Didattica del segno

Percorsi pedagogici

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 152,      1a edizione  2020   (Codice editore 10566.3)

Didattica del segno Percorsi pedagogici
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835103370

In breve

Il libro approfondisce alcune questioni relative al rapporto tra il disegno infantile e il processo di costruzione della forma-immagine. L’obiettivo dello studio è quello di riconoscere una metodologia dell’apprendimento attraverso una pedagogia del segno che si fondi sulle fasi evolutive del disegno infantile per individuare un utile strumento di riconoscimento del verbalismo grafico che rintracci, nell’atto del Rappresentare, una valenza pedagogica.

Presentazione del volume

Il libro approfondisce alcune questioni relative al rapporto tra il disegno infantile e il processo di costruzione della forma-immagine. L'obiettivo dello studio è quello di riconoscere una metodologia dell'apprendimento attraverso una pedagogia del segno che si fondi sulle fasi evolutive del disegno infantile per individuare, all'interno della periodizzazione offerta dalla letteratura scientifica, un utile strumento di riconoscimento del verbalismo grafico che rintracci, nell'atto del Rappresentare, una valenza pedagogica.
Il volume si sofferma sul tema dell'evoluzione del disegno infantile a partire dai primi diagrammi fino alla comprensione e alla rappresentazione dello spazio e del colore. Questi fattori vengono successivamente individuati sotto forma di codici pedagogici attraverso una lettura, in parallelo, tra le informazioni contenute nel disegno infantile e in alcune opere d'arte che rievocano simili processi di narrazione grafica.
La questione delle diverse modalità di visualizzazione dell'oggetto viene declinata negli approcci analitici sulle teorie del colore, della forma, dello spazio e della percezione visiva adottati dalla Bauhaus e dai Vchutemas nella prima metà del Novecento.
Lo studio dei percorsi didattici strutturati dalle due scuole sulla comprensione della forma attraverso il disegno e sulla modellazione nello spazio viene messo in relazione alla questione della rappresentazione del mondo nel disegno infantile, poiché in entrambi i casi si tratta di una modalità di osservazione del dato reale che passa per la scomposizione, la sintesi e la rielaborazione in una nuova forma-immagine.

Starlight Vattano, PhD dal 2015. Dal 2017 è docente a contratto presso la Libera Università di Bolzano, Facoltà di Scienze della Formazione. Dal 2018 collabora alla didattica presso l'Università di Trento, Dipartimento di Ingegneria Ambientale e Meccanica. È autrice di numerosi saggi pubblicati in volumi e riviste di settore. I suoi ambiti di ricerca riguardano l'analisi grafica del progetto di architettura, la modellazione digitale e gli studi visuali sul rapporto tra danza e disegno.

Indice

Prefazione
Francesca Fatta
Introduzione
Evoluzione del disegno infantile
Lo scarabocchio, i diagrammi, l'omino testone e il disegno narrativo
La figura umana
Lo spazio/la casa
Il paesaggio cromatico
Le informazioni grafiche contenute nel disegno infantile
Il disegno infantile come mezzo di comunicazione: segni e schemi
Sulla costruzione dell'immagine nel disegno infantile
Disegno infantile e codici figurativi
Il disegno nella didattica dell'arte
Trasposizioni e contaminazioni grafiche
Immaginazione e creatività nel disegno-narrazione
Il metodo pedagogico Vchutemas e Bauhaus
I laboratori Vchutemas
Lo studio delle forme nella pedagogia dei Vchutemas
L'approccio grafico-pedagogico della Bauhaus
Lo studio delle forme nella pedagogia Bauhaus
Vchutemas e Bauhaus: dalla decostruzione grafica alla composizione oggettiva
Allegorie di-segni
Attraverso i segni verbo-sonori dell'immagine
Dalla forma all'immagine: fotomontaggi, eliografie, fotoforme
Nel di-segno in narrazione
English abstracts
Chapter I
Chapter II
Chapter III
Chapter IV
Riferimenti alle figure
Capitolo I
Capitolo II
Capitolo III
Capitolo IV
Bibliografia.