipartimento di Scienze Sociali di "Sapienza" - Università di Roma. È coordinatrice e presidente del Research Committee 54 ("The Body in the Social Sciences") dell'International Sociological Association e membro dell'editorial board dei Sage Studies in International Sociology. Tra le sue più recenti pubblicazioni: "The Ethics of Complexity", in B.M. Pirani, I. Varga (eds.) Bodily Order. Mind, Emotion and Social Memory, "Current Sociology", vol. 53, n.2, monograph 1, Sage, 2005; B. M. Pirani (ed.) The New Boundaries between Bodies and Technologies, 2008, Cambridge Scholars Publishing; "Bodies in Technologies", in B. M. Pirani (ed.) Acting Bodies and Social Networks. A Bridge between Technology and Working Memory, 2009, University Press of America; "Homo sapiens, the Technologist: the Rhythmic Function of the Technique of the Body" in B.M. Pirani (ed.), Learning from Memory: Body, Memory and Technology in a Globalizing World, 2011, Cambridge Scholars Publishing.

Indice



Roberto Cipriani, Prefazione
Introduzione
Lo strumento e la mano: "l'emergenza" Homo sapiens
(L'eredità dell'intelligenza sociale degli animali; L'invenzione della tecnologia; L'esplosione della specie Homo sapiens; Il legame tra l'uomo e il tempo all'alba della Working Memory)
Corpo ritmico: il telaio della Working Memory
(La maschera del teatro tragico greco; La funzione ritmica della "tecnica del corpo"; I ritmi biologici e la memoria sociale; Perché la danza?)
La "secret history" del corpo nelle scienze sociali
(La "metafora originaria"; Il corpo nella teoria sociale; Un corpo da apoteosi: il "corpo-icona"; La via del segreto: il corpo ritmico;)
Le mappe dello spazio iconico dal Rinascimento italiano all'"autismo elettronico"
(Il "mondo alla rovescia" nella cultura moderna; Lo schermo e lo specchio: il "bricoleur" elettronico; Le mappe asincrone dell'interfaccia mobile; Il "Sensory Inscribed Body")
Considerazioni conclusive
(Che cosa l'Homo sapiens insegna alle società mobili del XXI secolo
Bibliografia di riferimento.