Ebav.

Uno strumento delle parti sociali al servizio dell'artigianato veneto

Autori e curatori
Contributi
Tiziana Basso, Salvatore D'Aliberti, Renzo Genovese, Alberto Ghedin, Francesco Giacomin, Donato Pedron, Giancarlo Pegoraro
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 400,      1a edizione  2014   (Codice editore 300.69)

Ebav. Uno strumento delle parti sociali al servizio dell'artigianato veneto
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 37,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891705105
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 28,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891703767
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

In occasione del 25° anniversario dall’istituzione dell’Ente bilaterale dell’artigianato del Veneto (EBAV), questo volume ricostruisce la storia e le attività di una delle esperienze notoriamente più significative di bilateralità nell’artigianato del nostro paese.

Presentazione del volume

Il volume ricostruisce la storia e le attività dell'Ente bilaterale dell'artigianato del Veneto (EBAV) nell'anno del 25° anniversario della sua istituzione. La realizzazione di tale ente fu perseguita con acribia dalle parti sociali territoriali a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta dello scorso secolo. Esso fu il frutto di un progetto autonomo, e molto più complesso, rispetto a quello elaborato a livello nazionale; un progetto che ha fatto di EBAV un unicum in seno alla coralità degli enti bilaterali dell'artigianato del nostro paese.
EBAV si segnalò fin dall'inizio, per la maggior ampiezza dei servizi offerti come dimostrano, nell'ordine, l'antesignana generalizzazione del sostegno al reddito in caso di sospensione dal lavoro; la particolare attenzione al sostegno alle imprese e le prestazioni aggiuntive di tipo categoriale. Aspetto peculiare dell'esperienza veneta è anche la scelta della rappresentanza di stampo endo-associativa, così come la separazione di ruolo tra dirigenti sindacali, abilitati alla contrattazione collettiva, ed ente bilaterale che si avvale del coinvolgimento diretto delle strutture di tutti i soci nella gestione dei suoi servizi. Dal 1992 in poi, EBAV ha erogato, in modo sostanzialmente paritario, ai lavoratori ed alle imprese, le proprie prestazioni dimostrando che la tutela degli occupati non può essere disgiunta dal sostegno allo sviluppo economico, così come la formazione non può prescindere dalle esigenze del sistema produttivo.
Il volume si propone di spostare il dibattito sulla bilateralità artigiana dai modelli astratti alle esperienze concrete in modo tale che i processi di riforma in atto a livello nazionale, in attuazione dei commi 14 ss. dell'art. 3 della l. n. 92 del 2012, si facciano carico di preservare le potenzialità, ormai storicamente comprovate, di un'esperienza della quale è piuttosto auspicabile che possa usufruire in futuro tutta l'area strategica delle piccole e medie imprese.

Luca Nogler è professore ordinario di diritto del lavoro presso l'Università di Trento dove ha ricoperto le cariche di Preside della Facoltà di giurisprudenza e di Direttore del Dipartimento di scienze giuridiche. Dal 2010 è adjunt professor of labour and employment law presso la Finance and Economics Law School della University of Shanghai. Nel luglio del 2013 ha tenuto l'annuale Sinzheimer Vorlesung presso l'Università di Francoforte.

Indice



Donato Pedron, Premessa
Tiziana Basso, Salvatore D'Aliberti, Renzo Genovese, Alberto Ghedin, Francesco Giacomin, Giancarlo Pegoraro, Prefazione
Introduzione - EBAV: un'esperienza da studiare
La costruzione delle "nuove relazioni sindacali", la nascita e lo sviluppo dell'EBAV
(Premessa; Il contesto istituzionale dell'artigianato degli anni Ottanta dello scorso secolo; La progettazione autonoma della bilateralità in Veneto; Dai fondi categoriali al modello unico di ente bilaterale; Il nuovo statuto sindacale dell'impresa artigiana; La mission dell'ente bilaterale generale; Statuto, regolamento e natura giuridica di EBAV; Il finanziamento dei fondi dall'EBAV)
Primo sviluppo dell'EBAV, insorgere della crisi dello Stato e nuovo regolamento del 1995
(La crisi congiunturale del biennio 1992-1993 e la contrattazione collettiva dell'artigianato; Gli accordi veneti sulle manovre straordinarie contro la crisi e il nuovo regolamento del 1995; Lo sviluppo del secondo livello delle prestazioni dell'EBAV; Lo sviluppo dell'osservatorio: la conoscenza al servizio dell'agire)
Il modello veneto della bilateralità nell'artigianato: i caratteri tipici e i rapporti con i fondi nazionali
(Divergenze tra l'esperienza veneta e quelle straniere; I fondi bilaterali nazionali e la nascita di EBNA; Natura giuridica e funzionamento di EBNA; Il ruolo di EBNA in seguito agli accordi sulla nuova bilateralità; La nascita di FONDARTIGIANATO e il suo ruolo attuale; Dal fondo sicurezza dell'EBAV al COBIS; La previdenza complementare, il ruolo di ARTIFOND fino alla sua liquidazione e la nascita del fondo Solidarietà Veneto; La sanità integrativa, SAN.ARTI e le scelte delle organizzazioni venete (SAN.IN.VENETO); Ragionare sulla rete tra enti bilaterali regionali?)
Dalla legislazione di sostegno alla legificazione degli enti bilaterali (la riforma del mercato del lavoro del 2003)
(Il sostegno alla contrattazione collettiva dell'artigianato e l'iscrizione all'ente bilaterale: dall'art. 3, d. l. 22.3.1993 n. 71 alla nuova bilateralità; L'attuazione della "contrattualizzazione" della bilateralità in Veneto; Il sostegno agli enti bilaterali attraverso la legislazione sui contratti di solidarietà; La riforma Biagi: i limiti della giuridificazione e generalizzazione degli enti bilaterali; L'originale, ma inefficace, attività di intermediazione di EBAV; La riforma del sistema contrattuale)
EBAV e la crisi finanziaria "globale" (2009-2012)
(La crisi finanziaria e l'emergere delle nuove sfide per l'artigianato; Gli interventi legislativi a tutela dei lavoratori nell'artigianato; L'impatto dell'art. 19, l. n. 2/2009 in Veneto; Gli accordi regionali nel periodo della crisi; Segue: lo snellimento delle procedure; La riforma del sistema degli ammortizzatori sociali: gli enti bilaterali nella l. n. 92/2012: rinvio)
Il modello EBAV: un'organizzazione a rischio di "istituzionalizzarsi"?
(Premessa e quadro teorico; Soci, aderenti e struttura di EBAV; Consistenza del fenomeno EBAV; Analisi dei fondi di primo livello; Analisi dei fondi di secondo livello; Le prestazioni di terzo livello; Il punto di vista delle parti sociali; Conclusioni)
La gestione degli ammortizzatori sociali e il ricollocamento dei lavoratori
(Premessa: enti bilaterali e interventi di sostegno al reddito; Ammortizzatori sociali e bilateralità veneta: il sistema del doppio livello; L'articolazione delle prestazioni di sostegno al reddito: la terza modifica del Regolamento EBAV; Osservazioni conclusive)
La gestione della salute e della sicurezza
(Il ruolo di EBAV nella gestione della sicurezza sui luoghi di lavoro; L'attuale modello organizzativo nazionale fra misure di sostegno agli enti bilaterali e problemi di rappresentanza; Peculiarità e sviluppi del modello "veneto" di gestione della sicurezza nelle imprese artigiane; Le prestazioni; Conclusioni)
EBAV attore nodale nella gestione della risorsa formazione e dei percorsi di apprendistato
(Premessa: formazione e bilateralità nelle relazioni tra le parti sociali dell'artigianato veneto; Ruolo e funzioni di EBAV nella gestione delle prestazioni in materia di formazione. L'assetto di partenza; (Segue): l'assetto post 1995; (Segue): l'assetto attuale. I Fondi di primo livello; (Segue): l'assetto attuale. I Fondi di secondo livello; EBAV nella gestione della formazione e dei percorsi di apprendistato rispetto al contesto complessivo (negoziale ed istituzionale) attuale; Conclusioni: EBAV riuscirà a rimanere un attore nodale della formazione?)
Le prestazioni di welfare per i lavoratori
(Premessa; Le spese sanitarie non previste ed i sussidi per protesi; Le borse di studio per i figli dei lavoratori; Il sostegno per i figli minori con patologie invalidanti; I sussidi assistenziali per la famiglia e la genitorialità)
Gli ambiti d'intervento a favore delle imprese
(Premessa; Le provvidenze di primo livello; Le provvidenze di secondo livello; Il carattere sempre più selettivo delle erogazioni. Le sfide dell'internazionalizzazione dei mercati di sbocco e delle reti di imprese)
Le prospettive future di EBAV
(Premessa; Il sostegno ai fondi bilaterali nella riforma del sistema degli ammortizzatori sociali; Nuovi ambiti che incidono sulla competitività dell'impresa artigiana? Il fattore dimensionale e le reti d'impresa)
Riferimenti bibliografici
Documenti da consultare sul sito EBAV.