L'Ateneo di Padova nell'Ottocento

Dall'Impero asburgico al Regno d'Italia

Autori e curatori
Contributi
Maria Grazia Bevilacqua, Liliana Billanovich, Piero Del Negro, Sandro Gherro, Pierluigi Giovannucci, Luisa Meneghini, Manlio Miele, Giuseppe Ongaro, Gregorio Piaia, Giovanni Silvano, Giulia Simone, Chiara Valsecchi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 330,      1a edizione  2019   (Codice editore 144.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

L'Ateneo di Padova nell'Ottocento. Dall'Impero asburgico al Regno d'Italia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 38,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891787859
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 27,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891798718
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il passaggio dall’ultima dominazione asburgica all’Italia monarchica di Vittorio Emanuele II rappresenta un evento di grande rilievo per la cultura accademica. Il volume prende in esame il caso della prestigiosa Università di Padova, dove dal 17 luglio 1866 si insedia il commissario straordinario Gioacchino Pepoli, il quale avvia una vigorosa riforma, procedendo alla sostituzione di oltre una dozzina di insegnanti compromessi con il passato governo viennese e reintegrando quanti erano stati destituiti da Vienna per motivazioni politiche, per «sentimenti di italianità» dichiarati e vissuti.

Presentazione del volume

Nel 1866 il destino di Venezia e della Terraferma è messo alla prova da nuove e decisive sfide, soprattutto dall'aspro confronto con l'Impero asburgico. Le vicende militari della terza guerra d'indipendenza si riflettono, necessariamente, anche sull'Università di Padova, che tanto prestigio culturale aveva accumulato nel corso dei secoli. Sino ad allora l'Ateneo era impegnato a formare sudditi leali e burocrati diligenti, così come era stato deciso a Vienna - all'indomani della Restaurazione - per tutte le istituzioni imperiali. A partire dal 17 luglio 1866 si insedia a Padova il commissario straordinario Gioacchino Pepoli, il quale, in virtù del potere conferitogli dal reale decreto organico del 18 luglio, avvia una vigorosa riforma. Il passaggio dall'ultima dominazione asburgica all'Italia monarchica di Vittorio Emanuele II rappresenta un evento di grande rilievo per la cultura accademica e la definizione del ruolo dei docenti. Pepoli procede con determinazione anche nei confronti dei dipendenti dell'Ateneo, sostituendo oltre una dozzina di insegnanti compromessi con il passato governo viennese, nominando o riconfermando nei vari ruoli uomini liberali-moderati e provvedendo a reintegrare quanti erano stati destituiti da Vienna per motivazioni politiche, per "sentimenti di italianità" dichiarati e vissuti. Sempre in questo contesto sono analizzate anche altre questioni, quali le sedimentazioni legislative, i rapporti tra Università e amministrazione locale, il censimento dei docenti, i libri dei conti.

Filiberto Agostini è docente di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell'Università di Padova. I suoi saggi recenti riguardano la storia politico-amministrativa e sociale dell'Otto e Novecento. Per FrancoAngeli ha curato numerosi volumi, tra cui: La Regione del Veneto a quarant'anni dalla sua istituzione. Storia, politica, diritto, Milano 2013; Le "mie carte". Inventario dell'Archivio Mariano Rumor, I-II, Milano 2015; Il Veneto nel Risorgimento. Dall'Impero asburgico al Regno d'Italia, Milano 2018. Ha pubblicato inoltre la monografia Il governo locale nel Veneto all'indomani della Liberazione. Strutture, uomini e programmi, Milano 2012.

Indice

Filiberto Agostini, Per una riflessione introduttiva sull'Ateneo di Padova nel 1866
Piero Del Negro, Il volontariato studentesco padovano del 1848-49
Giuseppe Ongaro,
La Clinica medica padovana durante il dominio austriaco
Gregorio Piaia,
La filosofia all'Università di Padova nel 1866 e dintorni
Chiara Valsecchi,
La Facoltà giuridica e l'unità d'Italia
Maria Grazia Bevilacqua,
Lo studio privato presso la Facoltà politico-legale padovana in età austriaca: prime indagini
Manlio Miele,
Scienze sacre nell'Ateneo di Padova tra confessionismo giurisdizionalista e separatismo liberale
Sandro Gherro,
La disputa Volpe-Somazzi sulla "Questione romana". Qualche rilievo canonistico-teologico
Liliana Billanovich,
La cesura di un rapporto plurisecolare. Università e Chiesa di Padova a seguito del 1866
Pierluigi Giovannucci,
La fine della Facoltà teologica: implicazioni e riflessioni
Filiberto Agostini,
La transizione dall'Impero asburgico al Regno d'Italia. I docenti dello Studio di Padova nel 1866
Luisa Meneghini,
Il corpo docente dell'Università di Padova dal 1850 al 1870: una prima indagine
Giulia Simone,
Gli studenti dell'Università di Padova dal 1850 al 1870
Giovanni Silvano,
Evidenze contabili nell'Archivio dell'Università di Padova. Continuità e cambiamenti prima e dopo il 1866
Indice dei nomi di persona.