Giovini di genio discolo e seditioso

Criminalità e scolari dello Studio patavino nei secoli XVI e XVII

Autori e curatori
Contributi
Alfredo Viggiano
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 200,      1a edizione  2021   (Codice editore 1501.167)

Giovini di genio discolo e seditioso Criminalità e scolari dello Studio patavino nei secoli XVI e XVII
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835110224
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835122036
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

La presenza dell’Università a Padova fin dal 1222, il cosiddetto “Studio”, ha determinato non solo benessere economico e prestigio culturale e politico, ma anche la necessità di gestire i rapporti e i conflitti tra gli studenti e i cittadini. La serie di crimini commessi dagli “scolari” nel periodo 1580-1699, la rissosità e le rivalità tra le diverse “Nazioni”, permettono di comprendere, attraverso le relative sentenze della Corte pretoria del Podestà, sia le modalità della loro gestione da parte delle Autorità, sia l’impatto sulla vita della città e dello Studio stesso.

Presentazione del volume

"Concorrono a questo celeberrimo, e famosissimo Studio scolari in gran numero non solamente dalle provincie circostanti, e dalli paesi d'Italia, ma da tutte le parti d'Europa così per la gran fama, e celebre nome delli Dottori leggenti, come per la salubrità dell'aria, fertilità del paese, e governo moderato delli Signori Venetiani". (Portenari A., Della felicità di Padova, 1623).
La presenza dell'Università a Padova fin dal 1222, il cosiddetto "Studio", ha determinato non solo prestigio culturale e politico, oltre che benessere economico per la città, ma anche la necessità di gestire i rapporti e i conflitti tra gli studenti e i cittadini, avendo presenti i privilegi dei primi e i diritti dei secondi. La serie di crimini commessi dagli "scolari" nel periodo 1580-1699, la rissosità e le rivalità tra le diverse "Nazioni", permettono di comprendere, attraverso le relative sentenze della Corte pretoria del Podestà, sia le modalità della loro gestione da parte delle Autorità, sia l'impatto sulla vita della città e dello Studio stesso.

Ruggero Soffiato, si è occupato di storia di Venezia, pubblicando nel 2015 il saggio La società di pubblica istruzione nella Venezia democratica del 1797. Collabora con le riviste "Storia Veneta" e "Amedit-Amici del Mediterraneo" su temi concernenti la storia di Venezia e di Padova in età moderna. Attualmente sta conducendo una ricerca sui processi delegati dal Consiglio dei Dieci alla Corte Pretoria del Podestà di Padova, di cui il presente saggio costituisce il primo risultato.

Indice

Alfredo Viggiano, Prefazione
Introduzione
Parte I: Il contesto generale
Parte II: Le sentenze della Corte Pretoria (1580-1699)
Conclusioni
Appendice: I documenti
Glossario
Bibliografia
Indice dei nomi.