Documentare il disagio

Come fare informazione su tossicodipendenze, alcolismo e disagio giovanile

Autori e curatori
Contributi
Andrea Ascari, Elena Buccoliero, Maria Luisa Cavazzini, Nicoletta Ferretti, Franco C. Giannotti, Luigi Grotti, Primo Pellegrini, Graziano Pini, Silvia Rattighieri, Luisa Savino, Daniele Scarscelli, Alide Tassinari
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 128,      1a edizione  2000   (Codice editore 1130.102)

Documentare il disagio. Come fare informazione su tossicodipendenze, alcolismo e disagio giovanile
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846425386

Presentazione del volume

I Centri di documentazione sul disagio e sui fenomeni sociali come la tossicodipendenza, l'alcolismo, l'Aids, nascono in una fase di grande innovazione, in cui l'informazione diventa strumento fondamentale dell'azione sociale: si ha cioè tanta più possibilità di incidere sul contesto quanto più si riesce a comunicare.

L'informazione interviene sulle rappresentazioni dei fenomeni sociali e nell'ambito del disagio; essa riproduce le dinamiche tipiche del mercato diffondendo una conoscenza basata più su una visione scandalistica e pietistica che su un'ottica complessa di comprensione globale. Poco spazio è lasciato agli approfondimenti; l'informazione viene prodotta seguendo criteri di economicità e di tempestività. I Centri di documentazione assumono quindi un ruolo fondamentale nell'offerta di prospettive di lettura diverse di questi fenomeni, con un approccio ispirato a criteri di arricchimento e approfondimento conoscitivo e di intervento sociale efficace.

Per questo motivo la Regione Emilia Romagna ha promosso e sostenuto sul proprio territorio la nascita di Centri di documentazione sulle tossicodipendenze, l'alcolismo e il disagio giovanile, sia nel settore pubblico, in particolare nei SerT e negli Enti locali, che in quello privato, facendo riferimento alle Comunità terapeutiche, e ne ha istituito un coordinamento.

L'obiettivo del volume, che contiene contributi di operatori dei Centri di documentazione dell'Emilia Romagna e del Gruppo Abele di Torino sui temi dell'informazione, della documentazione, della ricerca e della formazione, è quello di mostrare modalità di intervento diverse in un'ottica critica. In appendice è riportata la delibera della Regione Emilia Romagna sulla prevenzione primaria.

Indice


Franco Celeste Giannotti , Prefazione
Linda Montanari , Introduzione
Primo Pellegrini , Informazione e centri di documentazione
Nicoletta Ferretti, Alide Tassinari , La documentazione: il valore della memoria
Graziano Pini , La ricerca nella rete dei centri di documentazione
Elena Buccoliero, Luigi Grotti , La formazione: proposte e prospettive
Andrea Ascari, Maria Luisa Cavazzini, Silvia Rattighieri , L'informazione
Daniele Scarscelli , Lettura critica del percorso e stimoli allo sviluppo
Luisa Savino , Schede di presentazione dei centri di documentazione
Appendice - (Delibera della Giunta regionale dell'Emilia-Romagna n. 655 del 6/5/1997: "Linee di indirizzo per le attività di prevenzione primaria e per il coordinamento dei centri di documentazione sulle tossicodipendenze, alcolismo e disagio giovanile").