Rinuncia, ribellione, resilienza

Taranto e la sua emergenza sanitario-ambientale

Autori e curatori
Contributi
Paola Casella, Vera Corbelli, Marinella Sibilla, Emanuele Spataro
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 314,      1a edizione  2020   (Codice editore 1520.807)

Rinuncia, ribellione, resilienza Taranto e la sua emergenza sanitario-ambientale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 40,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891799050
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 34,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835111474
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume costituisce una parte del progetto AFORED, voluto dal Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto e rivolto alla formazione, informazione e divulgazione di buone prassi inerenti i temi ambientali. Lo studio consiste nella ricostruzione storico-analitico dello scenario “emergenziale” del territorio e nell’ascolto dei suoi abitanti, nella convinzione che solo recependo la voce di chi vive in un’area di crisi ambientale sarà possibile impostare una strategia di futuro, capace di dare risposte efficaci a problematiche gravemente complesse.

Presentazione del volume

Diffidenza, delusione, rabbia e rassegnazione: è quanto emerge dall'ascolto di un significativo campione di cittadini che vivono nel SIN di Taranto. Anche il mondo associativo, che ha mostrato di essere ben informato e in possesso di importanti competenze scientifiche in materia ambientale, alterna disillusione e voglia di riscatto a residue speranze di costruire un futuro migliore per il proprio territorio. È questo l'humus socio-culturale su cui già da qualche tempo si sta sviluppando una capillare opera di "risanamento", volta non solo a contenere e superare le esperienze di stress, ansia e umore depresso, ma soprattutto ad attivare reti socio-relazionali del vivere comunitario, utili a disinnescare i conflitti e a stimolare azioni di ricompattamento di una società che a Taranto appare a tutti gli effetti delusa, pur in presenza di non trascurabili elementi di resilienza sui quali è possibile costruire una visione alternativa a quella disfattista, esasperata o persino disperata che spesso diventa protagonista di molte rappresentazioni mediatiche.
Taranto e l'intero Paese hanno una grande occasione: riuscire a trasformare la più grave crisi industriale del dopoguerra in una straordinaria opportunità di modernizzazione e sviluppo.
Il lavoro contenuto in queste pagine costituisce una parte del progetto AFORED voluto dal Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto e rivolto alla formazione, informazione e divulgazione di buone prassi inerenti i temi ambientali. Lo studio consiste nella ricostruzione storico-analitico dello scenario "emergenziale" del territorio e nell'ascolto dei suoi abitanti, nella convinzione che solo recependo la voce di chi vive in un'area di crisi ambientale sarà possibile impostare una strategia di futuro, capace di dare risposte efficaci a problematiche gravemente complesse.

Antonio Panico è professore associato di Sociologia generale presso il Dipartimento "GEPLI" della LUMSA. È il direttore della sede di didattica decentrata di Taranto della stessa università. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla storia del pensiero sociologico alla previsione sociale e, negli ultimi anni, si sono concentrati sull'analisi delle cause e delle conseguenze della situazione di crisi socio-economico-ambientale del capoluogo jonico.

Indice

Vera Corbelli, Dall'emergenza alla rinascita
Antonio Panico,
Un territorio ferito e le sue risposte
Parte I
Antonio Panico, Emanuele Spataro, L'industrializzazione a Taranto: excursus storico
(I primi insediamenti industriali; La seconda industrializzazione: i Cantieri Navali Tosi e le officine Buffoluto; La terza industrializzazione, insediamento dell'Italsider a Taranto; Gli altri insediamenti industriali presenti a Taranto; Le aziende che furono: Belleli, Marcegaglia e TCT; L'industrializzazione negli altri comuni dell'Area Vasta)
Antonio Panico, Lo scenario attuale
(Le dinamiche demografiche; Aspetti economici e produttivi; L'incidenza del fenomeno migratorio a Taranto e provincia; Analisi descrittiva delle principali attività produttive dei comuni della "area vasta")
Paola Casella, Antonio Panico, Emergenza, ambiente e salute
(All'origine dei problemi; Emergenza salute e ambiente: dalle supposizioni alle prime certezze; Studi epidemiologici ed emergenza sanitaria; Wind Day, finestre chiuse e niente sport all'aperto; Autorizzazioni integrate ambientali Ilva 2011 e 2012 e Valutazione del danno sanitario; Un capitolo ancora da scrivere: il futuro dell'area industriale)
Parte II
Antonio Panico, L'indagine campionaria: analisi dei dati
(Descrizione demosociale del campione; La percezione dell'ambiente; Conoscenza delle associazioni ambientaliste; Le istituzioni e le problematiche ambientali; Le reazioni alla situazione di degrado ambientale; Azioni di bonifica, informazione e conoscenza; Uno brain storming sull'inquinamento e le sue cause)
Antonio Panico, Atteggiamenti e stati d'animo
(Teoria della devianza di Merton e gli atteggiamenti sociali; Analisi delle modalità di adattamento; Gli stati d'animo)
Marinella Sibilla, Nel focus della ricerca
(Le associazioni coinvolte e i comuni di riferimento; La "carta d'identità" delle associazioni; Dalle interazioni le idee nel...; Una società civile competente e resiliente)
Riferimenti bibliografici
(Testi, studi, articoli; Documentazione istituzionale; Siti internet consultati)
Antonio Panico, Marinella Sibilla, Nota metodologica
(La survey; I focus groups)
Emanuele Spataro, Appendice statistica
Unità di ricerca.