Pedagogia

Il sapere/agire della formazione, per tutti e per tutta la vita

Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 154,      1a edizione  2019   (Codice editore 431.2.12)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Pedagogia. Il sapere/agire della formazione, per tutti e per tutta la vita
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891790408

In breve

Il volume intende riflettere sulla pedagogia come scienza della formazione per tutti e per tutta la vita, nella molteplicità e variabilità dei contesti di conoscenza ed esperienza. L’identità complessa e plurale del sapere pedagogico si rende evidente attraverso l’impegno a indagare, problematizzare, progettare e governare le emergenze educative della contemporaneità, riferite ad alcuni temi cruciali quali le relazioni tra popoli e culture, tra generi e generazioni, tra saperi formali, informali e non formali, tra rischio e possibilità.

Presentazione del volume

Con questo volume l'autrice intende proporre una articolata e analitica riflessione sulla pedagogia come scienza della formazione per tutti e per tutta la vita, nella molteplicità e variabilità dei contesti di conoscenza ed esperienza.
L'identità complessa e plurale del sapere pedagogico, all'incrocio tra dimensione teorica e prassica, si rende evidente attraverso l'impegno a indagare, problematizzare, progettare e governare le emergenze educative della contemporaneità, riferite ad alcuni temi cruciali quali quelli relativi alle relazioni tra popoli e culture, tra generi e generazioni, tra saperi formali, informali e non formali, tra rischio e possibilità.
In tale prospettiva, il sapere pedagogico - costitutivamente aperto al dialogo e al confronto con le altre scienze dell'educazione e umano-sociali - "scommette" sul potere emancipativo e trasformativo della formazione (dell'educazione e dell'istruzione) e dunque sulla possibilità/capacità di poter contare su uomini e donne capaci di gestire la complessità del vivere contemporaneo senza dimenticare e, anzi, orientando il proprio pensare/agire ai principii e ai valori della democrazia partecipativa, della libertà condivisa, del rispetto e della solidarietà.

Isabella Loiodice
è professore ordinario di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Studi umanistici dell'Università di Foggia. I suoi temi di ricerca ruotano intorno alla legittimazione della pedagogia come scienza teorica e prassica, nella complessità delle sue articolazioni riferite alle tematiche del corso della vita, dell'apprendimento permanente, delle differenze di genere, di età, di appartenenza etnica e culturale. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Percorsi di genere. Società, cultura, formazione (con Plas Ph., Rajadell N., a cura di, Pisa 2012); Pedagogie meridiane. Educare tra emancipazione e immaginazione (a cura di, Bari 2017); Orientare per formare. Teorie e buone prassi all'università (con Dato D., a cura di, Bari 2015). Per FrancoAngeli ha pubblicato, tra gli altri, Non perdere la bussola. Orientamento e formazione in età adulta, 2004; Formazione di genere. Racconti, immagini, relazioni di persone e famiglie (a cura di, 2014).

Indice

Introduzione
Pedagogia, scienza prima della formazione
Alla ricerca di una identità: un dibattito in corso
(Pedagogia e scienze dell'educazione; Paradigmi e orizzonti di senso della pedagogia)
La complessità, categoria pedagogica
Teoria e prassi del discorso pedagogico
(Il superamento di un approccio disgiuntivo; Una scienza dialettica e critica)
Pedagogia e pedagogie
(Articolazioni plurali di un sapere unitario; La natura sociale e la valenza epistemologica del sapere pedagogico)
L'oggetto della pedagogia
(Educabilità delle persone e processo formativo; Il trinomio formazione / educazione/istruzione)
Potere o crisi dell'educazione?
Luci e ombre del tempo presente
("Vite di corsa" e "pensiero sbrigativo"; La sindrome dell'apparire)
L'educazione al bivio
(Sull'antinomia autorità/libertà; Il valore della testimonianza e dell'impegno in educazione)
La cura, categoria pedagogica
Le virtù donative (e quindi educative) della cura
(Da categoria minore a virtù pubblica; La relazione educativa come dono reciproco)
L'educazione tra mente e affetti, nei differenti contesti di vita
Educare la mente
(Da una mente rigida a una mente plastica)
Il nesso ragione/emozione
(Il tessuto emotivo-affettivo della mente; Altruismo e bene comune)
Mente e affetti a scuola
(La scuola, palestra di saperi e di emozioni; Saperi, emozioni e relazioni per una scuola inclusiva)
Mente e affetti a casa
(Le trasformazioni del nucleo familiare; Solidità dei legami parentali e responsabilità genitoriali)
Mente e affetti sul luogo di lavoro
("Good work" e umanizzazione del lavoro; Capitale intangibile e benessere organizzativo)
Pedagogia e corso della vita
Dalla linearità alla ricorsività dei tempi di vita
(Corso della vita in prospettiva lifelong, lifewide e lifedeep; L'educazione permanente come orizzonte di senso)
Dall'infanzia alla vecchiaia...
(L'infanzia; La vecchiaia
Attraverso l'età adulta
(La crisi dell'adultità; Apprendimento e formazione in età adulta; Un "classico" dell'educazione degli adulti: Eduard C. Lindeman
Pedagogie della contemporaneità
Pedagogia delle relazioni interculturali
(La paura dell'altro; La pratica dell'ascolto, per imparare a dialogare)
Pedagogia delle relazioni intergenere
(Storia e storie di donne; Infanzie di genere)
Pedagogia della sostenibilità
(Emergenza ambientale ed emergenza umanitaria; Formare un pensiero ecologico)
Pedagogia dei media
(La spettacolarizzazione mediale dei sentimenti; Tecnologie mediali e apprendimenti (formali, informali e non formali)
L'educazione come speranza per costruire futuro
L'educazione "contro" le vecchie e le nuove povertà
(Lo spettro delle povertà)
Testimonianze
(Iqbal e Malala, pakistani, contro lo sfruttamento e la discriminazione; Il bambino con la pagella; Greta, una voce in difesa del pianeta)
Bibliografia.