Le fiabe per insegnare le regole

Un aiuto per grandi e piccini

Autori e curatori
Collana
Livello
Guide di autoformazione e autoaiuto
Dati
pp. 154,   1a ristampa 2021,    1a edizione  2016   (Codice editore 239.296)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Le fiabe per insegnare le regole Un aiuto per grandi e piccini
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,50
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Come aiutare un bambino a capire che deve lavarsi i denti, fare la doccia o smettere di mangiarsi le unghie? Come convincerlo che deve allacciare la cintura quando sale in auto? Come insegnargli l’utilità di mettere in ordine la propria stanza o di preparare la cartella? Le favole riusciranno a raccontare il mondo dei “grandi” ai bambini: aiuteranno non solo i bambini a comprendere le ragioni delle cose, ma anche i genitori a risolvere le piccole difficoltà della vita quotidiana.

Utili Link

laRepubblica.it Dalla pappa alla nanna (di Agense Ananasso)… Vedi...

Presentazione del volume

Come aiutare un bambino a capire che deve lavarsi i denti, fare la doccia o smettere di mangiarsi le unghie?
• Come convincerlo che deve allacciare la cintura, quando sale in auto?
• Come spiegargli la necessità di mangiare frutta e verdura?
• Come insegnargli l'utilità di mettere in ordine la propria stanza o di preparare la cartella?
La difficoltà nella comunicazione tra adulti e bambini è legata al modo diverso che hanno di osservare la realtà: gli adulti si basano sull'esperienza, considerano ovvie le conoscenze pregresse e si affidano al senso comune; i bambini invece nella prima infanzia non hanno ancora sviluppato la capacità di astrazione che permetterebbe loro di comprendere quei concetti che per l'adulto sono ormai assodati.
Per creare un ponte tra questi due mondi l'autrice propone l'uso del linguaggio delle favole, attraverso il quale potranno essere trasferiti quei messaggi tanto difficili da comunicare in altri modi.
Le favole riusciranno a raccontare il mondo dei "grandi" ai più piccoli: aiuteranno non solo i bambini a comprendere le ragioni delle cose, ma anche i genitori a risolvere le piccole difficoltà della vita quotidiana, apparentemente poco significative, ma che rappresentano in realtà la parte centrale e più importante della vita familiare.
La proposta dell'autrice è riempire quei momenti e arricchire un istante quotidiano con il racconto di una storia di fantasia, con lo scopo di capirsi di più e meglio.

Elisabetta Maùti è autrice di numerose raccolte di fiabe per bambini, di filastrocche e testi per spettacoli teatrali, sempre destinati all'infanzia. Nel 2012 ha fondato l'associazione Dillocon1fiaba. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo, per i tipi di Erickson, Una fiaba per ogni perché (2009); Cosa mi racconti oggi (2009); Storie per la pappa e per la nanna (2011); Giorgino Mangiabombe (2012); Mille e una famiglia (2015); per i nostri tipi ha già pubblicato Le fiabe per... prepararsi alla nascita (2013).

Indice

Introduzione
Favole e bambini
(Mondi paralleli; Conoscersi; Il linguaggio delle favole; Un ponte tra rive diverse; Chi abita il mondo dei bambini?; Favole per parlare)
Le regole: devo o non devo?
(Allacciarsi le cinture in macchina; Per chi non vuole lavarsi; La doccia no: non me la faccio!; Per chi si mangia le unghie; Per chi non vuole lavarsi i denti; Manina maleducata; Sono arrivati i pidocchi; Per chi si ciuccia il dito; Per imparare a dire grazie; L'importanza di salutare; Per concludere)
La grande sfida dell'infanzia: la scuola
(Per chi non vuole andare a scuola; Se ti prendono in giro; Il mio amico è prezioso; Orso Romolo picchia tutti; Maria è la mia amica, io non la prendo in giro; Quando la maestra se ne va...; Matema...gica per imparare le tabelline; Imparare a studiare (per bambini che odiano ripetere la lezione); Arriva un compagno nuovo; Chi non vuole mangiare a scuola; Per chi cambia scuola; A sbagliare i compiti; Per concludere)
Pianti, urla e capricci
(La favola della strega Arrabbiosa; Per un cucciolo che piange sempre; La mamma che urla; Non litigate davanti a me; Per chi non riesce a stare fermo; Il bambino che rompeva i muri; Per chi ha paura delle novità; Lo sciopero delle mamme; La cocco-capricciosite)
Favole per il sonno e il cibo
(Per chi non vuole andare a dormire; Ognuno nel suo letto; A chi non vuole alzarsi la mattina; A dormire nel lettone...; Io dormo attaccato alla mamma; La scuola che aveva paura del buio; Per chi non vuole mai mangiare la frutta; Per chi non vuole neanche assaggiare: tanto lo sa che non gli piace; Per chi mangia troppo...)
Favole per pensare
(Pensare con la propria testa; Tonio si sceglie gli amici; La principessa capelli-verdi-e-occhi-biondi; Super babbo; Favola per imparare a sbagliare; Il buio è un gran fifone; Il pesciolino che non voleva nuotare; Tommaso e il bambino blu)
Conclusioni.