Lo stato e la città

Architetture, istituzioni e funzionari nella Lombardia illuminista

Autori e curatori
Collana
Livello
Dati
pp. 332,   figg. 63,     1a edizione  1984   (Codice editore 1417.5)

Lo stato e la città. Architetture, istituzioni e funzionari nella Lombardia illuminista
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 44,00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820449841

Presentazione del volume

I saggi raccolti in questo volume intendono far luce sui molteplici legami tra architettura e istituzioni in un preciso momento della storia lombarda: l'età teresiana e giuseppina, in vario modo permeata dalla filosofia dei lumi. Un tempo, questo, in cui allo svolgersi delle vicende politiche e delle riforme sociali ed economiche si intrecciano costantemente le trasformazioni urbane, le sistemazioni territoriali e le realizzazioni edilizie. le varie parti del libro esaminano il delinearsi del ruolo dello Stato nei confronti del territorio e delle città, indagando i tempi e i modi dell'esatta rappresentazione del primo e dell'arricchirsi delle seconde di moderne sedi per gli apparati amministrativi statali.

Aurora Scotti svolge la propria attività didattica e di ricerca presso l'istituto di storia dell'arte del[' Università statale di Milano. E' autrice di numerosi contributi sulla storia dell'architettura del '500 e del '600.

Indice

• Potere politico e rappresentazione cartografica del territorio: L'immagine della Lombardia nel secolo XVIII;
* definizione dei confini e rappresentazione cartografica
• Formazione e diffusione dell'immagine di Milano capitale tra 1770 e 1815
• Piermarini, architetto di corte e funzionario dello stato asburgico;
* Appunti sul rapporto Piermarini - Vanvitelli e il rifacimento del "Regio ducal palazzo" di Milano
• Cultura architettonica e scientifica di un architetto dell'età dei lumi
• Architettura e burocrazia nella Lombardia neoclassica: l'architetto - funzionario da Marcellino Segré a Pietro Gilardoni
• Architettura e istituzioni: Distribuzione, tipologia e scelte formali di alcuni edifici di "pubblica utilità" nella Milano del secondo '700
• L'Ospedale S. Matteo al tempo di Maria Teresa e Giuseppe II: dal ricovero indifferenziato alla "clinica"
• L'architettura delle "istituzioni" a Pavia nell'età teresiano - giuseppina
• Strutture architettoniche per i pazzi nella Lombardia del secolo XVIII
• Il collezionismo dei funzionari asburgici: Il conte Carlo Firmian, collezionista e mediatore del "gusto" fra Milano e Vienna
• La collezione Da Pagavo.






newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi