L'Altro da Sé

Ri-comporre le differenze

Contributi
Marinella Attinà, Daniela Calabrò, Vincenzo Esposito, Vulca Fidolini, Francesca Ieracitano, Paola Martino, Valentina Mascia, Sonia Pozzi
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 224,      1a edizione  2015   (Codice editore 1781.2)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

L'Altro da Sé. Ri-comporre le differenze
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891728234

In breve

Obiettivo del volume è di costruire una riflessione sull’alterità che permetta di esplorare i meccanismi che si instaurano su piani differenti (individuale, sociale e culturale) ogniqualvolta la relazione è con un “Altro da Sé”: dai sentimenti di apertura e curiosità che fondano per esempio le politiche dell’accoglienza e dell’integrazione a sentimenti di manifesta intolleranza, che spingono a discriminare l’altro, inteso come diverso ovvero come colui che appartiene a ciò che è “non familiare”.

Presentazione del volume

Il testo si propone di discutere il tema dell’alterità ricorrendo a una prospettiva di taglio transdisciplinare, considerato che tale concetto è un tema centrale non solo della sociologia, ma anche delle altre discipline delle scienze umane e sociali poiché la multidimensionalità delle problematiche della vita quotidiana e le rapide trasformazioni della società spingono a ricomporre le differenze dei punti di vista e di prospettiva.
L’obiettivo è stato quello di costruire una riflessione sull’alterità che, al di là delle singole declinazioni di questo concetto, permetta di esplorare i meccanismi che si instaurano su piani differenti (individuale, sociale e culturale) ogniqualvolta la relazione è con un “Altro da Sé”: dai sentimenti di apertura e curiosità che fondano per esempio le politiche dell’accoglienza e dell’integrazione a sentimenti di manifesta intolleranza, che spingono a discriminare l’altro, inteso come diverso ovvero come colui che appartiene a ciò che è “non familiare”.
Nessuna teorizzazione è chiusa o intende arrivare a un punto fermo; piuttosto, partendo dal dialogo tra le differenti discipline, si immagina nel testo un dialogo con l’Altro che spinga alla comunicazione interculturale, vero fondamento dell’integrazione delle differenti culture oramai presenti nei più svariati contesti sociali, da quelli meno complessi a quelli più complessi.

Emiliana Mangone è professore associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Salerno e associata all’IRPPS-CNR. È Direttore dell’International Centre for Studies and Research-ICSR Mediterranean Knowledge. Ha pubblicato vari articoli e saggi tra cui: Il rischio tra fascinazione e precauzione (con A.S.A. Barbieri, FrancoAngeli, 2015); Mediterranean Knowledge for the Future of Europe (Areablu Edizioni, 2015).
Giuseppe Masullo è ricercatore in Sociologia presso l’Università degli Studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo delle rappresentazioni sociali, della salute, delle dinamiche culturali nelle relazioni di cura. Tra le sue pubblicazioni: La salute dello straniero: tra culture, diseguaglianze e linee d’intervento (Loffredo, 2014); “Homosexuality elsewhere: young migrants, sexuality and transcultural identity strategies”, Academicus, 2015.

Indice

Emiliana Mangone, Giuseppe Masullo, Introduzione. Il perché di una scelta: ri-comporre le differenze
Parte I. L’incontro con l’altro: uno sguardo interdisciplinare
Emiliana Mangone, Noi e l’Altro: identità e riconoscimento
Vincenzo Esposito,
La cultura dell’Altro
Marinella Attinà, Processi educativi e interculturalità: riflessioni e problematicità pedagogiche
Valentina Mascia,
Lo “straniero” che dunque sono. Note a margine di alcune riflessioni artistico-filosofico-letterarie
Daniela Calabrò,
Xénoi. Il controcanto dell’Europa
Parte II. L’altro come straniero
Giuseppe Masullo, Tra Noi e l’Altro: le rappresentazioni sociali dello straniero
Francesca Ieracitano,
La rappresentazione mediale del migrante: cornici interpretative a confronto
Sonia Pozzi,
Cittadinanza, partecipazione, integrazione: costruzioni “dal basso”
Vulca Fidolini,
Religione ed esperienza migratoria. Tra “doppia assenza” e costruzione identitaria
Giuseppe Masullo,
Il genere e l’orientamento sessuale non normativo negli studi migratori
Parte III. Strumenti per l’interculturalità
Paola Martino, Etica dell’im-proprio: educare alla simpatia?
Emiliana Mangone,
La ri-socializzazione dei codici linguistici e simbolici: è possibile l’integrazione culturale?
Emiliana Mangone, Giuseppe Masullo,
Conclusioni senza conclusioni
Note su Autori e Autrici.