"> L'organizzazione per l'innovazione. Il caso del Centro Ricerche "G. Natta" Montell di Ferrara - FrancoAngeli

L'organizzazione per l'innovazione

Il caso del Centro Ricerche "G. Natta" Montell di Ferrara

Livello
Testi advanced per professional
Dati
pp. 96,   figg. 5,     1a edizione  1999   (Codice editore 1332.9)

L'organizzazione per l'innovazione. Il caso del Centro Ricerche
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846412430

Presentazione del volume

Il libro presenta una ricerca sulle caratteristiche organizzative e professionali del Centro Ricerche "Giulio Natta" Montell di Ferrara: uno dei più innovativi centri di ricerca e sviluppo del mondo nel settore delle poliolefine.

Il successo del CER deriva dalla capacità di integrarsi con il business aziendale, attraverso la tempestività di risposta al mercato, la continua innovazione di prodotto e di processo, la flessibilità dell'organizzazione. La ricerca esplora il modello di organizzazione socio-tecnica che è alla base di questi risultati.

L'organizzazione del Centro non è caratterizzata da strutture e mansioni predeterminate, ma da alcune dimensioni costitutive, tra le quali:

* una configurazione flessibile e "visibile" dei processi (basata sulla costante sperimentazione negli "impianti pilota");

* un sistema di coordinamento e integrazione capace di ri-configurare efficacemente l'organizzazione in funzione degli obiettivi (i team stabili e autodeterminati, il "triangolo" processista-capo impianto-tecnologo, i ruoli di integrazione, le riunioni ad hoc, etc.);

* un sistema di governo unitario (la "leadership multipla") delle principali variabili tecnico-manageriali del CER (obiettivi, conoscenze, risorse umane), che sostituisce il tradizionale concetto di gerarchia;

* un modello professionale basato sulle competenze e sull'empowerment delle persone.

La presentazione del caso CER si completa con un'intervista a Gabriele Govoni, Direttore del Centro, sugli aspetti organizzativi e professionali e sugli attori che hanno reso nel tempo questo centro uno dei più eccellenti luoghi di innovazione scientifica e tecnologica del settore.

Angelo M. Fasulo , consulente e ricercatore nel campo della progettazione organizzativa e dello sviluppo delle risorse umane e dei sistemi professionali. E' partner della "Butera e Partners" e ricercatore IRSO. Maurizio Catino , ricercatore e consulente IRSO nel campo dell'analisi e progettazione organizzativa. Partecipa al Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca Sociale, Università di Roma, "La Sapienza".

Indice

Paolo Galli, Presentazione

Introduzione

(Il contesto aziendale e le prestazioni attese; Le prestazioni per il vantaggio competitivo: "tempestività" e "flessibilità"; Il livello di performance)

Il processo di ricerca e sviluppo al CER

(I diversi approcci alla ricerca e sviluppo; Gli impianti pilota come "baricentro" della R&S in CER; I processi della R&S in CER; L'interdipendenza dei processi)

L'organizzazione ed i sistemi di coordinamento e controllo

(Le modalità di coordinamento; Il triangolo "processista-capo impianto-tecnologo"; Il governo del sistema attraverso il modello della leadership multipla; I principi organizzativi di funzionamento)

Il modello professionale e di sviluppo del personale

(Le competenze ed i processi di professionalizzazione; Il modello professionale del dipendente CER; Gli orientamenti gestionali)

Sistema sociale e relazioni di lavoro

(Le relazioni di lavoro ed il sistema di partecipazione; Gli strumenti e le modalità di azione; La partecipazione per aree integrate)

Apprendimento e diffusione della conoscenza

(L'apprendimento continuo; Dall'apprendimento individuale all'apprendimento organizzativo: il percorso di apprendimento dei "novizi" negli impianti pilota)

Considerazioni di sintesi sul modello organizzativo

(La pianificazione delle attività; I meccanismi di integrazione organizzativa; Il modello professionale e delle competenze)

Alcuni tratti della storia, dell'organizzazione e delle persone del CER. Intervista con Gabriele Govoni, Direttore del Centro Ricerche