Il protocollo del luglio 1993

Spunti per un dibattito

Autori e curatori
Contributi
Aris Accornero, E. Attolini, L. Bellardi, M. Biagi, C. Borgomeo, R. Brunetta, M. Carrieri, C. Dell'Aringa, G. Giugni, P. Ichino, S. Negrelli, R. Pessi, L. Prosperetti, U. Romagnoli, P. Rubini, T. Treu, L. Tronti, S. Zamagni
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 272,   figg. 4,     1a edizione  1998   (Codice editore 45.14)

Il protocollo  del luglio 1993. Spunti per un dibattito
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846406842

Presentazione del volume

Un ampio e condiviso consenso verso le filosofie e le regole introdotte dal Protocollo del luglio '93: elemento di successo di una politica di risanamento del Paese che, avviata sin dai primi anni Novanta con gli accordi del dicembre 1991 e del luglio 1992, ha prodotto innegabili risultati positivi soprattutto sotto il profilo del sostegno dell'economia e della sistematizzazione dell'impianto di relazioni industriali. È questo in sintesi il messaggio rilanciato nel volume in linea con gli orientamenti espressi dal dibattito generale.

Gli obiettivi in termini di stabilità monetaria, di contenimento dell'inflazione - fondamentali per l'entrata nella moneta unica - sono infatti correlabili anche al buon funzionamento del sistema concertativo, alla politica di moderazione salariale, ed in generale all'affermazione di un principio di compatibilità tra contrattazione e condizioni economiche generali che il Protocollo di luglio ha senza dubbio favorito.

Non una revisione totale, dunque, ma una verifica nel segno della continuità viene proposta dagli Autori che, sotto i diversi profili, hanno suggerito degli spunti per una riforma. Emerge un orientamento volto, da un lato, alla valorizzazione delle tematiche del Protocollo, rimaste sino ad oggi in ombra - occupazione, flessibilità del lavoro, formazione continua e riqualificazione professionale in relazione alle quali solo recentemente sono stati realizzati i primi interventi a livello legislativo, e dall'altro, al consolidamento della contrattazione decentrata sotto il duplice profilo temporale e dei contenuti.

Indice

Ettore Attolini, Un segno dei tempi
Tiziano Treu, Introduzione
Considerazioni generali
Marco Biagi, Oltre il Protocollo di luglio (e l'accordo per il lavoro di settembre): "concertare la concertazione" per un programma di legislatura
Gino Giugni, Concertazione e contrattazione: i primi quattro anni del Protocollo. Spunti per un dibattito
Aris Accornero, Protocollo delle regole e cultura della concertazione
Le analisi
La politica dei redditi
Leonello Tronti, Salari, crescita e aggiustamento nelle economie avanzate: quali lezioni per l'Italia?
Luigi Prosperetti, Una visione economica dei problemi salariali all'interno del riesame del Protocollo del luglio 1993
Il sistema contrattuale
Renato Brunetta e Paolo Rubini, Alcune note analitiche per una proposta di "shopping contrattuale"
Lauralba Bellardi, Gli assetti normativi: inquadramento e orario di lavoro
Le regole della rappresentanza
Mimmo Carrieri, Le Rappresentanze sindacali unitarie dopo un ciclo di elezioni
Serafino Negrelli, Contrattazione, partecipazione e rappresentanza sindacale in azienda
Le politiche del lavoro e il sostegno al sistema produttivo
Carlo Borgomeo, Il sostegno al sistema produttivo
Carlo Dell'Aringa, Mercato del lavoro e occupazione
Umberto Romagnoli, Il diritto per il lavoro
I temi emergenti
Pietro Ichino, Un solo diritto e un solo mercato per lavoro subordinato e lavoro autonomo
Roberto Pessi, Autonomia collettiva e previdenza complementare
La riforma del welfare: un progetto di economia civile, intervista a Stefano Zamagni (a cura di Mario Iannaccone e Gina Lione).