Quel che resta dei media

Idee per un'etica della comunicazione

Collana
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 416,   2a ristampa 2014,    6a edizione, aggiornata  2010   (Codice editore 241.1.1)

Quel che resta dei media. Idee per un'etica della comunicazione
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 43,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856831863

In breve

Una sintesi degli aspetti più profondi e umanamente rilevanti del panorama dei media. L’esplosione dei reality show, la diffusione delle serie televisive americane, la frantumazione del consumo audiovisivo e l’emergere di nuove forme di intrattenimento sono alcune fra le principali questioni che il primo decennio del Duemila ha posto agli autori e che sono state affrontate in questa nuova edizione del volume.

Utili Link

Studi Cattolici La comunicazione di moda (di Paolo Braga e Armando Fumagalli)… Vedi...
Yahoo!Finanza Recensione… Vedi...

Presentazione del volume

A più di dieci anni dall'uscita della prima edizione del volume (nel 1998), gli Autori ripropongono una sintesi sugli aspetti più profondi e umanamente più rilevanti del panorama dei media. L'esplosione dei reality show, la diffusione delle serie televisive americane, la frantumazione del consumo audiovisivo e l'emergere di nuove forme di intrattenimento sono solo alcune fra le principali questioni che il primio decennio del Duemila ha posto agli studiosi e che sono state affrontatte in questa nuova edizione.
Una riflessione autorevole e documentata, chiara ed equilibrata - senza però rinunciare a prendere posizioni anche scomode su temi rilevanti e controversi - sulle principali questioni antropologiche ed etiche messe in gioco dai mezzi di comunicazione di massa.
Il volume si rivolge quindi non solo agli studiosi del settore e ai professionisti della comunicazione, ma anche a tutte quelle persone - insegnanti, educatori, psicologi, sociologi, ma anche responsabili di associazioni familiari, genitori, operatori culturali, responsabili di cineforum, ecc. - che hanno a cuore a diverso titolo l'impatto umano di quello che il panorama mediale in cui siamo immersi ci offre. I capitoli del libro mettono a frutto le migliori acquisizioni dei più recenti studi di etica filosofica e di analisi dei media per una riflessione sui valori e i modelli di vita che vengono proposti da televisione, cinema, stampa quotidiana e periodica e sui loro prevedibili esiti - "quel che resta dei media" - nella vita delle persone e, di riflesso, della società.

Hanno collaborato: Paolo Braga, Raffaele Chiarulli, Laura Cotta Ramosino, Luisa Cotta Ramosino, Stefania Garassini, Giulia Gibertoni, Chiara Toffoletto.

Gianfranco Bettetini è stato ordinario di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa presso l'Università Cattolica di Milano, dove ha diretto per molti anni quella che oggi è l'Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo. Per molti anni ha affiancato all'attività accademica quella di regista cinematografico, teatrale e televisivo. Attualmente tiene un corso di Semiologia dell'audiovisivo presso l'Università Sor Orsola Benincasa di Napoli.
Armando Fumagalli è ordinario di Semiotica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove dirige il Master Universitario in Scrittura e produzione per la fiction e il cinema. Dal 1999 è consulente di sviluppo progetti per la casa di produzione televisiva Lux vide. Ha tenuto corsi e lezioni presso Rai e Mediaset e in Università e scuole di cinema di diversi Paesi europei, dell'America Latina e di Los Angeles e New York.

Indice



Introduzione alla prima edizione
Introduzione all'edizione 2010-11-06 La verità nell'informazione
(L'informazione inutile; Fragilità del sistema; Informazione e democrazia in Internet; Dimensioni della responsabilità morale; Informazione e pubblicità; Difese corporative; La questione dell'obiettività; I limiti del dialogo)
La verità nella fiction e nello spettacolo
(Il verosimile; Il genere; Natura e convenzione nel genere e nel verosimile; Televisione che fa la verità; Televisione che fa la realtà?; Lo "spettacolo" della realtà: i reality show; I due poli del verosimile)
Dimensioni etiche della narrazione
(Letteratura e vita civile; La lettura come esperienza etica; Emozione e ragione; Gli altri come soggetti; Il modello narrativo; Etica ed estetica; Alcune conseguenze pratiche)
Il corpo fra dissoluzione e manipolazione
(Media come estensione del corpo; Il senso del luogo; L'affrancamento dal corpo nella computer graphics; La dissoluzione dei corpi nel virtuale; L'esibizione dei corpi; Il corpo perfetto: la moda e l'emergere della fitness; Erotismo e pornografia; Il pudore e il "significato" del corpo)
Giovani, amore, identità di genere
(Dalla televisione "di flusso" a Internet; La frammentazione comunicativa; La fruizione del "prodotto di culto"; L'esibizione dei sentimenti; Fiction per i giovani; L'amore-passione; Il gender fra identità e rappresentazione; L'omosessualità stereotipata)
La violenza e la rappresentazione del male
(teorie degli effetti e violenza; La rappresentazione della violenza; L'argomentazione per la violenza; La stimolazione dell'aggressività; L'imitazione della violenza; Perversioni, libertà degli artisti e difese sociali; Una responsabilità più coerente; La dimensione pragmatica)
I fondamenti di un'etica della pubblicità
(Vecchie domande; Lo snodo di un sistema; Pubblicità e significati sociali; Etica e consumo; La comunicazione di parte; Alcuni aspetti specifici; Uno schema possibile; La comunicazione aziendale)
I media e il loro pubblico
(Hollywood contro l'America?; Uno strano tabù; La qualità; Servizio pubblico e dimensione educativa dei media; Un'etica della prima persona)
Riferimenti bibliografici.