Cultura

Punto e accapo

Autori e curatori
Contributi
Gabriella Belli, Marco Biscione, Paolo Cerutti, Francesco De Biase, Luigi Di Corato, Sonia Farsetti, Aldo Garbarini, Loredana Perissinotto, Antonio Scuderi, Michele Trimarchi
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 112,      1a edizione  2013   (Codice editore 1257.37)

Cultura. Punto e accapo
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 10,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 10,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Un disegno d’insieme per un profondo rinnovamento del «sistema cultura» in Italia. Il Programma «Cultura. Punto e accapo» è stato elaborato da un gruppo di tecnici operanti in diversi settori della cultura italiana.

Utili Link

Tafter Journal Recensione (di Francesca Quadrelli)… Vedi...

Presentazione del volume

L'attuale sistema di organizzazione e di gestione della cultura in Italia non risponde più a logiche di sviluppo. È necessaria dunque una sostanziale ristrutturazione che consenta al Paese di sfruttare adeguatamente uno dei suoi maggiori vantaggi competitivi, mettendo in circolo competenze, creatività e risorse che già esistono e aspettano soltanto di essere attivate. In tal senso, un autonomo gruppo di tecnici operanti in diversi settori della cultura, ha elaborato, il Programma "Cultura. Punto e accapo", un disegno d'insieme che possa costituire una piattaforma di confronto e il punto di partenza per un profondo rinnovamento del "sistema cultura" in Italia.
Il programma, presentato qui al pubblico insieme ad alcune riflessioni e di proposte, anche operative, che precisano alcuni dei punti salienti della piattaforma di lavoro:
* considera la cultura come un asse strategico per l'identità e lo sviluppo interculturale del Paese;
* si fonda sul principio di sussidiarietà e sulle specificità del territorio in una prospettiva di affermazione europea e internazionale;
* tiene conto della potenzialità della più ampia pluralità di soggetti che agiscono nel sistema della cultura, siano essi istituzioni o imprese, con una visione d'insieme capace d'integrarne le funzioni, per un rilancio più ampio possibile del settore;
* mira a riorganizzare il sistema centrale e regionale di governo della cultura, sulla base di un sistema di soggetti autonomi in grado d'integrare armonicamente pubblico e privato;
* propone l'adozione di un semplice strumentario normativo che traduca una concezione integrata e flessibile degli organismi di governo della cultura;
* propone una nuova fiscalità per favorire i contributi, il sostegno e l'accesso alla cultura;
* richiede l'adozione di standard internazionali per la gestione delle attività e per un sistema di verificabilità dei risultati.

Francesco Paolo Campione insegna Antropologia culturale all'Università degli Studi dell'Insubria ed è direttore del Museo delle Culture di Lugano. Da oltre vent'anni si occupa d'antropologia dell'arte, di museologia e di gestione di organizzazioni che operano in campo culturale, alternando le attività di ricerca con l'insegnamento accademico, la direzione d'istituti culturali e musei e le consulenze per istituzioni e imprese, in Italia e in Svizzera. Nell'ambito dell'organizzazione e della gestione di strutture operanti nel campo della cultura, ha elaborato e sperimentato moderni sistemi fondati sulla pianificazione a medio e lungo termine, sull'interazione organica col territorio e sullo sviluppo di reti internazionali di condivisione e promozione delle attività.

Indice



Francesco Paolo Campion, Prefazione
Il programma
Antonio Scuderi, Michele Trimarchi, La cultura dei prossimi anni, dal grande freddo alla sussidiarietà
Francesco Paolo Campione, Autonomia e standard di funzionamento per le nuove organizzazioni culturali
Francesco De Biase, Dalla parte dello spettatore
Paolo Cerutti, Il dialogo coi nuovi pubblici: i festival culturali tra contesto e consenso
Sonia Farsetti, Il ruolo propulsivo del mercato dell'arte
Gabriella Belli, I musei come attori per lo sviluppo di una nuova fabbrica della cultura
Luigi Maria Di Corato, Reti di musei ed economie della collaborazione
Marco Biscione, L'Unione Europea e le opportunità per la cultura
Aldo Garbarini, Cultura e istruzione come volano di sviluppo
Loredana Perissinotto, Cultura, educazione, economia: e far rima con fantasia?
Francesco Paolo Campione, Cinquanta parole chiave per andare accapo
Francesco De Biase, Aldo Garbarini, Loredana Perissinotto, Orlando Saggion, Pubblico, professioni e luoghi della cultura. Da dove ricominciare?
Contributori.