Il bello della scienza.

Intersezioni tra storia, scienza e arte

Contributi
Benedetta Campanile, Annalisa Caputo, Lucia De Frenza, Lucia di Palo, Francesca Morgese, Antonio Sardella, Alessandra Squeo, Caterina Tisci
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,      1a edizione  2013   (Codice editore 2000.1390)

Il bello della scienza. Intersezioni tra storia, scienza e arte
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856849530
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856856941
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Gli argomenti affrontati in queste pagine spaziano dall’iconografia anatomica, botanica e igienica ai rapporti tra letteratura e immaginario scientifico; dalla musica a una più ampia riflessione epistemologica sul simbolismo scientifico e artistico.

Presentazione del volume

Scienza e arte sono attività squisitamente umane, che hanno nei secoli intrecciato le proprie storie nello sforzo di conoscere, esprimere e manipolare il reale. Il presente volume, che mira a ricostruire alcune tappe di tale percorso congiunto, raccoglie una scelta dei contributi presentati nel corso delle varie edizioni dei Seminari del martedì, tenutisi, dal 2006 al 2012, presso il Seminario di Storia della Scienza dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro.
Gli argomenti affrontati in queste pagine spaziano dall'iconografia anatomica, botanica e igienica ai rapporti tra letteratura e immaginario scientifico; dalla musica ad una più ampia riflessione epistemologica sul simbolismo scientifico e artistico.

Francesco Paolo de Ceglia, docente di Storia della Scienza, Università degli studi di Bari Aldo Moro. Studioso del pensiero scientifico in età moderna e dell'immaginario scientifico in età contemporanea, ha recentemente pubblicato, con Silvia Bencivelli, Comunicare la scienza (Roma, 2013).
Liborio Dibattista, docente di Storia della Scienza, Università degli studi di Bari Aldo Moro. Laureato in Medicina e in Filosofia, è autore di svariati contributi di storia della medicina, didattica della scienza e linguistica computazionale Ha recentemente pubblicato, con Francesca Morgese, Il racconto della scienza. Digital storytelling in classe (Roma, 2012).

Indice



Francesco Paolo de Ceglia, Liborio Dibattista, Introduzione
Francesco Paolo de Ceglia, Mostre di cadaveri e nuova visibilità della morte. Il caso di Gunther von Hagens
Liborio Dibattista, Francesca Morgese, L'intelligenza emozionale tra scienza e fantascienza. Hawthorne, Dick, Asimov, Turing, Tomkins
Francesca Morgese, In aemulationem naturae. Assenza e presenza dell'iconografia nei testi di farmacopea botanica in età classica e medievale
Lucia De Frenza, L'informazione in pillole. Alle origini della pubblicità farmaceutica in Italia
Caterina Tisci, Immagini di Igea. La propaganda sanitaria in epoca fascista
Lucia di Palo, Flautisti, anatre e pifferai. Il meraviglioso mondo di Vaucanson
Liborio Dibattista, Vedere le emozioni. Duchenne de Boulogne versus Charles Darwin
Alessandro Volpone, Le donne di Darwin. La selezione sessuale e la sua immagine pubblica
Benedetta Campanile, Fermate il tempo! La fotografia ad alta velocità
Ignazio Antonio Sardella, Simbolico, diabolico, scientifico
Annalisa Caputo, Quando la tonalità diventa relativa. La rivoluzione epistemica della musica di A. Schoenberg.