Il futuro già presente dello smart working

Strategie formative, ruoli e opportunità per il management

Autori e curatori
Contributi
Pascal Bénard, Marcella Chiesi, Stella Giampietro, Giovanni Andrea Iapichino, Elena Miglia, Claudia Miti, Barbara Poggio
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 162,      1a edizione  2021   (Codice editore 1801.41)

Il futuro già presente dello smart working Strategie formative, ruoli e opportunità per il management
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835110828
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835125853
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Quali opportunità, quali complessità, quale leadership si possono delineare per HR e manager impegnati nella gestione di smart worker e gruppi, sempre più misti, in cui le modalità di lavoro in presenza e a distanza convivono? Questo testo presenta alcune chiavi di lettura, che possono essere stimoli all’innovazione, alla luce dei risultati di monitoraggio e valutazione di alcune esperienze presentate dagli stessi protagonisti.

Presentazione del volume

Fino a solo poco tempo fa, lo smart working, o lavoro agile, era un'esperienza che riguardava pochi nel nostro Paese. Allo stesso tempo, a livello internazionale, contributi autorevoli delineavano scenari di forte crescita a breve termine. Già nel 2016 il World Economic Forum lo individuava come il più potente fattore di cambiamento negli anni successivi e - in maniera quasi profetica - si riteneva che il lavoro da remoto avrebbe caratterizzato l'immediato futuro. L'anno 2020 ha decisamente accelerato questi processi, coinvolgendo anche soggetti che sarebbero forse arrivati a questo risultato in termini e tempi differenti.
Quali opportunità, quali complessità, quale leadership si possono delineare dunque per HR e manager impegnati nella gestione degli smart worker e dei gruppi, sempre più misti, in cui le modalità di lavoro in presenza e a distanza, convivono?
Questo testo presenta alcune chiavi di lettura, che possono essere stimoli all'innovazione, alla luce dei risultati di monitoraggio e valutazione di alcune esperienze presentate dagli stessi protagonisti.

Paola Borz, Direttrice Generale di tsm-Trentino School of Management, già Responsabile dell'Ufficio sviluppo risorse umane e responsabile Family Audit della Provincia autonoma di Trento, dove ha curato, in particolare, lo sviluppo di misure di conciliazione lavoro famiglia e l'introduzione dello smart working. È membro dell'Advisory Board dell'Osservatorio sullo smart working del Politecnico di Milano. È madre di tre figli.

Maura De Bon
, è consulente organizzativa nell'ambito della gestione delle risorse umane, consulente accreditata Family Audit, coach, formatrice e docente, cura progetti di telelavoro e smart working dal 2008.

Indice

Paola Borz, Presentazione
Barbara Poggio, Prefazione
Maura De Bon, Introduzione
Parte I. Il contesto: tra presente e futuro
Paola Borz, La gestione manageriale del lavoro a distanza per accogliere il futuro già presente
(Il focus sulle parole chiave; Lo smart working in Italia; Il futuro già presente: le sfide per le organizzazioni e il management; Lo smart working come acceleratore per fare "pratica d'innovazione"; Perché lo smart working è uno strumento strategico; Come lo smart working può essere un alleato per manager proiettati al futuro; Il supporto dello human resource management al cambiamento introdotto con lo smart working; Gli elementi di successo dello smart working; Come sviluppare innovazione e accompagnare il cambiamento: l'esperienza di tsm; Per concludere)
Parte II. Le esperienze
Stella Giampietro, Smart work acceleratore di innovazione e cambiamento. L'esperienza della Provincia autonoma di Trento
(Il contesto; Il progetto: dall'avvio a oggi; Le caratteristiche dell'esperienza TelePAT; I risultati: monitorare per migliorare; La strategia; Il presente e il futuro)
Elena Miglia, Smart working in Città. L'esperienza del Comune di Torino
(Premessa; L'attuazione dello smart working nel Comune di Torino)
Pascal Bénard, Lo smart working in AXA Italia, tra cultura della fiducia e responsabilizzazione delle persone
(Lo smart working in AXA Italia: il ruolo dei manager; Il percorso; I benefici organizzativi dello smart working; I fattori chiave di successo; La gestione del cambiamento; Opportunità e aree di miglioramento)
Giovanni Andrea Iapichino, La sperimentazione del lavoro agile in TIM: benessere e trasformazione digitale
(Premessa; Quale strategia HR per l'indeterminatezza; La sperimentazione di TIM; Conclusioni)
Parte III. Una proposta di metodo
Maura De Bon, Marcella Chiesi, Claudia Miti, Lo smart working come acceleratore del cambiamento pre e post Covid-19
(Cosa ci insegna l'esperienza di smart working in lockdown; Le differenze tra lo smart working e l'home working: luci e ombre del lockdown; Il modello alla prova del lockdown)
Maura De Bon, Marcella Chiesi, Claudia Miti, Un modello sartoriale per avere successo con lo smart working e le azioni di coaching e formazione esperienziale
(Le premesse alla sartorialità degli interventi di accompagnamento al cambiamento; Per iniziare: conoscere l'azienda, contestualizzare la vision; Accompagnare il cambiamento sviluppando ruoli e competenze; Formazione esperienziale e coaching alleati del cambiamento organizzativo; Dalla teoria alla pratica: le esperienze di smart workers e manager; La rete (relazionale) a supporto dello smart working nelle organizzazioni pubbliche e private; Considerazioni conclusive)
Bibliografia
Sitografia
Principali riferimenti normativi
Gli autori e le autrici.