Penitenti educati.

Migranti in una etnografia carceraria

Autori e curatori
Contributi
Mario Cardano
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 238,      1a edizione  2015   (Codice editore 1049.25)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Penitenti educati. Migranti in una etnografia carceraria
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891723222
Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Uno studio sui meccanismi di controllo sociale che l’istituzione carceraria quotidianamente esercita nei confronti dei detenuti stranieri. Realizzata presso due dei più controversi istituti d’Italia, Poggioreale e Secondigliano, l’indagine si sviluppa seguendo il tragitto che il "prigioniero migrante" percorre, dalla condizione di uomo libero all’ingresso in carcere alle soglie del fine pena, passando attraverso il "vivere dentro", minuto e quotidiano, di strategie e pratiche di adattamento.

Presentazione del volume

Situato nel solco dell'etnografia penitenziaria, il volume è uno studio sui meccanismi di controllo sociale che l'istituzione carceraria quotidianamente esercita nei confronti dei detenuti stranieri.
L'indagine, realizzata presso due dei più controversi istituti d'Italia, Poggioreale e Secondigliano, si sviluppa seguendo il tragitto che il "prigioniero migrante" percorre, dalla condizione di uomo libero all'ingresso in carcere, passando attraverso il "vivere dentro" minuto e quotidiano di strategie e pratiche di adattamento.
Così il lettore cammina lungo lo stesso spazio immoto del "penitente", avanzando tra docce fredde e latrine, relazioni obbligate e mancate, abusi e presagi. Poi, raggiungendo i luoghi del trattamento, si trova ad attraversare la superficie ruvida di una coercizione esibita e celata, a spingersi in prossimità di luoghi scientemente segregati, fino a giungere ai confini del carcere. Qui, alle soglie del fine pena, il cammino si dischiude sulla relazione complessa tra coercizione e trattamento, mostrando gli esiti di un processo di assimilazione alla subcultura carceraria non sempre inesorabile.

Sandra Vatrella ha conseguito il dottorato in Sociologia e Ricerca Sociale presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università di Napoli Federico II. Si occupa di etnografia, educazione e immigrazione; tra le sue pubblicazioni: Voci in cammino. Dalla dimora all'esodo (Rubbettino 2008).

Indice


Mario Cardano, Prefazione
Introduzione
Da Poggioreale a Secondigliano: il percorso di ricerca
(Aditus; Primi contatti; Tra apertura e chiusura del campo. Cosa fare?; Ritorno alle domande di ricerca)
Tra le mura: i luoghi dell'osservazione
(La scena; Lo spazio fisico; In cammino; La relazione osservativa...; ...nei colloqui di intervista; Il piano delle interviste)
Carriere di prigionizzazione: genealogia di una condanna?
(Una "nuova" categoria concettuale; La prigionizzazione in quattro tappe; Le carriere: il Cocito, La Pira di Er, il Lete; Il turning point tra verità storica e narrativa)
Vivere dentro: penitenza ed educazione
(L'ingresso in carcere. Burocrazia, pratiche e...; L'impatto: il Cocito, la Pira di Er, il Lete; La detenzione: i tempi e gli spazi; Spesa e alimentazione; Scuola o lavoro?; Il lavoro tra legge e diritto applicato)
Relazioni: tra coercizione e trattamento
(Le relazioni con i pari dal Cocito al Lete; Detenuti e educatori: un ponte oltre la fortezza?; Mondo detentivo e polizia penitenziaria. Le correnti impetuose del Cocito; La Pira di Er: oltre le segrete; Le gattabuie del Lete; I diritti affettivi)
Prospettive di ri-uscita
(La presa sull'anima: strategie di resistenza)
Exitus
Bibliografia
Dizionario degli attori.