L'occhio e lo sguardo

Autori e curatori
Contributi
Pietro Andujar, Michelangelo Antonioni, Franco Bellotti, Gabriella Brusa Zappellini, Sergio Caruso, Anna Cascella, Enrico Castelli Gattinara, Giuliana Chiaretti, Gillo Dorfles, Konrad Fiedler, Adelio Fus, Lorenza Gianfranchi Cosetta, Giulio Guidorizzi, Alain Herv, Armando Lazzaroni, Vincenzo Loriga, Gianni Massironi, Valeria Medda, Tiziano Rossi, Dziga Vertov, Renzo Vespignani, Roberto Viglino
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 224,      1a edizione  1995   (Codice editore 1278.2)

L'occhio e lo sguardo
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820492335

Presentazione del volume

Porta aperta sul mondo, l'occhio è qualcosa di più di un puro e semplice organo corporeo. Specchio e strumento dell'anima, esso "guarda" sempre in funzione di qualcosa che va al di là del fatto visivo. Vede per chiedere. O per accogliere le richieste di un altro. O per testimoniare. O per raccontare. Donde le sue molteplici valenze simboliche.

Visto come benigno e come malefico, come portatore di amore e di avversione, ha la capacità di parlare a distanza e di violare, col suo semplice esserci, l'intimità dell'altro.

Non meraviglia quindi che l'attività del guardare sia iperregolata, e che il mito preveda l'accecamento per chi insegue la visione oltre il limite consentito (si veda in apertura il saggio di Gillo Dorfles su Tiresia). Come se la coscienza di chi vede costituisca, per chi è visto, un irreparabile oltraggio. L'occhio dell'analista e l'occhio del regista, a cui questo volume dedica particolare attenzione, muovono da questo oltraggio. Perché, contravvenendo alle regole della buona creanza, pongono la visibilità come meta della ricerca, o come oggetto da ostentare.

Questo volume, com'è consuetudine della Ginestra, accoglie contributi d'indole diversa: alcuni psicanalitici altri saggistici e letterari. Praticamente si è cercato di sottolineare il rapporto che intercorre fra occhio e fantasia, fra occhio e mente, e che può dar luogo ai tanti travisamenti del reale di cui si nutrono il sesso e la passione d'amore.

La Ginestra è una nuova Collana di carattere psicoanalitico, con pubblicazioni periodiche e monotematiche. Essa si propone di ridare concretezza e precisione al linguaggio psicologico, aprendosi anche al confronto con le altre scienze umane. Direttore: Vincenzo Loriga. Comitato di redazione: Piero Andujar, Gabriella Brusa Zappellini, Sergio Caruso, Enrico Castelli Gattinara, Giuliana Chiaretti, Riccardo De Benedetti, Sandra Gosso, Giulio Guidorizzi, Valeria Medda.

Indice

Per un'altra vista?
• Ambiguità dello sguardo: Tiresia e Nathaniel, di Gillo Dorfles
• Le funzione dell'occhio nei "Tre saggi sulla teoria sessuale", di Vincenzo Loriga
• L'occhio di Brundlefy, di Pietro Andujar e Armando Lazzaroni
• L'esercizio della seconda vista, di Giuliana Chiaretli
• Uno sguardo oltre il divano, di Franco Bellotti
• Vedere senza guardarsi, di Roberto Viglino
• Gli occhi del ragno, di Sergio Caruso
• Incrociare lo sguardo. Narciso filosofo, di Valeria Medda
• Vedere iI doppio, di Vincenzo Loriga
• Una testimonianza, di F.P.
Lo spazio visivo
• Guardando, di Michelangelo Antonioni
• Iperspazi di colore, di Gianni Massironi
• Cineocchio, di Dziga Vertov
• Occhio, sguardo e spazio visivo, di Enrico Castelli Gattinara
• Pittura e linguaggio visivo. L'opera d'arte nell'epoca del suo ammutolire, di Gabriella Brusa Zappellini
• Aforismi sull'arte, di Konrad Fiedler
• L'occhio che racconta, di Adelio Fusé
Pretesti
• Lo sguardo dell'amata (Dalla poesia erotica greca), di Giulio Guidorizzi
• Dodici sonetti, di William Shakespeare
• Poesie, di Tiziano Rossi
• Poesie, di Cosetta Lorenza Gianfranchi
• Fogli di diario, di Renzo Vespignani
• L'occhio senza simpatia, di Alain Hervé
• Bobi, di Vincenzo Loriga
• Poesie, di Anna Cascella