La diversità culturale tra diritto e società

Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 96,      1a edizione  2018   (Codice editore 1525.56)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La diversità culturale tra diritto e società
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891769466

In breve

Il diritto rappresenta il mezzo attraverso il quale i diritti legati alla propria identità possono trovare riconoscimento, ma è al contempo un potente strumento di identificazione e di etichettamento, con conseguenze tutt’altro che trascurabili per le persone in termini di inclusione ed esclusione sociale. Il libro affronta queste tematiche e, con riferimento al contesto italiano, analizza il ruolo degli operatori del diritto – giudice e legislatore in particolare – nel riconoscere i diritti e nel favorire l’inclusione sociale, ricorrendo all’argomento della diversità culturale.

Presentazione del volume

La diversità culturale è un aspetto fondamentale delle società contemporanee, legato in Europa principalmente alle migrazioni e allo stanziamento di persone che portano con sé usi, costumi, norme, lingue, religioni. Il tessuto sociale e culturale delle società cambia, e così anche il mondo del diritto, sollecitato da nuove pratiche, nuove richieste, nuovi conflitti.
Analizzare la diversità culturale tra diritto e società suggerisce di indagare i meccanismi e le ragioni che portano la persona a definire se stessa 'culturalmente diversa', e i meccanismi e le ragioni che portano a definire l'altro 'culturalmente diverso'.
In queste dinamiche il diritto gioca un ruolo cruciale, nel suo essere mezzo attraverso il quale i diritti legati alla propria identità possono trovare riconoscimento, ma anche potente strumento di identificazione e di etichettamento, con conseguenze tutt'altro che trascurabili per le persone in termini di inclusione ed esclusione sociale.
Il libro affronta queste tematiche e, con riferimento al contesto italiano, analizza il ruolo degli operatori del diritto - giudice e legislatore in particolare - nel riconoscere i diritti e nel favorire l'inclusione sociale, ricorrendo all'argomento della diversità culturale.

Letizia Mancini è professoressa associata nell'Università degli Studi di Milano, dove insegna Sociologia del diritto e Antropologia giuridica. È autrice di numerosi saggi sul rapporto tra diritti e culture e sulle connessioni tra società multiculturale e diritto.

Indice

Introduzione
(Sguardi sulla diversità culturale; Questo libro)
La diversità culturale nelle società contemporanee
(La diversità culturale tra conflitto e integrazione; Persone, affiliazioni e norme; Strategie d'azione: cultura processuale e cultura reificata)
Diversità culturale e localismo dei diritti
(Emergenza immigrazione; La politica attuale; Il legislatore tra intervento e abdicazione; Localismo dei diritti)
Conflitti multiculturali
(Il giudice e la diversità culturale; Uno sguardo alla giurisprudenza italiana; Casi concreti)
Conclusioni
Bibliografia di riferimento.





Pubblicità