La sicurezza del lavoro

Psicologia, prevenzione, organizzazione

Contributi
Enzo Spaltro
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,   figg. 34,     1a edizione  1996   (Codice editore 1227.9)

La sicurezza del lavoro. Psicologia, prevenzione, organizzazione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820496630

Presentazione del volume

Il tema della sicurezza lavorativa raccoglie un interesse altalenante nel tempo.

A partire dagli anni '60 e nei successivi anni '70 era imposto all'attenzione dalla sensibilità sindacale, mentre negli anni '80 si registrò un appannamento di visibilità dei temi legati al lavoro.

Oggi la sicurezza del lavoro è ritornata al centro dell'attenzione secondo nuove modalità. Il sistema istituzionale e quello sociale sono giunti alla conclusione che, malgrado le ultime resistenze, non sia più possibile ambire ad essere partner di società internazionali, mirare alla qualità, orientare le organizzazioni al cliente in una situazione di arretratezza legislativa, culturale e progettuale. II volume registra l'ampliamento progressivo degli approcci: dalla causalità dell'infortunio attribuita ai fattori individuali, alla considerazione dei fattori sociali (il gruppo di lavoro), organizzativi (rapporti uomo-macchina-contesto), di sistema (affidabilità delle componenti), e di comunità (prevenzione e qualità della vita).

Il contributo delle scienze umane a quelle che Spaltro definisce nella sua presentazione la safety e la security lavorative è divenuto cruciale dato che la legge richiede interventi non più limitati ai fattori tecnico-ambientali, ma anche comportamentali.

Come il volume documenta, tale ampliamento di orizzonti ha consentito di affinare le metodologie non solo per intervenire in casi di rottura degli equilibri "uomo-ambiente", ma per programmare progetti di formazione e sensibilizzazione sui temi della sicurezza. Merito non trascurabile di questo lavoro è anche quello di aver ricondotto ad unità logica e scientifica fenomeni differenti sia di awio di stato di malessere (errore, frustrazione, stress, incidente ed infortunio) che di conferma di benessere (assunzione rischio, sviluppo delle capacità).

Arduino Berra, specializzato in psicologia, ha svolto attività didattica e di ricerca presso l'lstituto di psicologia delle Università di Genova e di Milano. Iscritto all'Albo degli Psicologi, è stato membro del consiglio direttivo lombardo della Sips; attualmente è coordinatore della Siforp. Si occupa di formazione psicosociale delle organizzazioni e, in particolare, delle tematiche riguardanti la comunicazione e la sicurezza sul lavoro.

Tommaso Prestipino, specializzato in psicologia, è stato docente della scuola di specializzazione in psicologia dell'Università Cattolica di Milano; collabora con il Dipartimento di Psicologia dell'Università Cattolica di Milano ed è docente di psicologia del lavoro presso una scuola diretta a fini speciali dell'Università di Urbino. Iscritto all'Albo degli Psicologi, ha fatto parte del consiglio direttivo lombardo della Sips ed è membro della Siplo. È autore di Attualmente si occupa di progettazione e coordinamento di iniziative formative nell'ambito dell'Unione Europea.

Indice


EVOLUZIONE STORICA DEL CONCETTO DI SICUREZZA DEL LAVORO
1. La predisposizione agli infortuni
• Lo smascheramento del fortuito e dell'accidentale
• La predisposizione agli infortuni come teorizzazione
• Le critiche al concetto di predisposizione
• Lo studio dei fattori individuali nell'eziologia dell'infortunio
2. I fattori psico-sociali
• II modello della scuola di Lovanio
• Un tentativo di generalizzazione
3. Affidabilità e sicurezza
• L'approccio sistemico
• Affidabilità e sicurezza

4. L'organizzazione sistemica di tipo conflittuale
• Il quadro generale
• Definizione di lavoro
• La sicurezza sul lavoro
II CONTRIBUTO DI DIVERSI ORIENTAMENTI PSICOLOGICI
5. II contributo della psicoanalisi
• La prospettiva individuale
• La prospettiva globale: l'approccio di E. Jaques
6. Dissonanza cognitiva e sicurezza
• I fondamenti teorici della dissonanza cognitiva
• 3. Il problema della riduzione della dissonanza cognitiva
• Modalità di riduzione della dissonanza cognitiva
• Situazioni di particolare interesse
7. Stress e lavoro
• Definizione ed evoluzione storica del concetto di stress
• Lo stress lavorativo nelle organizzazioni
PREVENZIONE E SICUREZZA DEL LAVORO
8. La prevenzione
9. II modello sindacale
• 1. Breve excursus storico
• Il modello del gruppo omogeneo
• La situazione attuale
• Prospettive future
10. L'approccio aziendale
• L'organizzazione scientifica del lavoro
• La concezione sociale del lavoro
• L'ergonomia
• L'impresa come sistema socio-tecnico
• Un nuovo modello partecipativo: i circoli di qualità
• L'epoca contemporanea
11. La legislazione italiana ed europea
• La normativa italiana
• La normativa prevenzionale comunitaria
• Il decreto legislativo 626/94
QUALITÀ E SICUREZZA DEL LAVORO
12. Verso un nuovo modello di sicurezza del lavoro
• Lo scenario attuale
• Le fasi del ciclo economico
• Sicurezza come sinonimo di qualità