LIBRI DI ANDREA FERRARI

Andrea Ferrari

Non c'è un perché.

Ammalarsi di tumore in adolescenza

Gli adolescenti si ammalano di cancro. E sono pazienti speciali. E hanno bisogno di posti speciali, dove ci sia posto per il significato dell’esistere, l’amore, il sesso, il desiderio di rivolta, la paura della morte, la voglia di essere padroni del proprio destino. Questo libro ci racconta di aspetti clinici e di cosa succede nella testa di un ragazzo. Ce lo racconta attraverso le loro storie e le parole dei loro medici, i progetti pensati per loro, i nuovi modelli di cura.

cod. 1411.92

Laura Veneroni, Cesare Albasi, Marta Podda, Andrea Ferrari, Maura Massimino, Carlo Alfredo Clerici

Tra psicoterapia e neuroscienze: il racconto dei sogni nel lavoro di supporto psicologico dei pazienti affetti da neoplasie dell’età pediatrica

RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA

Fascicolo: 2 / 2017

Le possibilità di cura dei bambini e degli adolescenti malati di tumore sono aumentate grandemente negli ultimi decenni; come conseguenza di questi progressi, la qualità di vita e gli aspetti psicologici di questi pazienti sono diventati obiettivi centrali delle cure in questo ambito. Ammalarsi di un tumore in età evolutiva mette alla prova l’adattamento psichico in una fase cruciale per la costruzione dell’identità, delle relazioni e dell’autonomia; occuparsi di questi pazienti quindi offre importanti occasioni di conoscenza sull’adattamento a gravi eventi stressanti e sull’efficacia di un supporto psicologico precoce. In questo lavoro è illustrato il ruolo dell’utilizzare il sogno nella consultazione psicologica o nella psicoterapia di pazienti in età evolutiva affetti da neoplasie e dei loro famigliari. L’uso del sogno è proposto in questo testo in una prospettiva chiave narrativa e non interpretativa, all’interno di una consultazione clinica. È illustrato come il sogno e la fantasia possano rappresentare una dimensione sospesa nella quale è possibile per il paziente poter manifestare paure e preoccupazioni troppo difficili da esprimere in modo esplicito.

Pietro Fausto D'Egidio, Alfio Lucchini

Il buon uso dei farmaci oppioidi

Attraverso le voci di oltre cento professionisti del sistema d’intervento italiano sul tema della sicurezza d’uso, il volume analizza il tema dell’uso dei farmaci oppioidi, i presidi più significativi a disposizione dei clinici nei Servizi delle Dipendenze per curare le persone con dipendenza da eroina e oppiacei in genere.

cod. 231.1.59