Apprendimento permanente e educazione

Una lettura pedagogica

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2013   (Codice editore 1154.4)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Apprendimento permanente e educazione. Una lettura pedagogica
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820453787
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891700018
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Un testo rivolto a tutti coloro che sono impegnati nei vari rami della ricerca e della didattica in campo educativo e pedagogico, ai pedagogisti e agli educatori professionali, in particolare a chi opera in contesti in cui sono implicati processi di apprendimento in età adulta. Ma anche uno spunto di autoriflessione sulle proprie modalità d’apprendimento.

Presentazione del volume

Il testo è volto a ripensare i concetti di apprendimento - educazione - trans-formazione al di là delle letture, spesso riduzionistiche, che di tale radicale e strategica categoria vengono fatte ad opera della psicologia e troppo spesso della stessa pedagogia. Esso attraversa le diverse declinazioni che tali concetti hanno incontrato concretamente, in una storia lunga poco più di un secolo. Benché rappresenti infatti un'antica intuizione dell'umanità, la possibilità di apprendere per tutta la vita è un concetto che dal punto di vista scientifico-disciplinare si afferma solo nel Novecento, corroborata dagli studi pedagogici, psicologici, didattici e relativi alle neuroscienze.
Il volume si rivolge a persone impegnate nei vari rami della ricerca e della didattica in campo educativo e pedagogico, ai pedagogisti e agli educatori professionali, in particolare a chi opera in contesti in cui sono implicati processi di apprendimento in età adulta. È anche pensato, tuttavia, come un percorso che possa essere utile agli studenti in termini di approfondimento del tema, ma anche quale spunto di autoriflessione sulle proprie modalità d'apprendimento.

Claudia Secci è ricercatrice di Pedagogia generale e sociale e insegna dal 2001 Educazione degli Adulti presso il Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia dell'Università degli Studi di Cagliari. Tra le sue pubblicazioni Modelli di adultità. Problematiche dell'educazione (Roma 2006) e La politica come tema e dimensione dell'educazione degli adulti. Gramsci, Capitini, Freire (Napoli 2012).

Indice



Premessa
La scoperta dell'apprendimento in età adulta nella storia
(Antichità: agli albori dei metodi attivi; Agostino d'Ippona e Clemente Alessandrino; I modelli monastici e universitari nel Medioevo; Esperienza e valore nell'educazione cavalleresca; Tommaso d'Aquino; Comenio e la transizione verso la modernità)
L'epoca contemporanea
(Ottocento e Novecento: verso il secolo del fanciullo; Esperienza e apprendimento in John Dewey; Dopo la psicanalisi: contributo degli approcci umanistici ed esistenzialisti in psicologia; Motivazione intrinseca e apprendimento del cuore in Abraham Maslow; Carl R. Rogers: libertà nell'apprendimento)
Sviluppo e apprendimento
(Dalle intuizioni di Erikson al superamento del modello stadiale; Levinson al confine tra due modelli di sviluppo adulto; Livelli e stadi di sviluppo morale: tra Kohlberg e Gilligan; Le età della vita in Guardini)
Andragogia
(La prospettiva di Malcolm Knowles; L'andragogia oggi)
Gli studi sull'apprendimento da Knowles agli anni 2000
(Uno sguardo di sintesi; L'apprendimento trasformativo di Jack Mezirow; Esperienza e autodirezione; Amburgo 1997; la società della conoscenza; Apprendimento collettivo e trasformazione sociale)
Luoghi e contesti dell'apprendimento adulto
(Apprendimento semplice e complesso nella formazione professionale; Cicli di vita professionale; Narrazione e metacognizione; Media e metacognizione; Lingue seconde e identità complesse)
Note conclusive
Riferimenti bibliografici.