Storia della Croce Rossa in Lombardia (1859-1914).

I. Studi

Contributi
Alberto Ardissone, Luca Bottero, Claudio Caporicci, Chiara Caraffa, Giovanni Cerino Badone, Alessandro D'Angelo, Carolina David, Stefano De Vecchis, Boris Dubini, Bruno Falconi, Antonia Francesca Franchini, Alberto Galazzetti, Anna Galimberti, Livia Giuliano, Veronica Grillo, Maurizio Gussoni, Giuseppe Magliozzi, Gianluigi Nava, Olga Pezzetti, Alessandro Porro, Carmelo Spadaro, Angela Maria Stevani Colantoni, Duccio Vanni, Paolo Vanni
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 608,      1a edizione  2014   (Codice editore 1053.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Storia della Croce Rossa in Lombardia (1859-1914). I. Studi
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 45,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820445980
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 31,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891717573
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Con questo volume si vuole rendere conto del merito eccezionale della Lombardia nel determinare la nascita della Croce Rossa Italiana, analizzando la storia dei principali Comitati della Regione e alcuni aspetti peculiari della società lombarda, della sua classe medica, e alcune sue figure eccezionali, fra le quali Cesare Castiglioni, il primo discepolo italiano di Dunant.

Utili Link

La Provincia Crocerossa, storia da onorare (di Davide Fent)… Vedi...

Presentazione del volume

Perché la Croce Rossa Italiana è nata in Lombardia? Le risposte a un quesito così cruciale possono essere molteplici: per i meriti individuali di Cesare Castiglioni, per la forza e il grado di evoluzione della società lombarda, per il tanto sangue versato a Solferino e San Martino, perché Henry Dunant restò impressionato da quel sangue e dall'abnegazione dei lombardi (uomini, donne, medici, religiosi) nel soccorrere tutti i feriti. Con questo volume si vuole rendere conto del merito eccezionale della Lombardia nel determinare la nascita della CRI in Italia, analizzando la storia dei principali Comitati della Regione e, nella Sezione relativa ai temi di approfondimento, alcuni aspetti peculiari della società lombarda, della sua classe medica, e alcune sue figure eccezionali, fra le quali lo stesso Castiglioni, il primo discepolo italiano di Dunant.

Costantino Cipolla, ordinario di Sociologia generale presso l'Università degli Studi di Bologna, da alcuni anni si occupa di storia sociale. Ha curato con Paolo Vanni Storia della Croce Rossa Italiana dalla nascita al 1914. I. Saggi e Storia della Croce Rossa Italiana dalla nascita al 1914. II. Documenti. Inoltre, per i nostri tipi, Dal Mincio al Volturno. I due anni che fecero l'Italia, 2012. Sulla battaglia di Solferino nel 2009 ha curato l'opera in quattro volumi Il crinale dei crinali; inoltre ha curato con Paolo Vanni l'edizione critica italiana di Un Souvenir de Solférino di J. Henry Dunant. Per il Curriculum vitae si veda il sito www.unibo.it/docenti/costantino.cipolla.
Alessandro Fabbri collabora a diverse ricerche coordinate dal prof. Costantino Cipolla. Nel volume Don Pietro Boifava. Un patriota nel cattolicesimo sociale bresciano, 2012, curato da C. Cipolla e A. Fappani, ha scritto Don Boifava e il '48-'49 bresciani. Nel volume curato da C. Cipolla e P. Vanni, Storia della Croce Rossa Italiana dalla nascita al 1914. I. Saggi, ha scritto La legislazione dello Stato: il 'tradimento' dello spirito originario della CRI e Sui rapporti fra CRI e CICR dal 1887 al 1914: una coerente fedeltà.
Filippo Lombardi, psichiatra e psicopatologo forense, Volontario del Soccorso dal 1984, CISCRI, nel 1994 è tra i fondatori della Sezione Storica CRI di Pavia, di cui è attualmente co-responsabile, e ha al suo attivo undici volumi sulla storia della Croce Rossa tra cui Decorazioni e distintivi della Croce Rossa Italiana e L'opera della Croce Rossa Italiana nella guerra di Libia 1911-1912. Fa parte del Comitato scientifico della rivista "La Grande Guerra".

Indice

Maurizio Gussoni e Luca Bottero, Prefazione
Costantino Cipolla e Alessandro Fabbri, Introduzione
Parte I. Storia dei Comitati lombardi
Filippo Lombardi, La genesi dei Comitati delle province lombarde
Veronica Grillo,
Boris Dubini, Storia del Comitato di Bergamo
Carolina David, Livia Giuliano,
Storia del Comitato di Brescia
Anna Galimberti, Claudio Caporicci,
Storia del Comitato di Como
Alessandro Fabbri
, Gianluigi Nava, Olga Pezzetti, Storia del Comitato di Cremona
Carolina David, Livia Giuliano,
Storia del Comitato di Mantova
Chiara Caraffa
, Storia del Comitato di Milano
Alberto Galazzetti, Filippo Lombardi, Storia del Comitato di Pavia
Alberto Ardissone,
Storia del Comitato di Sondrio
Parte II. Temi di approfondimento
Alessandro Fabbri, Clero sociale lombardo e genesi della CRI
Giuseppe Magliozzi, Duccio Vanni, Paolo Vanni, Padre Benedetto Menni (1841-1914): un milanese Santo di Croce Rossa
Alessandro D'Angelo, Carmelo Spadaro, Cesare Castiglioni: filantropia, cura e azione sociale
Antonia Francesca Franchini, Alessandro Porro, Angela Maria Stevani Colantoni, Donne e infermiere: l'Unione Femminile Nazionale e la Croce Rossa Italiana attraverso fonti inedite di archivio (1905-1914)
Alessandro Porro, Bruno Falconi, Antonia Francesca Franchini La Croce Rossa nella stampa periodica lombarda: un saggio di analisi
Bruno Falconi, Antonia Francesca, Franchini, Alessandro Porro, Strumenti medico chirurgici in Lombardia e Croce Rossa
Giovanni Cerino Badone, Stefano De Vecchis, Tecnologia bellica e tecnologia medica sui campi di battaglia 1859-1914
Indice dei nomi
Notizie sugli autori.




Pubblicità