Tessere la vita

Scrittura e Sessantotto in cinque microstorie da leggere a scuola: una ricerca didattica

Contributi
Blanche, Luisa Fressoia, Eugenia Marcantoni, Maura Ravasi, Maria Pia Trevisan
Livello
Dati
pp. 208,      1a edizione  2019   (Codice editore 10335.1)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tessere la vita Scrittura e Sessantotto in cinque microstorie da leggere a scuola: una ricerca didattica
Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788835103721

In breve

Uno dei tratti caratterizzanti il Sessantotto è la “svolta” narrativa che ha fatto della “presa di parola” e del “partire da sé” i cardini di una rivoluzione culturale in grado di aprire uno spazio impensabile alla legittimazione scientifica della soggettività anche nella ricerca didattica. Sui lasciti educativi del Sessantotto questo libro posa l’attenzione, a partire dall’analisi di cinque scritture autobiografiche di donne che hanno vissuto allora la prima giovinezza e che, lontane dalle tentazioni del reducismo nostalgico, scrivono il Sessantotto attraverso cinque topoi fondamentali – famiglia, relazione, sessualità, maternità e lavoro – dall’analisi dei quali è distillato un decalogo didattico utile per parlare ai giovani del passato ed educarli al valore della storia.

Presentazione del volume

Uno dei tratti caratterizzanti il Sessantotto è la "svolta" narrativa che ha fatto della "presa di parola" e del "partire da sé" i cardini di una rivoluzione culturale in grado di aprire uno spazio impensabile alla legittimazione scientifica della soggettività anche nella ricerca didattica. Da allora si è fatta strada un'idea "nuova" di cittadinanza aperta al mutamento sociale e volta a mettere alla prova dei fatti le parole del lessico democratico: diritti, doveri, libertà, dignità, equità, solidarietà. Sui lasciti educativi del Sessantotto questo libro posa l'attenzione.
E lo fa a partire dall'analisi di cinque scritture autobiografiche di donne che hanno vissuto allora la prima giovinezza: Maura, Eugenia, Blanche, Luisa, Maria Pia. Donne che, lontane dalle tentazioni del reducismo nostalgico, scrivono il Sessantotto attraverso cinque topoi fondamentali - famiglia, relazione, sessualità, maternità e lavoro - dall'analisi dei quali è distillato un decalogo didattico utile per parlare ai giovani del passato. Ed educarli al valore della storia.
L'obiettivo è di provare a delineare, attraverso l'accreditamento del nesso scrittura-didattica della storia, il racconto insegnabile di due grandi rivoluzioni, quella del Sessantotto e quella contemporanea del Covid-19, messe a confronto da Luisa Fressoia nella postfazione, offrendo una possibile risposta educativa al rischio di rottura del dialogo intergenerazionale che corre il nostro tempo.
Il libro si rivolge a studenti e docenti e offre contenuti spendibili nel curricolo del nuovo insegnamento di Educazione civica inaugurato dalla Legge 92 del 2019.

Loredana Perla è ordinario di Didattica nell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Coordinatrice scientifica di DidaSco (Didattiche Scolastiche) per la formazione degli insegnanti, è la referente italiana dell'ISATT (International Study Association on Teachers and Teaching) e dell'IDEKI (Information, Didactique, Documentation, Enseignement, Knowledge Kultur, Ingénierie). Suoi interessi di ricerca sono la Teacher Education, i Curriculum Studies, l'Analisi delle pratiche. Fra le sue ultime pubblicazioni: L'agire educativo (con M.G. Riva, La Scuola 2016) e Professione insegnante. Modelli e pratiche di formazione (con B. Martini, FrancoAngeli, 2019).

Indice

Introduzione
Fili spezzati da riannodare
(Contro la fine del passato; Perché "scrivere" il Sessantotto?; Didattica e storia in dialogo attraverso la scrittura di sé)
Luisa Fressoia, Parole forti
(Il "potere" della narrazione; Cinque topoi per cinque microstorie formative; Ragioni del nuovo progetto e metodo della ricerca)
Le microstorie formative
(Maura Ravasi, Famiglia; Eugenia Marcantoni, Relazione; Blanche, Sessualità; Luisa Fressoia, Maternità; Maria Pia Trevisan, Lavoro)
L'analisi fenomenologica dei testi
(I riferimenti teorici; Il metodo)
Esiti dell'analisi e tratteggio didattico
(Mutamenti nel rapporto uomo-donna; "Consolidamento" dell'identità femminile; La scoperta del "corpo"; Pensiero della differenza: autorità del "femminile" e "rivoluzione" della reciprocità; Critica del radicalismo femminista: generare figli, educare persone, costruire futuro; Responsabilità femminile nell'educazione del nuovo "maschio"; Autocoscienza affettiva e cura delle relazioni; Lavoro = vita; Per un nuovo patto intergenerazionale; La politica come "agency" di partecipazione. Coscienza dei doveri, oltre che dei diritti)
Conclusioni
Luisa Fressoia, Postfazione. La rivoluzione silenziosa
Riferimenti bibliografici
Le autrici.