Un intellettuale a Palazzo Farnese.

Gilles Martinet ambasciatore di Francia a Roma (1981-1984)

Autori e curatori
Contributi
Jean Musitelli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      1a edizione  2017   (Codice editore 1581.28)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Un intellettuale a Palazzo Farnese. Gilles Martinet ambasciatore di Francia a Roma (1981-1984)
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891753526
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891758491
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Giornalista, scrittore, politico, intellettuale parigino, Gilles Martinet fu ambasciatore di Francia a Roma dal 1981 al 1984, coronando così un lungo rapporto lavorativo, culturale e affettivo con l’Italia. Frutto di un’indagine condotta principalmente sulle carte dell’ambasciatore conservate al Centre d’Histoire di Sciences Po, il volume ripercorre le questioni salienti degli anni “romani” di Martinet, dalla contestata nomina all’evoluzione della politica italiana nei governi Spadolini, Fanfani e Craxi.

Presentazione del volume

Le relazioni tra Roma e Parigi, caratterizzate negli ultimi centocinquant'anni da accordi e contrasti, crisi e progetti comuni, momenti di sintonia o di profonda indignazione, furono descritte e vissute in prima persona da Gilles Martinet, ambasciatore di Francia a Roma dal 1981 al 1984. Giornalista, scrittore, politico, intellettuale parigino, il francese coronò con la nomina a Palazzo Farnese un lungo rapporto lavorativo, culturale e affettivo con l'Italia. Dalla splendida ambasciata francese, Martinet fu per tre anni attento e interessato osservatore dei principali avvenimenti che coinvolsero la Penisola. Non solo descrisse i complessi rapporti tra Italia e Francia, ma analizzò nel dettaglio anche l'evoluzione della politica, della società e della cultura italiana.
Frutto di una indagine condotta principalmente sulle carte dell'ambasciatore conservate al Centre d'Histoire di Sciences Po, il volume ripercorre le questioni salienti degli anni "romani" di Martinet: la contestata nomina, gli obiettivi di Parigi per l'Italia, l'evoluzione della politica italiana nei governi Spadolini, Fanfani e Craxi, i principali dossier economici tra i due paesi, il comportamento francese nei confronti del terrorismo italiano, le relazioni culturali, i successi e le delusioni personali dell'ambasciatore.
La ricerca all'origine di questo libro è stata premiata con il Prix Master dall'Institut François Mitterrand di Parigi.

Samuele Sottoriva (Vicenza, 1991) si è laureato in Scienze Storiche all'Università degli Studi di Padova. La sua tesi di laurea magistrale, Un intellettuale a Palazzo Farnese: Gilles Martinet ambasciatore di Francia a Roma, è stata premiata nel giugno 2016 con il Prix Master dell'Institut François Mitterrand di Parigi: per la prima volta il prestigioso premio è stato conferito ad uno studente non francese.

Indice

Jean Musitelli, Prefazione
Introduzione
Parte I. Biografia, nomina, progetti
Verso Roma
(Giornalista, politico e scrittore; Il legame con l'Italia; Mitterrand all'Eliseo; La nomina; Il ricorso del Quai d'Orsay)
Palazzo Farnese
(L'arrivo a Roma; La "dépendance" dagli Stati Uniti; Gli obiettivi di Parigi; Un compito difficile)
Parte II. Dossier politico
I governi Spadolini
(Il primo governo "laico"; Una forte influenza statunitense; Il primo sommet franco-italiano; Politica interna e "l'Europa delle parole"; L'intervento in Libano e la visita di Arafat a Roma; Piena sintonia)
Il governo Fanfani
(Spadolini-bis e ritratto di Fanfani; Persistenze; Discontinuità; Euromissili, elezioni tedesche e Comunità Europea)
Il governo Craxi
(Le elezioni del 26 giugno 1983; La reazione di Via Veneto e il nuovo esecutivo; L'iniziativa di Craxi e Andreotti alla Farnesina; Una politica estera diversa; La lettera di Andropov a Craxi e l'incontro di Andreotti; Unione Sovietica e Ostpolitik italiana; Reazioni italiane e francesi; Medioriente e Mediterraneo; Scala mobile; Le dichiarazioni di Lisbona; La scomparsa di Berlinguer e le elezioni europee; Andreotti e le "due Germanie"; Ultime settimane e bilancio)
Parte III. Dossier economico
Airbus
(L'industria aeronautica italiana; Europa e Stati Uniti; Al centro delle polemiche; Il fallimento; Un ritorno di fiamma?)
Olivetti
(Olivetti e Saint-Gobain; Martinet e De Benedetti; Epilogo)
Altri settori
(La "guerra del vino"; Il nucleare; La siderurgia)
Parte IV. Altri temi
Palazzo Farnese e il terrorismo italiano
(La posizione francese; Violenze e legislazione d'emergenza; Il caso Scalzone; Toni Negri: condanna, fuga e reazione; Toni Negri: intrighi di corridoio; "Intellectuels naïfs" e valutazioni)
Craxi - "Le Monde"
(Bettino Craxi e Alberto Cavallari; I dissidi precedenti; L'Italie malade de corruption; La polemica)
Le relazioni culturali
(Situazione all'arrivo e progetti; Una maggiore sensibilità; Un netto miglioramento; "Une cooperation sur un pied d'égalité")
Conclusioni
Fonti e bibliografia
Indice dei nomi.