La dignità del lavoro

Nel cinquantenario dello Statuto

Autori e curatori
Contributi
Andrea Allamprese, Vincenzo Bavaro, Giorgio Benvenuto, Susanna Camusso, Giovanni Cazzetta, Maurizio Degl'Innocenti, Andrea Del Re, Lorenzo Gaeta, Stella Laforgia, Umberto Romagnoli, Irene Stolzi, Roberto Voza
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 194,      1a edizione  2021   (Codice editore 541.44)

La dignità del lavoro Nel cinquantenario dello Statuto
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835119531
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 20,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835130918
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il volume offre una riflessione interdisciplinare sulla storicità dello Statuto dei lavoratori, la costruzione normativa più alta del diritto del lavoro novecentesco, attraverso il dialogo tra giuristi del lavoro, storici del diritto e protagonisti della vita sindacale. Dal testo affiora tutta la distanza storica che ci separa dallo Statuto, ma anche la sostanziale tenuta valoriale rispetto alla domanda di dignità del lavoro. Una domanda che attende risposte sulla tutela di un contraente sempre più indebolito dalla precarietà e dunque sulla libertà della persona nel suo complesso.

Presentazione del volume

Il volume offre una riflessione interdisciplinare sulla storicità dello Statuto dei lavoratori, la costruzione normativa più alta del diritto del lavoro novecentesco, attraverso il dialogo tra giuristi del lavoro, storici del diritto e protagonisti della vita sindacale. Dai contributi emerge intanto il profilo storico alla base di una legge che segna l'entrata della Costituzione nei luoghi di lavoro. E più in particolare l'antropologia giuridica del cittadino-lavoratore e il sindacato come contro-potere, secondo due linee destinate ad incontrarsi nello Statuto, attraverso la fondamentale mediazione tecnica di Gino Giugni.
Il discorso sulla dignità e la libertà del lavoro viene tematizzato anche con riferimento all'attualità dei nuovi lavori dell'era digitale. Affiora tutta la distanza storica che ci separa dallo Statuto, ma anche la sostanziale tenuta valoriale rispetto alla domanda di dignità del lavoro. Una domanda che attende risposte sulla tutela di un contraente sempre più indebolito dalla precarietà e dunque sulla libertà della persona nel suo complesso.

Paolo Passaniti è professore associato di Storia del diritto medievale e moderno nel dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Siena. È autore del volume Filippo Turati giuslavorista. Il socialismo nelle origini del diritto del lavoro, Lacaita 2008 (premio Matteotti 2010) e curatore del volume Lavoro e cittadinanza femminile. Anna Kuliscioff e la prima legge sul lavoro delle donne (FrancoAngeli 2016). Ha inoltre pubblicato recentemente con Giappichelli, Mezzadria. Persistenza e tramonto di un archetipo contrattuale (2017) e con Giuffrè Francis Lefebvre Il diritto cangiante. Il lungo Novecento del paesaggio italiano (2019), nella collana Per la storia del pensiero giuridico moderno.

Indice

Paolo Passaniti, Introduzione
Maurizio Degl'Innocenti, Premessa. La dignità del lavoro
Paolo Passaniti, Diritto del lavoro e attuazione costituzionale. Verso lo Statuto (1948-1970)
Roberto Voza,
Il riformismo nobile dello Statuto dei lavoratori
Lorenzo Gaeta,
Lo Statuto in Parlamento
Irene Stolzi, Politica sociale o diritti sociali? Un itinerario novecentesco
Giovanni Cazzetta,
Entangled histories: diritto privato e diritto pubblico, diritto del lavoro e Stato sociale nel Novecento italiano
Stella Laforgia,
Lo Statuto dei lavoratori: la (ri)scoperta della dignità del lavoro
Umberto Romagnoli, Mezzo secolo dopo. Un giurista racconta
Susanna Camusso, L'evoluzione del sindacato nell'ultimo cinquantennio
Giorgio Benvenuto,
Contrattazione collettiva e "lavoro liquido"
Vincenzo Bavaro,
Lavoro subordinato e lavoro autonomo nell'era digitale: il problema della libertà del lavoro
Andrea Allamprese,
Tempi, luoghi di lavoro e potere di controllo datoriale nella gig economy. Cosa ha a dire ancora lo Statuto?
Andrea Del Re,
Impresa liquida e rigidità del diritto del lavoro. Una convivenza impossibile?
Indice dei nomi.