Adultità fragili, fine pena e percorsi inclusivi

Teorie e pratiche di reinserimento sociale

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 188,      1a edizione  2020   (Codice editore 11750.9)

Adultità fragili, fine pena e percorsi inclusivi Teorie e pratiche di reinserimento sociale
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835102083

In breve

Il percorso tracciato in questo testo ha l’intento di descrivere lo stato dell’arte e problematizzare il significato dei progetti di reinserimento sociale per le persone detenute, mettendo a confronto la teoria pedagogica, sociologica e giuridica con le prassi sviluppate da enti pubblici e privati in diverse città dell’Emilia-Romagna. L’obiettivo del testo è quello di fornire una riflessione per gli operatori del settore, per gli studenti universitari e coloro che si stanno formando per essere futuri specialisti in ambito detentivo, ma anche per i ricercatori, fornendo loro diverse possibili prospettive di ricerca.

Presentazione del volume

Il percorso tracciato in questo testo ha l'intento di descrivere lo stato dell'arte e problematizzare, da diversi punti di vista, il significato odierno dei progetti di reinserimento sociale per le persone detenute, mettendo a confronto la teoria pedagogica, sociologica e giuridica con le prassi sviluppate da enti pubblici e privati in diverse città dell'Emilia-Romagna. L'insieme eterogeneo di prospettive disciplinari e di linguaggi arricchisce il discorso sulle carceri per gli adulti, ponendo al centro della riflessione il loro essere aderenti al mandato costituzionale di creare opportunità, anziché produrre isolamento ed esclusione sociale. L'Emilia-Romagna è stata scelta come sfondo di questi ragionamenti, in quanto territorio ricco di esperienze cui attingere per sviluppare considerazioni più ampie all'interno di una attenta analisi del fenomeno locale e, pertanto, ancorate sia alle progettualità concrete, sia ai vissuti personali e collettivi.
L'obiettivo complessivo del testo è quello di fornire una riflessione aggiornata e multidisciplinare per gli operatori del settore, per gli studenti universitari e coloro che si stanno formando per essere futuri specialisti in ambito detentivo, attivi in carcere o sui territori, ma anche per i ricercatori, fornendo loro diverse possibili prospettive di ricerca.

Luca Decembrotto è assegnista di ricerca in Pedagogia della marginalità presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna. La sua attività di ricerca riguarda gli ambiti della marginalità, dell'esclusione sociale e i processi educativi inclusivi. Coopera in progetti internazionali e nazionali con diversi enti sui temi delle povertà, della vita in strada e della detenzione.

Indice

Luca Decembrotto, Introduzione
Parte I - Un quadro teorico: il punto di vista pedagogico, sociologico e giuridico
Laura Cavana, La Pedagogia come sguardo critico sul presente. Fine pena e questioni di reinserimento sociale
Rita Casadei,
Educare e rieducare a un nuovo sentire tra corporeità, etica ed estetica. Uno sguardo attento alle fragilità sociali
Luca Decembrotto,
Una progettualità inclusiva oltre la detenzione. Riflessioni pedagogiche
Alessandro Tolomelli,
L'empowerment come strumento di ri-abilitazione con il coinvolgimento della comunità
Alvise Sbraccia,
Il rientro in società: nodi critici nell'analisi delle traiettorie di uscita dal penitenziario
Giulia Fabini,
Genere e vulnerabilità dentro e oltre la pena
Susanna Vezzadini,
Giustizia riparativa e carcere: un'occasione di riflessione verso il ritorno in società?
Sofia Ciuffoletti,
Vulnerabilità e riabilitazione in contesto. La costruzione giurisprudenziale della Corte Europea dei Diritti Umani
Parte II - Esempi di esperienze significative in Emilia Romagna
Tommaso Gradi, L'esperienza di Ferrara
Marianna Brizzi,
L'esperienza del Progetto dimittendi di Bologna
Lucia Gianferrari,
L'esperienza di Reggio Emilia, percorsi nel fine pena tra il desiderato e il possibile
Andrea Ruggeri,
Silvia Furfaro, L'esperienza de L'Altro Diritto onlus e L'Altro Diritto Bologna
Emilio Porcaro,
Il ruolo del Centro provinciale per l'istruzione degli adulti (CPIA) dentro e fuori dal carcere nella formazione scolastica degli adulti
Le autrici e gli autori.