Impresa e avventura

L'industria del velo di seta a Bologna nel XIX secolo

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 240,   figg. 16,     1a edizione  1989   (Codice editore 906.7)

Impresa e avventura. L'industria del velo di seta a Bologna nel XIX secolo
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820434762

Presentazione del volume

Questo lavoro è dedicato alla ricostruzione di un cosmo produttivo, quello del velo di seta. La cronologia dei fatti raccontati si snoda lungo quasi un secolo, dai primi decenni del settecento fino all'inizio dell'ottocento. Si tratta di una fase critica per l'industria serica bolognese, avviata verso una crisi definitiva. Nella prima parte del libro l'Autore ha ricostruito, attraverso l'uso di fonti processuali, notarili e politico-amministrative, le vicende legate alle «fughe» di imprenditori e artigiani, che tentano, con maggiore o minore successo, di trasferire fuori da Bologna il processo produttivo del velo di seta. La seconda parte è dedicata alla ricostruzione del ciclo di vita di un'azienda mercantile di dimensioni medio-piccole: il «negozio per la fabbrica dei veli» di Domenico Bettini.

L'indagine parte con uno spettro più largo e si stringe progressivamente sulle vicende del mercante e della sua famiglia. Un elemento dominante è quello della crisi, che i protagonisti vivono in modi e in tempi diversi. Da una parte c'è il «tradimento» degli interessi cittadini, dall'altra c'è il caso dei Bettini, padre e ciglio, che rimangono sempre all'interno delle «regole» cittadine. L'epilogo della loro vicenda familiare, gli investimenti nella terra e lo sviluppo della carriera politico-amministrativa di Domenico Bettini assumono un carattere esemplare rispetto alla storia di una città protoindustriale che perde l'occasione del decollo industriale e che nel corso del XIX secolo sembra rimuovere anche il ricordo del suo passato industriale.

La rete delle relazioni produttive si intreccia spesso con altri tipi di relazioni. I rapporti di conoscenza legati all'attività professionale e al rapporto di vicinato emergono dalle testimonianze processuali, insieme a quelli clientelari e alla rete dei rapporti commerciali.

Fabio Giusberti (Bologna, 1949) è professore associato presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Bologna dove insegna Storia economica e sociale dell'età moderna e contemporanea. Ha pubblicato diversi saggi sulla storia dell'assistenza, le regole del commercio urbano e la demografia storica.

Indice

Introduzione
1. I traditori della patria
1. La denuncia
2. Il musico
3. Il falegname da filatoio
4. Domenico Tattini e gli argomenti di difesa
5. Un segreto molto conosciuto
6. L'anonimo veneziano
7. Cinque colli e una cassa
8. Il processo al processo
9. Pavaglione 1727
10. Il mercante fallito e il tradimento annunciato
11. Un altro fallito e i suoi vicini
12. La chiamata
13. La foglia dei mori e le braccia degli operai
14. Il malessere della seta
2. La nascita di un mercante
1. Il padre del mercante
2. Il rigattiere, un mestiere di confine
3. I buoni affari di uno zavaglio
4. La famiglia di Francesco e la nascita di Domenico
5. Il matrimonio di Domenico la nuova casa
6. L'avvio alla mercatura
7. L'ingresso nell'Arte e la Società dei mercanti da velo
8. I segreti dei mercanti e le indagini del Cardinale
3. Il negozio
1. L'avvio del negozio
2. Un protagonista senza voce
3. La crespatura
4. L'uso, la moda e la morte
5. Il velo si allarga e si tinge di giallo
4. I clienti e le tessitrici
1. Nascita e sviluppo di un portafoglio clienti
2. Geografia di una bottega
3. Le donne e i fìli
4. Tessitrici impiegate
5. I conti del mercante
1. I bilanci
2. L'andamento dell'impresa
3. I ragionamenti del mercante
6. Da mercante a proprietario
1. Il gallo e le uova
2. I poderi, le cariche pubbliche e la lapide
3. La memoria dì Domenico
Appendice 1
Appendice 2
Indice dei nomi