Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
Pronti per cosa?

Lucia Balduzzi

Pronti per cosa?

Innovare i servizi e la scuola dell’infanzia a partire dalle pratiche di continuità educativa

La continuità educativa viene qui concettualizzata e progettata come strumento a supporto della realizzazione di contesti educativi che intendano predisporsi per accogliere e accompagnare i bambini e le bambine nel loro percorso di crescita e apprendimento, senza cedere al rischio dell’anticipazionismo o della “scuolificazione”. Il testo è destinato a studenti universitari, ricercatori, educatori, insegnanti, coordinatori pedagogici e a tutti coloro che si occupano di educazione lavorando con bambini da 0 a 10 anni.

Edizione a stampa

21,00

Pagine: 164

ISBN: 9788835117636

Edizione: 1a ristampa 2022, 1a edizione 2021

Codice editore: 665.11

Disponibilità: Buona

Il tema della continuità educativa è tornato alla ribalta nel dibattito pedagogico e politico-istituzionale per diverse ragioni: la richiesta di progettare modalità più accoglienti e inclusive nella gestione dei momenti di passaggio da casa al nido, tra questo e la scuola dell'infanzia fino alla scuola primaria, arriva sia dalle recenti normative sia dagli esiti di studi e ricerche nazionali ed europee. La continuità educativa risulta infatti essere un fattore decisivo a sostegno dei processi di contrasto alla dispersione scolastica e di supporto all'inclusione così come un elemento centrale nella realizzazione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai sei anni voluto dalle recenti normative e supportato dalle Linee guida pedagogiche per il sistema integrato 0-6 anni.
Questo volume propone una prospettiva nella quale la continuità educativa è concettualizzata e progettata come strumento a supporto della realizzazione di contesti educativi che intendano predisporsi per accogliere e accompagnare i bambini e le bambine nel loro percorso di crescita e apprendimento, senza cedere al rischio dell'anticipazionismo o della "scuolificazione", facendo leva sul protagonismo infantile e sulla partecipazione delle famiglie. Una scuola pronta per i bambini e non una scuola per la quale i bambini debbano essere pronti, capace di coniugare apprendimento, cura, educazione e di costruire cornici di significato condivise in chiave pedagogica e didattica.
Il testo è destinato a studenti universitari, ricercatori, educatori, insegnanti, coordinatori pedagogici e a tutti coloro che si occupano di educazione lavorando con bambini da 0 a 10 anni.

Lucia Balduzzi è professoressa ordinaria in Didattica e Pedagogia speciale presso l'Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, dove attualmente insegna Metodologie e didattiche attive e Educazione alla corporeità e metodologie del gioco. Negli ultimi anni i suoi studi si sono concentrati sui temi relativi alle politiche per l'infanzia e all'inclusione sociale, con particolare attenzione alla dimensione della formazione inziale e in servizio del personale educativo e scolastico. Autrice di numerosi studi e ricerche, per FrancoAngeli ha curato, con T. Pironi, il volume L'osservazione al nido. Una lente a più dimensioni per educare lo sguardo (2017).

Introduzione
La continuità come problema istituzionale
(Una scuola frammentata; Alla "conquista" della continuità; Continuità, programmi, orientamenti; Le trasformazioni della scuola e gli istituti comprensivi)
La continuità come tema pedagogico
(Il dibattito pedagogico sulla continuità negli anni '80; Dalle sperimentazioni degli anni '90 al sistema integrato. Il consolidamento delle esperienze; Il dibattito pedagogico più recente; La continuità secondo gli insegnanti)
La continuità nelle esperienze
(Le esperienze tradizionali di continuità educativa nido e scuola dell'infanzia; Le esperienze di continuità scuola dell'infanzia e scuola primaria; Attivare e sostenere la riflessività. Il punto 'zero' per progettare la continuità educativa; Coinvolgere i genitori)
La Continuità come strumento di inclusione scolastica. Alcuni esempi di sperimentazione
(Lavorare sulla continuità verticale: il caso italiano; Sperimentare la continuità orizzontale: il caso belga)
Bibliografia.

Collana: Infanzie

Argomenti: Pedagogia dell’infanzia e della famiglia - Strumenti per insegnanti

Livello: Textbook, strumenti didattici - Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari

Potrebbero interessarti anche