Il sorriso al potere

I Classici del ridere di Angelo Fortunato Formiggini (1913-1938)

Contributi
Giovanni Benedetto, Roberta Cesana, Corrado Del Bò, Beatriz Hernán-Gómez Prieto, Giovanni Iamartino, Giancarlo Lacchin, Giorgio Montecchi, Alessandra Preda, Marta Sironi, Sara Sullam
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2020   (Codice editore 1615.76)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Il sorriso al potere I Classici del ridere di Angelo Fortunato Formiggini (1913-1938)
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835106180

In breve

Aperta nel 1913, con l’edizione della prima giornata del Decameron, e interrotta nel 1938, con il suicidio del suo editore Angelo Fortunato Formiggini, i Classici del ridere è una delle collezioni più originali del primo Novecento, in cui Formiggini vede un’occasione per offrire al suo pubblico una prospettiva diversa sugli eventi e sulla storia. I contributi compresi in questo volume fanno luce sulla complessità di una proposta culturale che tanta importanza avrà nelle scelte editoriali del secondo Novecento.

Presentazione del volume

Aperta nel 1913, con l'edizione della prima giornata del Decameron, interrotta nel 1938, con il suicidio del suo editore Angelo Fortunato Formiggini, i Classici del ridere è una delle collezioni più originali del primo Novecento. La selezione dei testi offerti al lettore, accompagnati e commentati da un apparato iconografico d'eccezione, spazia dal mondo classico alla scena contemporanea, dalla letteratura italiana a quella europea, dai capolavori universalmente noti a opere scoperte o riscoperte. Alcuni titoli impegnano i loro traduttori in un arduo cimento. Altri, provenienti dalla letteratura italiana, scompaginano i canoni della tradizione. Tutti offrono l'occasione di riflettere sul concetto di "riso", nella direzione segnata dalle coeve riflessioni di Bergson, Pirandello, Freud. Erede dell'umorismo di matrice ebraica, Formiggini vede nei Classici del ridere un'occasione per offrire al suo pubblico una prospettiva diversa sugli eventi e sulla storia, un ideale di letteratura non certo scanzonata e leggera, ma senz'altro aderente al vero e vicina alla realtà, perché consapevole del ruolo che le viene dal potere del sorriso e del riso, antidoti a ogni retorica. Il ventaglio di contributi compresi in questo volume, nella sua pluridisciplinare varietà, fa luce sulla complessità di una proposta culturale che tanta importanza avrà nelle scelte editoriali del secondo Novecento.

Irene Piazzoni è docente di Storia contemporanea presso l'Università degli Studi di Milano. Studiosa di storia della cultura, dell'editoria, del giornalismo, ha pubblicato, tra gli altri, Valentino Bompiani. Un editore italiano tra fascismo e dopoguerra (Led Edizioni, 2007) e Storia delle televisioni in Italia. Dagli esordi alle web tv (Carocci, 2014).

Giuseppe Polimeni insegna Linguistica italiana presso l'Università degli Studi di Milano. Si è occupato di storia della formazione linguistica, tema a cui sono dedicati La similitudine perfetta. La prosa di Manzoni nella scuola italiana dell'Ottocento (FrancoAngeli, 2011), Una di lingua, una di scuola. Imparare l'italiano dopo l'Unità. Testi autori documenti (FrancoAngeli, 2012).

Indice

Irene Piazzoni, Giuseppe Polimeni, Introduzione
Giorgio Montecchi,
Angelo Fortunato Formiggini editore, bibliografo e imprenditore culturale
Irene Piazzoni, Il cimento del libro da ridere: collane umoristiche nell'entredeux-guerres, e oltre
Roberta Cesana, I Classici del ridere dopo Formiggini: fortune, sfortune e vicende editoriali dei Classici del ridere Bietti
Marta Sironi,
Alla ricerca di "spiriti gioiosi": la difficile definizione dell'apparato iconografico dei Classici del ridere
Giuseppe Polimeni,
La tentazione della commedia. Tra i classici (italiani) del ridere
Alessandra Preda,
"Uno strano miscuglio di serio e di faceto": le prime traduzioni francesi dei Classici del ridere
Giovanni Iamartino, Sara Sullam, Tra humour e umorismo: gli inglesi dei Classici del ridere
Beatriz Hernán-Gómez Prieto, El Lazarillo de Tormes traducido por Alfredo Giannini
Giovanni Benedetto,
Un "moderno" classico svelato dai papiri. Giovanni Setti e i Mimi di Eroda
Giancarlo Lacchin,
Ironia e fiaba nell'estetica della Frühromantik. Il caso di E.T.A. Hoffmann
Corrado Del Bò,
"Ridere, ridere, ridere ancora". Qualche osservazione filosofica sul fenomeno umoristico a ottant'anni da Formiggini
Indice dei nomi.