Persone, processi e contesti inclusivi

Il Centro Diurno del CISA Asti Sud come spazio di conquista umana e sociale

Contributi
Rosa Bellacicco, Lorella Benetti, Katia Caruso, Silvia Dell'Anna, Diego Di Masi, Graziella Ebole, Donata Fiore, Marisa Gatto Monticone, Renato Grimaldi, Ines Guerini, Alessandro Ivaldi, Francesca Magri, Luigina Maltempo, Gianfranco Masoero, Matteo Massimelli, Giuseppe Occhiogrosso, Isabella Pescarmona, Ornella Ponchione, Valentina Rosso, Antonella Saracco, Fabio Siri, Federico Zamengo
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 196,      1a edizione  2021   (Codice editore 1152.46)

Persone, processi e contesti inclusivi Il Centro Diurno del CISA Asti Sud come spazio di conquista umana e sociale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Nato dalla sinergia di persone, enti e discipline diverse, questo volume fa emergere il valore delle differenze sia sul piano teorico, sia su quello sociale e operativo. Dopo alcuni saggi relativi al binomio educazione/disabilità, il libro si sofferma sui processi normativi e istituzionali che hanno precorso la realtà socio-educativa del Centro Diurno Socio-Terapeutico Riabilitativo del CISA Asti Sud, presentando i dati ottenuti tramite una ricerca sul campo e una raccolta iconografica relativa alla vita quotidiana e alle attività offerte dal Centro stesso, interpretata secondo la prospettiva della sociologia visuale.

Presentazione del volume

La condizione della disabilità non si configura solo come una questione fisica, mentale o sensoriale, ma coinvolge tutto l'individuo, nella sua soggettività e nelle relazioni sociali. Si tratta di una tematica che riguarda tutti: nelle nostre società, forse ancor più che in quelle del passato, dati i pericoli e le condizioni di vita cui siamo esposti, ciascuno di noi potrebbe esserne colpito.
Osservare tale condizione in un'accezione sociologica significa anche indagare l'immagine sociale e le valenze culturali, morali, scientifiche ed economiche che si attribuiscono comunemente alla persona con disabilità.
Se le differenze psicosomatiche, organiche e funzionali, estetiche e comportamentali possono suscitare reazioni emotive originate da meccanismi di difesa, la disabilità stessa non può che essere intesa come un indicatore di incapacità che impedisce l'assunzione di responsabilità e comporta pertanto una condizione di dipendenza.
Il volume, nato dalla sinergia di persone, enti, contributi disciplinari e professionali diversi, fa emergere il valore delle differenze sia sul piano teorico, sia su quello sociale e operativo. La prima parte comprende saggi di studiosi e docenti universitari relativi al binomio educazione/disabilità, la seconda si sofferma sui processi normativi e istituzionali che hanno precorso la realtà socio-educativa del Centro Diurno Socio-Terapeutico Riabilitativo del CISA Asti Sud, mentre la terza parte presenta i dati ottenuti tramite una ricerca sul campo, i cambiamenti di rotta dovuti alla situazione pandemica e, infine, la raccolta iconografica relativa alla vita quotidiana e alle attività offerte dal Centro stesso, interpretata secondo la prospettiva della sociologia visuale.
Il Centro si connota come una realtà dai significati molteplici, che possono trovare il loro spazio di comprensione nei destinatari, beneficiari di interventi; negli operatori, professionisti capaci di orientare le proprie attitudini e competenze a scopi educativi; nel territorio, luogo privilegiato per la diffusione di una cultura dell'inclusione attraverso la realizzazione di progetti significativi e di buone prassi.

Maria Adelaide Gallina è ricercatrice di Sociologia presso il Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'Educazione dell'Università di Torino.

Simona Ameglio è educatore professionale, direttore della Società Gesster e coordinatore del Centro Diurno Socio-Terapeutico Riabilitativo e dei servizi educativi del CISA Asti Sud.

Indice

Renato Grimaldi, Presentazione
Matteo Massimelli, Premessa
Giuseppe Occhiogrosso, Prefazione
Maria Adelaide Gallina, Simona Ameglio, Introduzione
Parte I. Processi socio-educativi e disabilità: linee teoriche
Maria Adelaide Gallina, Nati due volte: disabilità e inclusione sociale
Federico Zamengo,
Educare oggi: tra continuità e cambiamento
Diego Di Masi,
Disabilità: quale approccio di ricerca per un "concetto spesso"?
Isabella Pescarmona, Educare per l'equità: alcune riflessioni pedagogiche sul potenziale umano
Rosa Bellacicco, Ines Guerini,
Silvia Dell'Anna,
L'autodeterminazione nelle persone con disabilità intellettiva: strumenti e progettualità possibili per supportarla
Valentina Rosso, La persona al centro del processo socio-educativo: un approccio multiprospettico
Parte II. Percorsi sociali e istituzionali
Antonella Saracco, Dall'ottica custodialistica alla svolta basagliana: la riabilitazione socio-terapeutica come scommessa
Donata Fiore, Ornella Ponchione,
Gianfranco Masoero, L'assistenza dei minori "insufficienti mentali" nel Sud Astigiano dai primi anni Settanta a fine Novanta
Simona Ameglio,
Il Centro Diurno Socio-Terapeutico Riabilitativo del CISA ASTI SUD: un servizio di comunità
Katia Caruso,
Potenziare abilità e competenze: i Progetti di Attivazione Sociale Sostenibile
Valentina Rosso,
Aver cura nell'emergenza. Realtà pandemica e disabilità
Parte III. Il focus sul Centro Diurno: contributi di ricerca
Maria Adelaide Gallina, Servizi e risorse. Un profilo delle famiglie del Centro Diurno CISA ASTI SUD
Maria Adelaide Gallina,
Un laboratorio permanente di inclusione sociale. Il punto di vista degli operatori
Lorella Benetti, Graziella Ebole, Marisa Gatto Monticone, Alessandro Ivaldi, Francesca Magri, Luigina Maltempo, Fabio Siri, La parola ai protagonisti
Valentina Rosso,
Il Centro Diurno per immagini: l'apporto della sociologia visuale
(Appendice. Vivere il Centro Diurno, un diario fotografico)
Gli autori.