Time to exhibit.

Directing Spatial Design and New Narrative Pathways

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 198,      1a edizione  2019   (Codice editore 319.8)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Time to exhibit. Directing Spatial Design and New Narrative Pathways
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

This book offers a key for reinterpreting interior design as a whole, in light of the narrative component of a kind of exhibition design that constantly addresses the measurement of time, which becomes the founding variable to be dealt with on the level of a project. Commenting on the evolution of exhibition design, the volume outlines its future sceneries, arising as an unicum from the perspective of the reflection on the role and the developments of this interior design branch.

Presentazione del volume

This book offers a key for reinterpreting interior design as a whole, in light of the narrative component of a kind of exhibition design that constantly addresses the measurement of time, which becomes the founding variable to be dealt with on the level of a project. Commenting on the evolution of exhibition design, the volume outlines its future sceneries, arising as an unicum from the perspective of the reflection on the role and the developments of this interior design branch.
Drawing on over twenty years' experience in the field, the author gathers together research purposes and design experimentations, praising both the great past masters of teaching and the contribution of new technologies, the exploitation of which encompasses new design horizons.

Questo libro offre una chiave di lettura per reinterpretare il design degli interni, alla luce della componente narrativa propria di un design espositivo che si confronta con la misura del tempo, quale variabile fondante in sede di progetto. Commentando l'evoluzione dell'exhibition design, il volume ne delinea gli scenari futuri, ponendosi come un unicum nella riflessione sul ruolo e sugli sviluppi di questo ramo dell'interior design.
Forte di un'esperienza sul campo di oltre vent'anni, l'autore condensa qui scopi di ricerca e sperimentazioni progettuali, facendo tesoro tanto dell'insegnamento dei maestri del passato quanto dell'apporto delle nuove tecnologie. Entrambi riferimenti imprescindibili, oggi, per la costruzione di nuovi orizzonti di progetto.

Ico Migliore is an Italian architect who teaches Interior Design at the Polytechnic University of Milan (Italy) and is Chair Professor of the College of Design at the Dongseo University in Busan (South Korea). He is the co-founder with Mara Servetto of the Milan based firm Migliore + Servetto Architects which for over twenty years has developed international design projects for the most important brands, museums and institutions.

Ico Migliore, architetto, insegna Design degli Interni al Politecnico di Milano ed è Chair Professor del College di Design alla Dongseo University di Busan (Corea del Sud). Co-founder con Mara Servetto dello studio Migliore + Servetto Architects, con cui, da più di vent'anni, sviluppa progetti su scala internazionale per i più prestigiosi brand, musei e istituzioni.

Indice

Introduction. The Perfect Time
The Design Stage
(The Archive of Memory: Two Examples of Wunderkammer; Everything is Culture; The Genius Loci; Spatial Relationships and Characters of Identity)
The Subject
(Towards the Cognitive Experience: Multiple Professionals for a Single Purpose; Container VS Content; Slow-release Exhibition Projects; Exhibiting an Original, Exhibiting a Replica; A Single Content or Multiple Contents?; A New Quality of Places)
Mirroring Effect
(The Impact Force of Mass Tourism; Towards a Quality Crossing; The Lay Procession; Expanding the Perceptual Horizon: the Mirroring Effect)
The Frame and the Pathway
(Zoom in, Zoom out; Designing the Time; Expanded Frame, Elastic Frame; A Negative Drawing: Designing Light; Technology and Multimedia: Future Transplants; For an Enviromental Graphic Design)
Spatial Editing
(The Background-figure Relationship; The Succession of Sequences as a Narration; The Uniqueness of the Space: the Repeated Note; Pace of the Narration, Pace of Life; Architectures Where it Rains Inside)
The Polyphonic Space
(The Nail-in-the-wall Museum; The Funfair Museum; The Narrative Museum; The Polyphonic Project)
Selected Images
The Author
Bibliography.

Indice
Introduzione. Il tempo perfetto
Il campo scenico
(L'archivio della memoria: due esempi di Wunderkammer; Tutto è cultura; Il genius loci; Relazioni spaziali e caratteri d'identità)
Il soggetto
(Verso l'esperienza conoscitiva: più figure per un unico fine; Contenitore VS contenuto; Progetti espositivi a lento rilascio; Esporre un originale, esporre una replica; Un contenuto o più contenuti?; Una nuova qualità dei luoghi)
Mirroring effect
(La forza d'urto del turismo di massa; Per una qualità dell'attraversamento; La processione laica; Ampliare l'orizzonte percettivo: il mirroring effect)
La cornice e il percorso
(Zoom in, zoom out; Progettare il tempo; Cornice espansa, cornice elastica; Un disegno in negativo: progettare la luce; Tecnologia e multimedialità: protesi future; Per una grafica ambientale)
Il montaggio: l'editing spaziale
(Il rapporto sfondo-figura; La successione di sequenze come racconto; Il carattere dello spazio: la nota ripetuta; Tempo del racconto, tempo di vita; Architetture dove piove dentro)
Lo spazio polifonico
(Il museo chiodo-parete; Il museo lunapark; Il museo narrante; Il progetto polifonico)
Antologia di immagini
L'Autore
Bibliografia.