Prima del Ministero della Sanità

L’Alto commissariato tra la ricostruzione e gli anni Cinquanta

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 218,      1a edizione  2021   (Codice editore 1501.170)

Prima del Ministero della Sanità L’Alto commissariato tra la ricostruzione e gli anni Cinquanta
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835117551

In breve

Il volume ricostruisce le vicende dell’Alto commissariato per l’igiene e la sanità pubblica. Nato nel 1945 in sostituzione della vecchia Direzione generale della sanità pubblica del Ministero dell’Interno, rimase attivo sino al 1958, quando venne creato il Ministero della Sanità. La ricerca analizza il ruolo occupato dall’Acis all’interno dell’apparato burocratico e amministrativo, evidenziandone i limiti e i difetti, nonché il più generale grado di provvisorietà e di incertezza legislativa che lo poneva su un piano differente rispetto a un vero Ministero.

Presentazione del volume

Il volume ricostruisce le vicende dell'Alto commissariato per l'igiene e la sanità pubblica, nato nel luglio 1945, in sostituzione della vecchia Direzione generale della sanità pubblica del Ministero dell'Interno, e rimasto attivo in Italia sino al 1958 quando venne creato il Ministero della Sanità. La ricerca, condotta prendendo in esame, fra gli altri, l'omonimo fondo conservato presso l'Archivio centrale dello Stato, analizza il ruolo occupato dall'Acis all'interno dell'apparato burocratico e amministrativo, evidenziandone i limiti e i difetti, nonché il più generale grado di provvisorietà e di incertezza legislativa che lo poneva su un piano differente rispetto a un vero Ministero.
Dell'istituzione, a cui la legge affidava compiti di coordinamento e di vigilanza tecnica sugli enti sanitari presenti in Italia, viene così posto in risalto l'organizzazione interna, il numero degli uffici, con il relativo personale dipendente, i bilanci annuali e la distribuzione delle risorse fra le varie voci degli stessi.
Importante è anche il tema del rapporto, spesso complicato, tra l'Amministrazione sanitaria centrale e quei Ministeri titolari di funzioni igienico-sanitarie, a ulteriore dimostrazione della confusione e della disorganicità che regnava nel settore. Sul piano dell'attività pratica un'attenzione particolare è dedicata al problema delle malattie sociali, a partire dal fenomeno della tubercolosi, che rappresentò, senza dubbio, la sfida più difficile affrontata dall'Alto commissariato.

Massimiliano Paniga è ricercatore presso l'Università degli Studi di Milano. Si occupa di Storia delle istituzioni ed è autore di diverse pubblicazioni in tema di welfare ed enti locali. Per i nostri tipi ha pubblicato: Mario Berlinguer. Avvocato, magistrato e politico nell'Italia del Novecento (2017) e Welfare ambrosiano. Storia, cultura e politiche dell'Eca di Milano (1937-1978) (2012).

Indice

Introduzione
L'Amministrazione sanitaria nell'Italia unita
(L'età liberale; Il fascismo)
La nascita dell'Alto commissariato per l'igiene e la sanità pubblica
(Natalità, mortalità e condizione sanitaria in Italia fra guerra e dopoguerra; Organizzazione e funzionamento dell'Alto commissariato; Un inizio difficile; Conflitti istituzionali; La sanità pubblica tra propositi di riforma e dibattito costituente)
La lotta contro la tubercolosi
(Una malattia pericolosa; Il villaggio sanatoriale di Sondalo)
Gli anni Cinquanta
(L'Istituto superiore di sanità e la penicillina; Continuità e discontinuità nell'azione dell'Alto commissariato; Emergenze nazionali: l'alluvione in Polesine e l'influenza asiatica; Uffici, concorsi e personale dipendente; Verso il Ministero della Sanità)
Indice dei nomi.