Adapting Reuse

Strategie di conversione d'uso degli interni e di rinnovamento urbano

Autori e curatori
Contributi
Andrea Branzi, Luisa Collina
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 128,      1a edizione  2016   (Codice editore 85.99)

Adapting Reuse. Strategie di conversione d'uso degli interni e di rinnovamento urbano
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

L’Adaptive Reuse mira a conciliare la distanza tra le funzioni originarie degli spazi e le necessità emergenti. Il volume prende in esame il processo di conversione d’uso per la ri-funzionalizzazione di spazi esistenti, la cui funzione originaria è esaurita, mostrando come si possa dare nuovo significato ai “vuoti” urbani attraverso interventi, spontanei o guidati, che possono prevedere un forte coinvolgimento sociale e culturale.

Presentazione del volume


Il significato dell'espressione anglosassone Adaptive Reuse - nella sua accezione di conversione d'uso per la ri-funzionalizzazione di spazi esistenti la cui funzione originaria è esaurita - include un complesso sistema di strategie di intervento adattabili, o meglio "adattive", messe in campo dalla cultura del progetto. Esse sono profondamente legate ai recenti modelli di economia dell'accesso, della condivisione e dell'esperienza, e riportano in primo piano la dicotomia tra possesso e uso delle risorse, così rilevante nello scenario contemporaneo. L'Adaptive Reuse, dunque, mira a conciliare la distanza tra le funzioni originarie degli spazi e le necessità emergenti.
In questo senso, è la cultura di progetto degli interni che governa e catalizza, cioè rende più efficace e sostenibile, la trasformazione degli spazi abitabili - sia interni che esterni - consentendone un veloce e dinamico aggiornamento.
Se le prime esperienze progettuali che hanno tracciato la storia dell'Adaptive Reuse riguardano la conversione degli spazi tra differenti categorie d'uso, oggi la strategia tende a costituirsi piuttosto come un "processo debole" di adattamento delle strutture stesse, a volte guidato in maniera "inversa", cioè condizionato dall'esistente.
Il "tempo", in particolare la "transitorietà" degli interventi, costituisce una variabile strategica perché permette di rispondere a nuove domande, testare progetti, avviare programmi di inclusione, colmare i vuoti temporali tra le fasi di progetto e trasformazione. Il gerundio Adapting, nel titolo, infatti, esorta a sperimentare strategie di Adaptive Reuse sempre nuove e attente alle condizioni specifiche del progetto. Queste strategie permettono altresì di dare nuovo significato ai "vuoti" urbani attraverso interventi, spontanei o guidati, che possono prevedere un forte coinvolgimento sociale e culturale, generando nell'insieme importanti dinamiche di rigenerazione degli organismi urbani e delle comunità che li abitano.

Barbara Camocini, architetto e PhD in Architettura degli Interni e Allestimento, è ricercatore assegnista e docente presso la Scuola di Design del Politecnico di Milano. I suoi studi riguardano l'Interior Design, come ambiente antropologico e umano, che cambia attraverso processi di Adaptive Reuse, generando opportunità di rinnovamento urbano. Si interessa, inoltre, di Storia del Design con riferimento particolare ai diversi aspetti della cultura italiana ed è consulente per aziende private e istituzioni pubbliche, in progetti che richiedono fasi di ricerca preliminare e attività di project management a livello internazionale. Ha partecipato al progetto e alla definizione dell'inquadramento tematico del Cluster Arid Zones per EXPO MILANO 2015.

Indice

Luisa Collina, Prefazione
Andrea Branzi, Premessa
Introduzione
Adaptive Reuse. Attualità del fenomeno e significati del termine
(Per uno sviluppo rigenerativo; Converting, adapting, updating: pratiche allestitive del contemporaneo; La Società Urbana nell'Era dell'Informazione e dell'Economia dei Servizi; Dall'Information and Communication Technology alla Net Society; L'individuo e la globalità nella società contemporanea; Il riuso adattivo: tra conversione d'uso e ri-funzionalizzazione)
Conversione permanente tra categorie d'uso
(Una sequenza di rivoluzioni tecnologiche, dismissioni e conversioni d'uso; Il Loft, un esempio paradigmatico di conversione d'uso; Ricercando nuove categorie generate dalla conversione d'uso; La conversione del terziario in residenza. Alcune testimonianze; SOHO - Small Office Home Office - una nuova categoria di interni; SOHO Buildings. I progetti di Riken Yamamoto a Tokyo e a Pechino; "Un luogo trasparente percorso dai flussi dell'informazione"; La conversione d'uso "forte". Le Convertible cities, tra landmark e blandscapes)
Conversione d'uso adattiva o inversa
(Tra economia cognitiva ed economia della condivisione; Esternalità urbane; Origini e sviluppi del co-working; I derivati del co-working; Copernico, un business center integrato; Il riconoscimento istituzionale degli spazi di co-working; La conversione d'uso inversa)
Conversione d'uso transitoria
(La città nell'era digitale globale: dalle shrinking cities alle sharing cities; Vuoti urbani, luoghi di sperimentazione; Il riuso transitorio degli spazi urbani come strategia di instant urbanism; La conversione d'uso come eredità dei grandi eventi internazionali; Le EXPO Universali. Elementi di progetto; Expo Milano 2015. Elementi innovativi)
Elementi di analisi delle strategie di conversione d'uso
Bibliografia.