Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
L'Europa fascista

Monica Fioravanzo

L'Europa fascista

Dal "primato" italiano all'asservimento al Reich (1932-1943)

Poco si conosce della politica europea dell’Asse, di quanto abbia unito e quanto invece abbia contrapposto il regime fascista e il Reich nazista rispetto all’ordine postbellico. In particolare, meno noti sono i progetti italiani di Europa postbellica fascista. Il libro ricostruisce il dibattito sul nuovo ordine europeo, sviluppato dagli anni '30 alla primavera del 1943 da politici, filosofi, letterati, antropologi e geografi fascisti.

Pagine: 206

ISBN: 9788835134671

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 11581.2

Informazioni sugli open access

La politica europea dell'Asse rappresenta un capitolo in larga parte non scritto. Tuttora poco si conosce di quanto abbia unito e quanto invece abbia contrapposto il regime fascista e il Reich nazista rispetto all'ordine postbellico. In particolare, meno noti sono i progetti italiani di Europa fascista, che già la guerra aveva confinato ai margini della politica dell'Asse. Il libro ricostruisce appunto il dibattito sul nuovo ordine europeo, sviluppato dagli anni '30 alla primavera del 1943 da politici, filosofi, letterati, antropologi e geografi fascisti. Un dibattito che si dipanò parallelamente all'evolversi del quadro internazionale e del conflitto.
L'esame diacronico di questi progetti, nei quali gli elementi peculiari dell'ideologia fascista si intrecciavano - strumentalmente - alla tradizione latina e cattolica, consente quindi di far riemergere il filo dei rapporti fra Italia e Germania e fra Italia e alleati minori dell'Asse. La stessa scelta lessicale - Europa fascista, Europa dell'Asse, Europa cattolica o Europa delle nazioni - riflette icasticamente lo snodarsi degli equilibri: dalla collaborazione alla competizione, dalla paura ai tentativi di riscossa.
Nel 1943, l'idea di un'Europa delle nazioni, che sottendeva una chiara trama antitedesca, fu l'ultima, velleitaria rivendicazione di un nuovo ordine, in cui l'Europa dell'Asse non fosse soltanto un'Europa nazista.

Monica Fioravanzo è professoressa associata di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e Studi internazionali dell'Università di Padova, dove insegna Storia contemporanea e Storia dell'Europa contemporanea. Fra le pubblicazioni, 1943. Strategie militari, collaborazionismi, Resistenze (cura, con Carlo Fumian), Viella, Roma 2015; Mussolini e Hitler: la Repubblica sociale sotto il Terzo Reich, Donzelli, Roma 2009. Con FrancoAngeli ha pubblicato nel 2003, Élites e generazioni politiche. Democristiani socialisti e comunisti veneti (1945-62).

Introduzione
Alle origini di un'idea di Europa
(Un cauto e tortuoso esordio; Gli anni trenta: la prospettiva di un'Europa fascista; Il Convegno Volta sull'Europa; La sintesi di Orestano e la stampa estera)
L'utopia di un'Europa fascista
("Gerarchia" e la fascistizzazione dell'Europa; Il mito di Roma; Disegnare l'Europa fra storia, demografia e politica; L'Italia tra Francia e Germania)
Dal sogno africano all'Europa dell'Asse
(L'Africa nell'Europa fascista; L'Ispi e la costruzione della dimensione eurafricana; Il cammino verso un'Europa dell'Asse; Europa fascista o Europa dell'Asse?; Europa dell'Asse o Europa nazista?; "L'Asse nel pensiero dei due Popoli")
Verso un ordine nazifascista? La guerra come occasione
(L'Europa nelle "riviste di guerra"; Mediterraneo, Eurafrica, Eurafroasia; L'ora della riflessione; La gioventù nella nuova Europa; Europa, Kultur e ideologia "grandegermanica"; Il primato spirituale nella nuova Europa; Vincere la guerra o "vincere la pace"?; Il declino dell'Asse e l'Europa delle nazioni)
Tavola delle abbreviazioni
Indice dei nomi

Potrebbero interessarti anche