Flessibilità d'impresa e sicurezza del lavoro

Per un nuovo approccio alle crisi occupazionali

Contributi
Franco Bortolotti, Mario Giaccone, Loris Lugli, Nicoletta Pari, Piero Pessa, Contardo Pifferi, Roberta Ricucci, Davide Roccati, Marco Trentini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 368,      1a edizione  2000   (Codice editore 765.23)

Flessibilità d'impresa e sicurezza del lavoro. Per un nuovo approccio alle crisi occupazionali
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,50
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846420558

Presentazione del volume

Bisogna costruire nuove politiche del lavoro , a partire dalle esperienze positive già realizzate , per fronteggiare le crisi occupazionali e, più in generale, la crescente mobilità del lavoro: è questo il filo conduttore del volume, che presenta i risultati di 21 studi di caso, di tipo aziendale o territoriale, svolti in Italia nel quadro di "MODIL - Modelli di Intervento per il Lavoro", un progetto comunitario cui partecipano 14 partner di 10 paesi europei.

L' ambito locale è il contesto dell'innovazione, dove è possibile promuovere la competitività e la flessibilità del sistema produttivo e sostenere contemporaneamente la crescita professionale dei lavoratori, rispondendo in forme nuove alle loro esigenze di sicurezza e realizzazione.

Non mancano gli attori per questa sfida: come i casi studiati ampiamente suggeriscono, la convergenza organizzata e regolata di imprese, parti sociali, enti pubblici e soggetti sociali rilevanti apre le porte a soluzioni originali , complesse ed efficaci, su cui gli autori si soffermano, proponendo modelli di analisi, criteri di interpretazione e proposte di implementazione.

Ma la concertazione locale , grimaldello dell'innovazione, per essere davvero efficace deve essere interpretata dagli attori locali con grande responsabilità e deve essere tradotta, con precise scelte organizzative , in strategie di azione e specifici strumenti innovativi.

Il volume nasce dalla collaborazione tra l'IRES CGIL "Lucia Morosini" del Piemonte, gli IRES CGIL della Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, l'Osservatorio sulla Contrattazione della FIOM-CGIL del Piemonte, la Cooperativa S.R.F. - Società Ricerca e Formazione di Torino e l'agenzia di sviluppo Codex di Torino.

Scritti di: Franco Bortolotti, Mario Giaccone, Loris Lugli, Nicoletta Pari, Piero Pessa, Contardo Pifferi, Roberta Ricucci, Davide Roccati e Marco Trentini.

Giancarlo Cerruti è segretario regionale della Federazione Formazione e Ricerca della CGIL del Piemonte e professore a contratto di Sociologia industriale presso l'Università degli Studi di Torino.

Roberto Di Monaco è direttore dell'IRES CGIL "Lucia Morosini" e professore a contratto di Sociologia del Lavoro presso l'Università degli Studi di Torino.

Massimo Follis è docente di Sociologia del lavoro presso l'Università degli Studi di Torino.

Indice


Bruno Camillo Gino , Presentazione
Nicoletta Pari, Contardo Pifferi , Introduzione. Il progetto MODIL. Obiettivi e scenario europeo
Giancarlo Cerruti , Il modello di analisi: flessibilità e sicurezza nelle politiche del lavoro
(Le categorie analitiche; I criteri per identificare le politiche innovative di regolazione del lavoro)
Mario Giaccone, Loris Lugli , Processi di aggiustamento a livello territoriale. La regolazione del mercato del lavoro in contesti ad alta mobilità
(Il problema di aggiustamento nelle piccole imprese; Le linee di intervento sostenute dai rapporti bilaterali; Gli esiti: la regolazione territoriale della mobilità; Indicazioni per le politiche)
Studi presentati
Mario Giaccone
, CASO A L'Ente Bilaterale del Turismo di Venezia
Loris Lugli , CASO B Le convenzioni in agricoltura
Massimo Follis , CASO C La Cassa Edile di Torino
Mario Giaccone , CASO D L'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto
Massimo Follis, Marco Trentini , La crisi dell'azienda. Chiusura di imprese o unità produttive che implicano drastiche riduzioni di personale
(Ricorrenza ed effetti occupazionali degli aggiustamenti industriali; Soluzioni dominanti e residuali; I sistemi di governo delle manovre; Considerazioni sui risultati)
Studi presentati
Loris Lugli
, CASO E Le Officine Reggiane O.M.I. S.p.A.
Franco Bortolotti , CASO F Volta Industries S.p.A.
Massimo Follis , CASO G Alenia S.p.A.
Roberto Di Monaco , CASO H Cartiera Burgo S.p.A.
Roberto Di Monaco, Roberta Ricucci, Davide Roccati , I problemi di riaggiustamento industriale. Riorganizzazioni degli assetti produttivi con effetti occupazionali
(Strategie d'impresa e richieste di flessibilità; Le manovre utilizzate: l'impatto sulla sicurezza; I livelli di responsabilizzazione dell'impresa)
Studi presentati
Franco Bortolotti
, CASO I Livorgest S.c.r.l.
Marco Trentini , CASO L Aermacchi S.p.A.
Roberta Ricucci, Davide Roccati , CASO M Carrozzeria Bertone S.p.A.
Piero Pessa , Strategie aziendali e flessibilità. Situazioni di sviluppo produttivo incerto con ricadute sull'occupazione
(Mercato, flessibilità e strategie di regolazione; Le manovre per accrescere la flessibilità; Impatto delle manovre e modelli di relazioni industriali; Il ruolo del sindacato)
Studi presentati
Piero Pessa , CASO N Ce.Set. S.r.l.
Mario Giaccone , CASO O Zignago Tessile S.p.A.
Roberto Di Monaco , Conclusioni. Politiche preventive, reti locali e coinvolgimento degli attori sociali e istituzionali
(La mobilità del lavoro: un problema del futuro per lo sviluppo locale; I fattori critici per le politiche innovative; Strategie e strumenti di innovazione).